Smettila di farti bello con grandi bluff (video)

strategia non bluffare
Bluffare senza un piano preciso può solo farti perdere

Quando i principianti iniziano a giocare a poker, spesso pensano che le loro possibilità di vittoria si basino totalmente sui grandi bluff, da mettere in atto ogni volta che se ne ha la possibilità.

La realtà è che per vincere a poker è necessario avere delle basi di gioco solide, piuttosto che concentrare tutte le proprie energie sull'aggressività alla cieca. Probabilmente le pellicole hollywoodiane che hanno fatto la storia del cinema del poker, hanno anche instillato nella mente di molti aspiranti giocatori l’associazione tra poker e bluff, fattibili in ogni occasione.

Ci sono buone possibilità che vi ricordiate di mani nelle quali, più di una volta, i vostri bluff sono andati fuori controllo prima di esservene resi conto e avete messo a rischio il vostro intero stack con una mano che è risultata davvero fallimentare.

Molti dei vostri guadagni proverranno probabilmente da altri giocatori che faranno questo stesso tipo di errore

Fino a che il vostro gioco non migliorerà a tal punto da comprendere quando eseguire un bluff complicato, risparmiate il vostro denaro e focalizzatevi su trarre il massimo valore dalle migliori mani che avrete.

Quando si parla di bluff bisogna considerare che è sempre meglio effettuare molti piccoli bluff con un'alta possibilità di successo, piuttosto che mettere a rischio l'intero stack con un solo grande imbroglio incrociando semplicemente le dita e sperando che il vostro avversario, intimorito, lasci la mano.

Proprio come potrete aspettarvi da un gioco così ricco come il Texas Hold’em, esistono diversi tipi e gradi id bluff:

Quick bluff (bluff veloci)

Semi-bluff

Stoneff bluffs (o bluff nudi)

In questo video dedicato alla strategia del poker vi insegneremo come giocare in posizione e vincere piatti anche quando non avrete una buona mano; inoltre, vi insegneremo come effettuare un semi bluff per trarre massimo profitto dei vostri migliori progetti. I semi-bluff sono una parte cruciale del poker, ma attenzione: se fate semi-bluff ogni volta che avete un grande progetto, risulterete trasparente come il vetro.

Però, la cosa più importante che vi mostreremo è come evitare di perdere grandi somme con delle mani inutili.

Date uno sguardo al video sottostante e guardate l'intera serie di “How Not to Suck at Poker” (Come Non Giocare Male a Poker) per smettere di giocare male e iniziare a vincere velocemente.

Ecco alcuni esempi specifici per mostrarvi esattamente come è possibile applicare queste regole di bluff:

Bluff Scenario 1

Ecco uno scenario di una partita dal vivo in cui la creatività finisce per essere una scelta costosa.

Ipotizziamo che il nostro Eroe sia stato al seduto comodamente al tavolo per un paio d'ore, alzando molto la posta in gioco pur mostrando mani dubbiose. La sua immagine è leggermente aggressiva e incline a bluffare. È seduto dietro una pila di gettoni dal valore di circa €500.

Dall'altra parte del tavolo c'è una donna gentile a cui piace chiamare le scommesse dell'Eroe, perché le sembra sempre che lui stia bluffando. Lei ha rilanciato tre delle ultime quattro mani e terminando con folds pre-flop o al flop su tutte.

Dalla posizione iniziale, la signora rilancia €15. Il giocatore alla sua sinistra chiama e così fa anche il giocatore alla destra dell'Eroe.

La signora pensa “Nessuno mi crede!” Prima che l'Eroe guardi sul tavolo A  A ♠ e chiami. Il prossimo giocatore, un uomo un po’ anziano, chiama e così fa ancora un altro.

Arriva il flop: 4  3 ♣. La signora punta €35 e il primo chiamante è il ragazzo alla destra dell'Eroe. L'eroe chiama ancora, così come fa il vecchio. Nuovo turno: 9 ♠. La signora controlla, come il ragazzo alla destra dell'Eroe. L'eroe scommette €130. Il vecchio ci pensa e poi fa l’ultima chiamata da €76.

La signora chiama e il ragazzo alla destra dell’eroe rinuncia. Arriva il river: 5 ♣.

La signora controlla e lo stesso fa l’eroe. Il ragazzo alla sinistra dell’eroe urla “Metti via tutto!”, e mostra la sua scala con 7 ♠ 3 ♠.

Analisi:

Come potete vedere, tutto quello che poteva andare storto in questa mano, è andato storto. Viene fuori che la signora possedeva K ♠ K ♣, e il ragazzo alla destra dell’Eroe aveva Q  Q .

L’Eroe ha perso circa €100 in una mano semplicemente perché non ha giocato al poker ABC (sia pre-flop sia post-flop). Se l’Eroe avesse avuto tre scommesse pre-flop, la donna (che ha sempre creduto che lui stesse imbrogliando e non avrebbe mai foldato KK prima di vedere il flop), avrebbe avuto una scommessa su quattro.

È probabile che le regine sarebbero state lasciate. Ma, dopo l’all in dell’Eroe, la signora avrebbe chiamato. Quindi, invece di perdere €100, l’Eroe (probabilmente) si sarebbe aggiudicato un piatto da €1000.

Bluff scenario 2

Sei seduto in un tavolo full ring da €0,50/1, hai €120 nel tuo Stack e hai giocato regolarmente al TAG poker. È il tuo turno e ricevi dal mazziere 8  8 ♠. Un giocatore con uno Stack di €245 rilancia di €4 dalla posizione intermedia. Tu chiami e viene servito il flop.

Il flop arriva con 6  8♣ 9 : hai imbrogliato nel set intermedio e sei sicuro di essere sopra il tuo avversario. Pensi, infatti, che lui non sia il tipo di giocatore che rilancia avendo in mano tutto ciò che avrebbe potuto servire una scala.

Il tuo avversario punta €7, tu decidi semplicemente di chiamare. Sale una regina Q . Il tuo avversario scommette €18, tu chiami di nuovo. Si serve il river: 10 .

Il tuo avversario sceglie di agire con un check e fai lo stesso anche tu. Il tuo avversario mostra le carte: svela due coppie con 8 ♠ 9 ♠. Vinci il piatto da €58.

Analisi:

Hai vinto il piatto finale ma hai perso fino a €182, nell’attesa che salisse una scala o un colore. Il tuo avversario ha “floppato” una mano mostruosa. Molto probabilmente stava facendo le tue stesse supposizioni, cioè che era molto improbabile avere una scala al flop.

Colpendo il flop (come il poker ABC detterebbe) creerai un piatto molto più grande e contribuirai ad eliminare la possibilità che il tuo avversario ti attiri (nel caso lui abbia il progetto di colore).

Conclusione:

Sì. Il poker non è basato sui risultati: è basato sulle decisioni. Entrambi gli esempi mostrano come essere troppo fantasiosi e giocare la mano in modo errato può finire per costarvi caro.

Il fatto che il vecchio abbia sferrato un colpo nel primo esempio è irrilevante. Anche se il river non gli avesse dato la scala, l'Eroe avrebbe comunque guadagnato meno denaro di quanto avrebbe fatto se avesse seguito esattamente le regole da manuale.

Se avete degli assi pre-flop e siete contro un avversario che pensate abbia una mano grossa e che è più che disposto a mostrare la sua forza, faresti un errore a non rilanciare.

I giocatori che devono ancora decidere verso quale direzione indirizzare il proprio gioco, spesso iniziano ad avere pensieri come "Se controrilancio adesso, gli altri sapranno di sicuro che ho un’ottima mano", quando in realtà la vostra mossa potrebbe significare qualsiasi cosa il vostro avversario voglia che significhi.

Quando giocate puntate basse o medie, è più probabile che i vostri avversari facciano molti errori, perché è più difficile ipotizzare le vostre mani. Di norma, seguire l'ABC da manuale farà in modo che i vostri risultati di lungo periodo saranno positivi.

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti

×

Sorry, this room is not available in your country.

Please try the best alternative which is available for your location:

Close and visit page