Libratus annienta i Poker Pro: si avvicina la fine del Poker Online?

sfida bot poker online

Il poker bot ha la meglio sui 4 poker pro in una serie di sfide online. I giocatori tornano a casa a mani vuote e il mondo del poker inizia a preoccuparsi sul serio.

Si è chiusa ufficialmente la seconda sfida Brains vs Artificial Intelligence, che vedeva da una parte un team composto da quattro giocatori di poker professionisti, e dall’altra Libratus, il poker bot ‘erede’ di Claudico.

Venti giorni di gioco, 120.000 mani, un risultato clamoroso: Libratus ha infatti vinto oltre 1,7 milioni di dollari (virtuali, s’intende), schiacciando la concorrenza di ciascuno dei suoi quattro avversari di heads-up.

Dong Kim è risultato il migliore dei brains, visto che ha perso 85.649 dollari. Per gli altri è stata una disfatta: Daniel McAulay ha perso 277.657 dollari, Jimmy Chou 552.857 dollari e Jason Les addirittura 880.087 dollari.

 

La macchina ha superato l’intelligenza umana?

L’esperimento di Libratus sicuramente ha implicazioni enormi, magari non tanto nel poker quanto in altre applicazioni informatiche. Siamo di fronte a qualcosa di paragonabile a quando il computer Deep Blue batté a scacchi il campione del mondo Garry Kasparov? Non proprio.

Va ricordato che Libratus ha affrontato i suoi avversari in heads-up, ad uno ad uno, e che per quanto la sua potenza di calcolo sia vasta, non può raggiungere il numero di situazioni possibili nel poker – stimato in 10 elevato alla 160° potenza.

O almeno non ancora…

Qui a seguire i risultati della sfida Brains vs Artificial Intelligence

Giocatore

Perdita

Per mano

Dong Kim

-$84,054

-$2.90

Jimmy Chou

-$338,347

-$11.69

Jason Les

-$862,347

-$29.80

Daniel McAuley

-$275,441

-$9.52

 

 

 

Totale

-$1,560,189

-$13.48

Come si è svolta la sfida?

Dall’11 gennaio (e fino al 30), presso il Rivers Casino di Pittsburgh, quattro giocatori di poker professionisti hanno cercato di dimostrare ancora una volta che l’intelligenza umana è in vantaggio rispetto a quella artificiale, almeno nel Texas Hold’em.

A sfidare Dong Kim, Jimmy Chou, Daniel McAulay e Jason Les ci ha pensayo Libratus, che altro non è se non l’evoluzione di Claudico, il poker bot che già l’anno scorso aveva tentato la stessa impresa, venendo però sconfitto da quattro giocatori in carne ed ossa – tra i quali anche Doug Polk.

A più di un terzo delle 120.000 mani previste dalla sfida, Libratus sta letteralmente facendo a pezzi i quattro professional poker player.

E non si dica che il team composto da esseri umani non abbia chissà quali motivazioni, visto che in palio ci sono 200.000 dollari.

[Leggi anche: La proposta dello scienziato Sam Ganzfried: Legalizzare i Poker Bot]

 

Le regole del gioco

Noam Brown Tuomas Sandholm libratus
Esultano Noam Brown e Tuomas Sandholm, sviluppatori di Libratus

In pratica la sfida funziona così: Libratus gioca in heads-up contro ciascuno dei quattro membri del team, per un totale come detto di 120.000 mani.

Se al termine delle mani in questione il poker bot avrà un saldo negativo, Kim, Chou, McAulay e Les potranno dividersi un gruzzoletto di 200.000 dollari. Altrimenti se ne torneranno a casa a mani vuote.

E proprio quest’ultimo sembra essere lo scenario più probabile. Sì, perché Libratus, programmato dagli scienziati della Carnegie Mellon School of Computer Science, per il momento è avanti di $471.600, quando sono state disputate esattamente 40.340 mani.

Tra i quattro giocatori in carne ed ossa, solo Dong Kim sta limitando i danni, avendo concesso a Libratus ‘solo’ 29.506 dollari. Il peggiore di tutti è Jason Les, sotto di 186.489 dollari, ma anche Daniel McAulay (meno 141.877 dollari) e Jimmy Chou (passivo di 113.728 dollari) stanno annaspando.

[Leggi anche: Gli Imbrogli più comuni nel Gioco Online: i Poker Bot]

 

libratus sfida poker
Dong Kim è l'unico a tenere testa al poker bot

Quando il computer inizia a bluffare…

Libratus, insomma, sembra aver preso il meglio del suo predecessore ed averci aggiunto un bel quid in più. Secondo Dong Kim, infatti, rispetto a Claudico, la nuova versione del poker bot sarebbe più forte e non di poco.

Il professional poker player si è reso conto infatti che Libratus non solo ha sviluppato un miglior senso del bluff, ma ha persino affinato la capacità di capire quando il suo avversario sta bluffando.

Manca ancora una decina di giorni prima della fine della sfida e si sa che nel poker, soprattutto No Limit, tutto può cambiare nel giro di poche mani. Per il momento, però, Libratus sta dimostrando che il ‘cervello’ di una macchina è ormai molto vicino a quello dell’essere umano…

 

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti

×

Sorry, this room is not available in your country.

Please try the best alternative which is available for your location:

Close and visit page