Il ritorno di Tom Dwan: è show a Macao

tom dwan macao

In molti si erano chiesti che fine avesse fatto il bizzarro giocatore americano, movimentatore dei tavoli high stakes live e online. La risposta è arrivata da Macao

Tom Dwan ha fatto impazzire tutti negli anni scorsi, prima costruendosi un’immagine fortemente vincente online, e poi massacrando letteralmente alcuni tra i tavoli più prestigiosi dell’high stakes live.

Da qualche tempo, però, se ne erano perse improvvisamente le tracce. E non sono mancate le formulazioni delle ipotesi più disparate sulla fine che avesse fatto ‘durrr’, dalle più probabili alle più clamorose.

C'è anche chi ha ripreso ad attaccare pubblicamente, come nel caso di Haralabos Voulgaris, il quale ha avanzato nuovamente accuse in merito a una grossa somma di denaro, di cui Tom sarebbe debitore.

Ma la risposta di Dwan è arrivata, neanche a dirlo, sul campo. E una volta tanto non è arrivata una sua affermazione nel cash game – il suo terreno di caccia preferito – bensì in un torneo.

High Roller fortunato

tom dwan3
Una recente immagine di Dwan in quel di Macao

È successo tutto in un evento, il Macau Billionaire Poker Spring Challenge Super High Roller. Si è giocato, come si può evincere dal nome del torneo, a Macao, diventata ormai la nuova casa di Dwan.

Si tratta di un torneo dal buy-in di 64.000 dollari, non particolarmente frequentato ma comunque ricco di giocatori interessanti nel proprio field di partenza. Erano infatti 12 gli iscritti a questo evento, praticamente un Sit & Go allargato.

In questa occasione, ‘durrr’ è tornato a sfoderare le proprie armi migliori, mettendo in fila l’esiguo field. È così arrivata una seconda moneta da circa 275.000 dollari, che lo ripaga (seppur parzialmente) di qualche downswing avuto in terra d’Asia.

E poi c’è da registrare un evento importante per la carriera di Dwan. Da circa tre anni, infatti, il giocatore nativo del New Jersey non piazzava una bandierina in un torneo live. Era il febbraio del 2014, quando Dwan giunse sesto nell’High Roller da 250.000 dollari dell’Aussie Million.

A sconfiggere l’americano in heads up è stato un altro volto noto dell’high stakes online. Stiamo parlando del bielorusso Mikita Badziakouski, meglio noto come ‘Fish2013’ su PokerStars e capace di conquistare i 420.000 dollari di prima moneta.

Chiacchiere messe a tacere

Sembra quasi un caso che Tom Dwan sia tornato a portare a casa un premio proprio in questi giorni. Nelle ore in cui l’americano era impegnato in questo High Roller di Macao, infatti, un paio di illustri colleghi stavano parlando proprio di lui.

Parliamo di Doug Polk e Phil Hellmuth, i quali si sono resi protagonisti di uno ‘show’ andato in diretta sul canale Youtube del primo. Proprio ‘The Poker Brat’ aveva parlato delle vincite messe a segno dal suo giovane collega.

E ha parlato di un clamoroso upswing da circa 30 milioni di dollari, messo a segno da Dwan in una notte sola, seguito da un’altra serata che gli ha fruttato altri 18 milioni.

Ma nel frattempo, prosegue l’invettiva di ‘WCGRider’ nei confronti di ‘durrr’, sempre sulla base della celeberrima ‘Durrr Challenge’...

 

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti