Differenze e punti d'incontro tra Omaha High e Hi-Lo

Fortunatamente per quelli che già conoscono l'Omaha High, l'Hi-Lo ne condivide quasi tutte le regole.

L'unico momento in cui l'High e l'Hi-Lo differiscono, per quanto riguarda le regole, capita allo showdown.

L'Omaha Hi-Lo, noto anche come Omaha High-Lowo, O8 e Omaha 8-or-Better, è uno delle varianti di poker più popolari e divertenti al mondo.

Dato che questo articolo evidenzia solo le differenze tra l'Omaha High e l'Omaha Hi-Lo, se non conoscete le regole del gioco dell'Omaha High è meglio dare un'occhiata a questo articolo:

Dando per scontato che conosciate l'Omaha High, vediamo cosa distingue le due varianti.

Omaha Hi-Lo: le regole allo showdown

L'Omaha Hi-Lo è una variante "split pot", cioè allo showdown il piatto si divide a metà: una parte viene consengata a chi ha la mano migliore, l'altra a chi ha la miglior "mano bassa" possibile.

Mano alta

La mano più alta nell'Omaha Hi-Lo è identica a quella dell'Omaha High. Non esistono requisiti per la mano più alta: questo significa che c'è sempre una mano alta vincente.

Mano bassa

Le mani basse devono rispettare alcuni requisiti per poter concorrere alla metà "bassa" del piatto.

  • Una mano bassa è composta da due carte qualsiasi della mano del giocatore e tre delle carte del board (community cards).
  • Le carte usate dal giocatore per la sua mano alta non hanno effetto sulla mano bassa. Il giocatore può usare le stesse carte, carte diverse o una combinazione delle carte.
  • Una mano low è composta da 5 carte che non presentano una coppia, di qualsiasi valore pari o inferiore all'8.
  • Gli assi vengono considerati come carte basse.
  • Colori e scale vengono ignorati. La miglior mano bassa possibile dunque è A-2-3-4-5 di qualsiasi seme.
  • Le mani basse si contano dall'alto verso il basso, il che significa che la carta di riferimento è quella dal valore maggiore. Per esempio, 2♠ 3♣ 5♥ 6♥ 7♥ è più basso di A♠ 2♣ 3♥ 4♣ 8♠.
  • Qualsiasi mano contenente una coppia, o una carta più alta dell'8, non si qualifica per la parte low, anche se la coppia è inferiore all'8.
  • I semi non contano; qualsiasi giocatore che condivide con un altro lo stesso low si dividerà la parte bassa del piatto (vincere la metà della metà della parte bassa, e nulla nella parte alta, viene definito nel gergo come "quartered

 

Una mano d'esempio:

Board: 4♥ 5♣ 7♥ Q♠ A♦

Mano 1: A♥ 2♠ K♥ K♠

Mano 2: A♠ 3♠ Q♥ Q♦

Mano alta vincente: Vince la mano due con un tris d donne: Q♥ Q♦ Q♠ A♦ 7♥

Mano bassa vincente: Vince la mano due con un low 7-5-4-2: 7♥ 5♣ 4♥ 2♠ A♥

 Eccone una più difficile:

Board: K♥ 3♦ 4♦ 8♠ 2♦

Mano 1: A♥ 2♠ Q♦ K♠

Mano 2: 6♥ 7♥ T♦ J♦

Mano alta vincente: Vince la mano 2 con un colore al jack: 2♦ 3♦ 4♦ T♦ J♦

Mano bassa vincente: Vince la mano 2 con un low 7-6: 7♥ 6♥ 4♦ 3♦ 2♦

In questo piatto, la mano 2 vicne tutto: sia la parte high che la parte low. Molti giocatori pensano che la mano 1 vincerà la parte low, perché A-2 è più basso di 6-7.

In realtà, la coppia chiusa dalla mano 1 con il suo 2 al river gli impone di usare l'8 come quinta carta per la sua mano low. Anche se la maggior parte delle carte della mano 2 sono più alte, questa può utilizzare le tre carte più basse del board, chiudendo un low al 7.

Regole generali

  • In caso di chip dispari extra, non divisibile a metà, quella chip viene attribuita sempre a chi ha vinto la mano alta.
  • Se non ci sono mani low, tutto il piatto va a chi ha la mano alta.
  • I giocatori possono vincere una o entrambe le metà del piatto, con le stesse carte o carte diverse.
  • Il giocatore non deve annunciare per quale parte del piatto sta concorrendo, all'inizio della mano. Ciò è richiesto solo in altre varianti di poker, in cui è obbligatorio dichiarare.