Fenomenologia dei Giocatori: Perché Giochiamo a Poker?

giocare poker motivi
Soldi? Fama? Competizione? Siete sicuri di sapere davvero che cosa vi spinge a giocare a poker?

È davvero solo per i soldi che giochiamo a poker? Secondo Reber solo una piccola percentuale di poker player gioca davvero per i soldi. E gli altri?

di Artur S. Reber

Recentemente ho letto un articolo di un ottimo giornale che cominciava così: "L'obiettivo, nel poker, è vincere quanti più soldi possibile".

Detto tra noi, l'articolista ha scoperto l'acqua calda. Tra libri di poker, video, corsi, blog e chi più ne ha più ne metta, è un concetto che viene ripetuto fino allo sfinimento.

È diventato un mantra, quasi un canto religioso, dato per vero e mai messo in discussione. Ma essendo io un eretico, voglio proprio metterlo in discussione perché, diciamocelo, non è vero per nulla.

Non fraintendetemi, eh: a tutti noi piace vincere, speriamo sempre di vincere e sicuro ci aspettiamo di vincere ogni volta che giochiamo.

Non penso proprio che vincere soldi sia il motivo per il quale così tanti milioni di persone giocano a poker.

Perciò, se non è per i soldi, perché giochiamo?

Ci ho pensato parecchio ultimamente, e sono arrivato a classificare cinque tipi di persone che giocano a poker con una certa frequenza. Ciascuna gioca per un motivo diverso. 

 

 

#1 - Il giocatore "tutto svago"

Queste persone giocano a poker semplicemente perché gli piace. Di solito giocano agli small stake, principalmente Limit, ma alcuni si avventurano anche nelle partite No Limit.

Questa categoria secondo me (anche se non ho prove a riguardo) rappresenta la maggior parte dei giocatori di poker.

Direi che tra il 65% e il 75% dei giocatori ricade in questa categoria.

Aaron Paul 8 2015 WSOP
l'attore Aaron Paul, ora impegnato con la GPL, gioca a poker per puro svago

Diamine, la percentuale potrebbe essere persino più alta. E non penso proprio che queste persone giochino per vincere soldi.

Giocano per divertirsi, proprio come quelli che al casino si intrattengono col blackjack, il baccarat o, più spesso, le slot.

A volte vincono, ma la maggior parte delle volte perdono.

Queste persone interpretano il poker come se fosse un'uscita a cena o in un night club. Si aspettano di tornare a casa più poveri finanziariamente, ma più ricchi sotto altri aspetti.

 

 

#2 - Il giocatore "molto svago e un pizzico di ego"

Questi giocatori hanno molto in comune con il primo gruppo, ma qui c'è un elemento in più in gioco.

Per loro, giocare significa anche competere.

Apprezzano il fatto che l'abilità e il duro lavoro assumano un ruolo significativo, e capiscono, a volte molto bene, che potranno vincere solo se studieranno e faranno molta attenzione mentre giocano.

Certo, vincere è importante, ma il denaro è solo ciò che evidenzia il successo.

Dan Bilzerian Poker
Il milionario Bilzerian usa il poker per soddisfare il suo ego...

Quando vincono si sentono alla grande, perché sono riusciti a emergere trionfanti da un gioco che sanno essere molto difficile da battere.

Possiamo trovare questi giocatori a qualsiasi livello di stake, dai più bassi ai più alti.

La maggior parte di loro quasi sicuramente è quel tipo di giocatore che perde nel lungo periodo. Direi che il 15%-20% circa dei giocatori ricade in questo gruppo.

 

 

#3 - Il giocatore "molto svago e un po' di soldi spesi"

Questo tipo di giocatori prendono più seriamente l'elemento finanziario del gioco.

Il loro obiettivo è chiaro: essere vincenti, anche se non in maniera incredibile.

Sanno che cominciare a pensare seriamente all'elemento-soldi significa dover migliorare il loro gioco in moltissimi modi:

  • Cercare le partite più facili.
  • Giocare in molte sale diverse, in serate diverse e in periodi diversi.
  • Studiare un sacco di materiale.
  • Lavorare costantemente sugli elementi strategici.
  • Cercare di stare al passo coi tempi.
  • Tenere una traccia accurata dei propri risultati.
  • Unirsi a gruppi di discussioni.
vicky coren2
Vicky Coren, tra mille impegni, trionfa a poker col minimo sforzo

Tutte queste cose richiedono tempo e sforzo. La maggior parte di loro ha degli altri lavori, una famiglia, degli hobby, e non ha proprio il tempo per queste cose, né l'intenzione di sforzarsi troppo.

Il loro obiettivo è vincere, portare a casa un po' di soldi extra, ma comunque divertirsi. Credo che il 4%-6% dei giocatori ricada in questo gruppo.

 

 

#4 - I "semi-pro" non si affidano totalmente al poker

Qui le cose cominciano a farsi serie. Questi giocatori fanno del poker una professione, ma hanno bisogno di altri fondi per arrivare alla fine del mese.

Giocano a poker per i soldi. Studiano e imparano il più possibile tutti i nuovi trucchi e le nuove strategie.

Magari raccontano barzellette e ridono quando sono seduti al tavolo, ma rimangono sempre concentrati sul gioco.

pierre neuville
Tra una risata e l'altra, Pierre Neuville sa il fatto suo...

Spesso danno mance più piccole della media, evitano le partite che prevedono un jackpot per le bad beat, giocano in sale e siti di poker online con rake più bassi e scelgono con attenzione le loro partite.

Credo che non più del 3% o 4% di chi gioca abitudinariamente a poker ricada in questa categoria.

 

 

#5 - I pro che giocano per "lavoro"

Qui, la sentenza con cui abbiamo aperto diventa incredibilmente e totalmente vera.

Questa confraternita piuttosto piccola (penso che coinvolga non più dell'1% o 2% dei giocatori) è composta da chi vive completamente di poker.

Il poker è tutto ciò che fanno. Se non vincono, non possono pagare l'affitto e fare la spesa.

Jason Mercier giocare
Per Jason Mercier il poker non è niente di più che un lavoro

Il denaro è tutto.

Ho molti amici in questo gruppo e sapete una cosa? Non riescono a divertirsi quanto i giocatori delle categorie precedenti.

Come dice il saggio: "È difficile vivere in modo facile".

 

 

Sull’autore:

arthur s reber 2 300
Arthur S. Reber

Arthur S. Reber ha giocato a poker e ai cavalli per quarant’anni. È l’autore di The New Gambler’s Bible e coautore di Gambling for Dummies.

Ex editorialista di Poker Pro Magazine e di Fun ‘N’ Games, ha collaborato anche con Card Player (con Lou Krieger), Poker Digest, Casino Player, Strictly Slots e Titan Poker.

Reber ha elaborato una nuova struttura di valutazione delle questioni etiche e morali che emergono nel gambling, su invito dell’International Conference of Gaming and Risk Taking.

Fino a poco tempo era professore di psicologia al The Graduate Center, City University of New York.

Tra le sue tante attività in questo ambito, ha fatto parte anche del Programma Fulbright all’Università di Innsbruck, in Austria.

Ora si è semi-ritirato, anche se ogni tanto fa visita agli studenti della University of British Columbia di Vancouver, in Canada.

Sito ufficiale

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Luca 2013-11-11 18:07:42

Giocatore n2 :)
Spero però di risultare vincitore alla lunga non perdente :(