"Le bibite energetiche non servono per il poker"

dieta3

L'esperto nutrizionista Rosario Coppola ci spiega perché un buon bicchiere d'acqua sia meglio di una Red Bull. A meno che non giochiate a poker facendo jogging...

Continua la nostra serie di articoli dedicati alla relazione tra poker ed alimentazione. Questa settimana abbiamo incontrato il Dottor Rosario Coppola per discutere con lui di come riuscire a creare una dieta equilibrata per giocatori di poker.

E sfatare qualche “falso mito” come quelli delle barrette magiche e di quelle bibite energetiche che raramente mantengono le loro mirabolanti promesse.

Leggete l’intervista con attenzione e, nel caso doveste ancora avere dei dubbi su quale sia la migliore alimentazione per giocatori di poker, non dimenticate di dare uno sguardo anche agli altri articoli della serie.

Tra diete poso curate e scarsa attività fisica, molti giocatori di poker tendono ad avere qualche chilo di troppo.

C’è qualche dieta  specifica che consiglierebbe per perdere peso ma comunque far fronte all’esigenza di rimanere iper-concentrati sul gioco per delle ore?

Pensare di mangiar bene solo nel giorno della competizione è quanto più sbagliato si possa pensare e fare.

Quello a cui si deve far fronte è il periodo precedente al giorno in questione, o meglio ai giorni: potrebbe essere utile avere uno stile di vita sano, nella cui dieta sono previste grandi quantità di frutta e verdura, corse quotidiane o semplici passeggiate, senza mai perdere la costanza che rende il corpo allenato e aiuta la circolazione e l’ossigenazione dei tessuti, cosa essenziale per potersi concentrare.

Non dimenticare l’assunzione di liquidi: acqua ovviamente. L’idratazione è importantissima per poter far funzionare il nostro corpo nel migliore dei modi.

Ansia, stress, poca energia: sempre piu` diffuso l`utilizzo di integratori sotto forma di bevande energetiche piuttosto che barrette alimentari.  Crede sia davvero necessario ricorrere a questi sostituti?

C’è qualche alimento che può aiutarci a sopravvivere ai momenti più difficili?

Bevande energetiche e barrette alimentari potrebbero essere d’aiuto in casi di vita non sedentaria.

intro
Non fate come noi: non lasciatevi tentare dalle Red Bull gratis delle WSOPE
 

In quei giorni della competizione le bevande contenenti sostanze nervine possono alzare l’attenzione per la prima mezz’ora per poi calarla ad un livello più basso di quando si è bevuto. L’unica bevanda che consiglierei è l’acqua.

Qualunque cibo confezionato contiene sali e zuccheri nascosti, il più delle volte non elencati in etichetta, che potrebbero essere causa di aumenti di ritenzione idrica, gonfiore alle gambe ed alle mani, e ciò si potrebbe ripercuotere sulla concentrazione; quanto agli zuccheri, possono essere responsabili di un aumento di glicemia e poi insulina, che trasformano il pasto in adipe.

Ultimamente è successo che qualche giocatore sia rimasto vittima di un’intossicazione alimentare nella pausa-cena di un torneo. Esiste un rimedio naturale per accelerare la ripresa o... riposo ed attesa sono l’unica possibilità?

Il movimento rappresenta l’unico rimedio ... una passeggiata di 10-15 minuti aiuterebbe i movimenti intestinali ed una sana ripresa.

Moltissimi sportivi hanno cominciato a riconoscere l’importanza del supporto di un nutrizionista per migliorare le proprie prestazioni.

Pensando all’attività (poco) fisica e (molto) mentale richiesta ad un giocatore di poker – ritiene che anche questa possa essere aiutata dal supporto di uno specialista dell’alimentazione? In quale modo?

Uno specialista potrebbe preparare il competitore sia nei periodi precedenti sia durante e dopo lo stress della gara per poter così riprendere le energie. Non esistono diete del momento o della giornata, solo se ci si prepara ci si può presentare all’appuntamento al massimo delle potenzialità.

L’Autore

Il Dott. Rosario  Coppola è un Biologo Nutrizionista con Master Internazionale II livello su Nutrizione e Dietetica.

Il Dottor Coppola è un esperto in diete personalizzate per il dimagrimento o per la preparazione atletica degli sportivi. Per conoscere di più sulla sua attività, vi invitiamo a visitare il suo sito Internet “Il Nutrizionista” mentre, per contatti, potete scrivergli all’indirizzo info@ilnutrizionista.eu.

Della stessa serie:

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti