WSOP 2010: Filippo Candio Quarto (da Infarto)

candio

Filippo Candio torna a Cagliari con un quarto posto da November Nine, 3 milioni di dollari ed il nome scritto nella storia del poker. Mamma mia.

Nonostante il quarto posto di Filippo Candio al Main Event delle WSOP suonerà a qualcuno quasi come una sconfitta, l'unica certezza che abbiamo qui a PokerListings è quella di aver vissuto insieme (e grazie) a Filippo uno dei momenti più indimenticabili della storia del poker italiano.

E chissenefrega se il quarto posto non è il primo e se il titolo di campione del mondo di poker non atterra all'aeroporto di Elmas direzione Bastione di Saint Remy - la prestazione di Filippo Candio da November Nine, il suo titolo di giocatore più vincente di tutti nella storia del poker, la sua felicità, sono tutti insieme gli elementi che ci fanno gridare la gioia di esserci stati e di aver in qualche modo avuto l'onore di vivere un momento storico in diretta.

Uno, due...double up!

E dire che la serata era iniziata talmente bene da far pensare ad un esito segnato. Perchè quando ti aspetti che il ragazzino della Cagliari bene sia lì a farsela sotto dalla paura, lui fa finta di nulla e ti spiega che il poker lo vincono quelli che lo giocano, non quelli che lo temono.

L'apertura dei giochi vede infatti le cose farsi immediatamente molto serie e Candio le governa portandosi dalla sua parte un double up contro il chipleader Duhamel in una sfida da niente: AA contro AK. Praticamente un principio d'infarto.

Mentre Filippo altalena scippi e scorribande in un tavolo che mai aveva visto un giocatore italiano  così da vicino, si cominciava ad aprire il conteggio dei player out con Soi Nguyen costretto a raccogliere il non fantasmagorico titolo di primo degli eliminati.

Archiviata l'eliminazione di Nguyen, i rischi di infarto aumentano con il sit out di Matthew Jarvis che saluta tutti con una sconfitta a metà tra un film di Fantozzi (per la sfortuna) ed un romanzo di Edgar Allan Poe (per il grottesco).

Jarvis si gioca la sopravvivenza al tavolo contro Mizrachi: 99 contro AQ - difficile ma possibile. Q8Q al flop tolgono il respiro: da sconfitto, Mizrachi diventa vincitore. Con turn e river ancora da giocare.
Il turn è un 9 - Mizrachi continua a comandare ma Jarvis ricomincia a respirare: la vittoria è possibile.
O quasi, visto che l'Asso che spunta al river significa mano, partita ed incontro per il povero Jarvis.

Intanto Filippo scende un po' nel chipcount ed inizia ad attaccare lo slowplay degli americani mentre il tabellone segna, inesorabile, anche l'uscita di Dolan (sesto) e di Mizrachi (quinto) che, da favorito diventa un ricordo.

Parte anche Candio

A questo punto, però, l'appuntamento di lunedì viene privato anche del nome di Filippo Candio, player out in una partita della vita che, comunque sia andata, ha decisamente onorato fino all'ultimo secondo.

La sfida è un All-in preflop tra Candio e Cheong: Q K contro #Af #3f - potenzialmente anche un colpo realizzabile.

Solo che il dealer decide di partire subito con un Asso al flop che poi non corregge più presentando al termine del river un board decisamente beffardo composto da: A 7 2 5 4.

Che significa un biglietto di ritorno per l'aereoporto di Elmas - Cagliari con 3.092.545 dollari in tasca.

Cade anche Cheong

A voler essere maligni (e cagliaritani), si potrebbe dire che i frastimi hanno avuto il loro effetto - visto che dopo aver chiuso la partita di Filippo, il caro Joseph Cheong ha avuto il suo turno per fare i bagagli e lasciare il tavolo.

Sconfitto da Duhamel in una mano decisamente interessante da 17 milioni di chips che ha constribuito ad incrementare il vantaggio di Jonathan Duhamel che, lunedì, si troverà protagonista (e favorito) dell'heads up finale con John Racener.

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Aki 2011-03-01 03:35:56

Segnalo agli appassionati di poker gli occhiali da sole con cui gioca Filippo Candio: sono I Pokerize Rainbow (http://www.facebook.com/PokerizeEyewear). Perfetti per giocare online e… per qualsiasi bluff!