10 mosse essenziali nel Texas Hold'em: il semi-bluff

poker bluff

Perché per vincere nel poker i fondamentali non bastano.

Nel poker esistono molte mosse speciali che, una volta padroneggiate, possono fare la differenza tra vincere un po' di soldi e vincerne parecchi.

In questa serie di articoli strategici per principianti introdurremo 10 mosse essenziali nel Texas Hold'em, e vi mostreremo come utilizzarle per guadagnare più soldi e per poter ulteriormente migliorare il vostro stile di gioco al tavolo, sia esso in un torneo live che giocando online con il vostro computer o dispositivo mobile.

Oggi parleremo del semi-bluff, una mossa che può cambiare in maniera radicale la quantità di denaro che potete guadagnare quando floppate (o ricevete al turn) i vostri progetti. Invece di accontentarvi di una carta gratis, imparate a prendere il controllo della mano e a portarvi a casa il piatto anche quando non centrate il progetto.

Cosa: Il succo del semi-bluff sta semplicemente nel puntare o rilanciare con un progetto, quindi senza avere ancora ottenuto un punto importante ma con grandi chances di riuscire a metterlo a segno. Non è un bluff nel vero senso della parola, perché avete una mano che ha un buon potenziale di migliorare al turn o al river. Puntando o rilanciando avete due modi per vincere: potreste chiudere il progetto e la mano migliore, oppure aggiudicarvi il piatto uncontested quando il vostro avversario folda.

Quando: Proprio come la maggior parte delle mosse nel poker, il semi-bluff funziona meglio quando siete in posizione, specialmente se vi trovate a giocare da bottone o nella posizione a destra, quella del cut-off. Dato che un semi-bluff di successo si basa moltissimo sulla fold equity, è efficace solo quando è molto probabile che il vostro avversario foldi.

Dove: Il semi-bluff può essere utilizzato virtualmente in qualsiasi variante e formato di poker, sempre che ci sia un progetto o più street su cui agire. L'importante è avere sempre una chiara idea di quel che volete e dovete fare per non incappare in errori che potrebbero compromettere il vostro torneo o Sit & Go, oppure la vostra sessione di cash game.

Perché: Il semi-bluff combina l'equity dei vostri progetti con la fold equity guadagnata le volte in cui il vostro avversario folda e voi vincete il piatto uncontested. Inoltre bilancia i vostri range di puntata e di rilancio.

Il semi-bluff è utile per variare il vostro gioco, per rendere difficile al vostro avversario determinare se state bluffando o se state puntando con una mano completata. Sarà infatti più complicato leggere il vostro stile di gioco agli occhi dei vostri avversari, se riuscirete a portare a casa piatti giocati in semi-bluff, che non daranno mai l'idea di una mano forte in vostro possesso oppure di un bluff in piena regola.

Il semi-bluff fatto come si deve

Dato che è relativamente frequente floppare un progetto, è importante sapere quando un semi-bluff è appropriato, e quando invece vi costerà parecchio denaro.

Il punto chiave da ricordare è che con il semi-bluff avete due tipi di equity: la pot equity e la fold equity.

La pot equity si riferisce alla parte del piatto che vi spetta, in base alla sola forza delle vostre carte. Se avete un progetto di colore al flop e nel piatto ci sono $100, la vostra pot equity è di circa $35, perché chiuderete il vostro colore circa una volta su tre. Soltanto con una puntata di questa portata, oppure leggermente superiore, avrà senso portare avanti il vostro piano.

La fold equity si riferisce al valore che ottenete quando il vostro avversario folda e voi vincete il piatto senza dover centrare quel progetto di colore.

Perciò, naturalmente, maggiore è l'equity di entrambi i tipi che possedete, maggiore sarà la quantità di denaro che guadagnerete con i vostri semi-bluff.

La pot equity è facile da calcolare. Cliccate sulla nostra lezione strategica dedicata a come imparare a calcolare la pot equity.

Più pot equity avete, meno fold equity vi serve, dato che vincerete più spesso il piatto chiudendo la mano migliore.

Capire la fold equity, invece, è più complesso. Non esiste una semplice formula da seguire, ma ci sono alcuni fattori chiave che vanno considerati.

Il vostro avversario è tight o loose? È un calling station?

La fold equity implica la possibilità che il vostro avversario foldi, perciò il semi-bluff non funziona quando vi trovate contro un calling station incapace di foldare due overcard o una bottom pair.

Mettete nel mirino i giocatori weak e quelli tight ai quali potete far foldare mani marginali. Qualora vi trovaste invece di fronte un giocatore particolarmente solido, non sarà facile far valere la forza del vostro draw, e di conseguenza portare avanti il semi-bluff in maniera vincente.

La fold equity – lo ricordiamo ancora una volta – rappresenta la possibilità di veder foldare il vostro avversario, quindi non bisogna considerarla quando siete voi ad avere la mano migliore.

Composizione del board e immagine al tavolo

Fate attenzione alla composizione del flop e alle mani che pensate di attribuire al vostro avversario. Più è ampio il range del vostro avversario, più fold equity avrete, dato che folderà tutte le sue mani spazzatura senza pensarci due volte.

Se i vostri avversari vi hanno visto semi-bluffare molti progetti di colore, ragionate sulla vostra credibilità su un flop tipo A♣ 5♣ 2♦. Cominciate a fare più value-bet con mani completate, su questi tipi di board.

Attenzione a come si sviluppa il board

Convincere il vostro avversario a foldare è l'obiettivo principale del semi-bluff, e in questo aspetto non c'è nulla di diverso dal bluff puro. Proprio come quando bluffate con il nulla, le carte che capitano al turn e al river sono fondamentali per le vostre probabilità di successo.

Le carte alte, preferibilmente overcard rispetto al board, sono belle carte da vedere quando volete semi-bluffare. Volete vedere carte che indeboliscono il range percepito del vostro avversario e rafforzano il vostro, quindi vedere un asso o una figura (magari più di uno messi insieme) può giocare a vostro vantaggio.

Le overcard al turn e al river sono specialmente indicate per bluffare, perché il range di call al flop dei giocatori è formato da molte top e middle pair.

Per una spiegazione più dettagliata, fate click sul nostro articolo dedicato a come e quando sparare uno, due o tre colpi.

Un buon esempio di semi-bluff in azione

Eccovi un ottimo esempio in cui Lex 'RaSZi' Veldhuis semi-bluffa e vince un grosso piatto uncontested contro Phil Ivey. Si tratta di una mano interessante di per sé, visto che oppone due tra i migliori giocatori in circolazione, nonché rappresentanti più che degni rispettivamente del poker online e di quello live.

Veldhuis sa che il range di puntata di Ivey al turn è molto ampio, e perciò la sua fold equity è molto alta. Questo, unito agli out che avrebbe in caso venisse chiamato, rende tale situazione perfetta per un semi-bluff aggressivo.

E nonostante di fronte a lui ci sia uno dei migliori giocatori in circolazione, sia nella capacità di giocare in svariate situazioni sia nella lettura dei bluff come Phil Ivey, per il giocatore olandese si tratta comunque di un colpo vincente che gli consente di portare a casa un ottimo piatto.

 Altri articoli della stessa serie:

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti

×

Sorry, this room is not available in your country.

Please try the best alternative which is available for your location:

Close and visit page