PokerStars, addio al Team Pro online italiano

giada fang luca pagano pierpaolo fabretti

Giada Fang, ‘Actaru5’ e Pier Paolo Fabretti non giocheranno più i prossimi eventi live e online con la patch e con i gradi di ‘addetti ai lavori’ per conto di PokerStars.

La notizia è di quelle che fanno scalpore, anche se forse prima o poi ce lo si sarebbe potuto aspettare, viste le grandi novità portate in casa PokerStars da quando c’è stato il passaggio di consegne nelle mani di Amaya.

La poker room della picca rossa, infatti, ha deciso di smantellare il Team Pro online per quanto riguarda il nostro Paese. E sono soprattutto tre giocatori a patirne le conseguenze.

Giada Fang, ‘Actaru5’ e Pier Paolo Fabretti, infatti, non potranno più giocare nessun evento live e online rappresentando la poker room dell’Isola di Man a partire da questa settimana.

Di fatto, rimane il solo Luca Pagano a rappresentare il nostro Paese tra i giocatori patchati da PokerStars, anche se il giocatore veneto è sempre più preso dall’avventura su Hearthstone con il suo Team QLASH.

Italia sempre più all’angolo

Di fatto, quella di smantellare il Team Pro online è l’ennesima decisione che colpisce, almeno sul fronte di PokerStars, il movimento pokeristico nel nostro Paese.

fabretti topkapias
Per Fabretti un futuro già... microfonato

L’Italia, infatti, difficilmente quest’anno ospiterà degli eventi live dopo la nuova composizione dei calendari in seguito alla riforma portata avanti dai nuovi vertici della room, con la nascita dei PokerStars Championship e dei Festival.

Italia, dunque, messa sempre più all’angolo dai vertici della poker room della picca rossa. Forse alla luce dei numeri emersi nelle ultime settimane sul fronte dell’online, e degli ultimi eventi disputati dal vivo.

Traffico in leggero ma costante calo sui tavoli di PokerStars nel nostro Paese, qualche centinaio di presenze negli ultimi eventi live, come ad esempio la doppia tappa di Saint Vincent (a maggio e ad agosto del 2016) a dire il vero poco frequentata.

La scelta di allargare gli orizzonti da parte di PokerStars, dunque, penalizza in maniera forte il mercato italiano, che come detto verrà rappresentato dal solo Luca Pagano in termini di sponsorizzazione.

Il destino degli ex patchati

A questo punto, resta da capire quale sarà la sorte che capiterà ai giocatori che di fatto sono rimasti privati all’improvviso della sponsorizzazione targata PokerStars.

Giada Fang non ha perso tempo per rendere pubblica la cosa, con un post pubblicato sabato sera su Facebook che a prima vista poteva apparire come un pesce d’Aprile, ma che in realtà non lo era.

giada fang facebook2

Nessuna reazione pubblica da parte di ‘Actaru5’, mentre per Pier Paolo Fabretti esiste già una sorta di ciambella di salvataggio, visto che dall’inizio del 2017 è la nuova spalla di Andrea Borea in cabina di commento per gli eventi live di PokerStars.

Resta da capire, nel suo caso, se la fine dell’avventura come membro del Team Pro online andrà a coincidere con la scadenza di ogni rapporto lavorativo con la room.

Come detto, solo Luca Pagano è il volto noto della poker room della picca rossa per quanto riguarda l’Italia, oltre a due grinder come Alessandro ‘deneb93’ Pichierri – vincitore della leaderboard nello scorso anno – e ‘totosara_93’ che ha invece vinto la leaderboard mensile.

 

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti