WSOPE 2013, sesto braccialetto per Daniel Negreanu!

Spettacolare prestazione del Poker Kid, che in un sol colpo vince il sesto braccialetto, 725.000 euro e il titolo di WSOP Player of the Year.

Negreanu ha iniziato il final day dell'High Roller con la necessità di arrivare almeno ottavo, per diventare il primo giocatore nella storia delle WSOP a vincere per due volte il titolo di Player of the Year.

Il Poker Kid ce l'ha fatta, e alla grande. Negreanu, messo al sicuro il POY, ha ricevuto evidentemente un'iniezione di fiducia che lo ha spinto a livelli incredibili.

Alla fine, Daniel ha battuto il brasiliano Nicolau Villa-Lobos, assicurandosi il titolo. Sono passati quasi dieci anni da quando Negreanu vinse il primo WSOP POY, nel 2004, ma il canadese sembra diventare più forte col passare del tempo.

"Questo è uno di quei risultati che non mi scoderò mai", ha affermato Negreanu. "A volte la gente dice cose tipo 'è avanti con gli anni', ma questo mi motiva ancora di più a vincere".

Gruissem, Seiver e Koon vicini al braccialetto 

La giornata è cominciata con ancora 13 giocatori, ma Tom Bedell,Byron Kaverman e Phil Laak sono stati eliminati quasi subito, dando vita a una bolla particolarmente intensa.

Non solo c'erano in palio 50.400 euro per il nono posto, ma Negreanu - che in quel momento era short-stack - aveva l'opportunità di vincere il WSOP Player of the Year arrivando almeno ottavo.

Il November Nine 2013, Marc-Etienne McLaughlin, è diventato il bubble boy dopo essere stato eliminato in 10° posizione. Scherzando su Twitter ha detto di essersi risparmiato un po' di fortuna per novembre.

Lo short-stack Joni Jouhkimainen ha fatto tirare a Negreanu un sospiro di sollievo, quando ha sprecato il suoi ultimi bui con K-5 suited, ed è stato eliminato.

Così, non solo Negreanu ha vinto il POY, ma ha pure fatto double up all-inizio del final table, quando il suo A-K ha battuto la coppia di dieci di David Peters. Il double up ha rappresentato la chiave di volta per Negreanu, che da quel momento è diventato una forza inarrestabile.

Villa-Lobos, Peters e Gruissem hanno conquistato brevemente la chip leading, ma Negreanu se l'è sempre ripresa.

"Onestamente pensavo sin dal Day 1 che avrei vinto", ha affermato Negreanu al termine del torneo.

Il brasiliano Villa-Lobos secondo

L'otto volte vincitore di un braccialetto WSOP, Erik Seidel, è stato il primo eliminato al final table.

Jason Koon, Scott Seiver, Timothy Adams e David Peters lo hanno seguito, lasciando Phil Gruissem, Villa-Lobos e Negreanu a sfidarsi per il titolo.

Gruissem ha avuto l'opportunità di vincere il suo secondo WSOP High Roller quest'anno, ma si è sgonfiato una volta rimasti in tre.

Alla fine è andato all-in con A-4 suited, ma Negreanu ha chiamato (e vinto) con A-J.

L'heads-up tra lui e l'emergente brasiliano Nicolau Villa-Lobos è durato un'ora. Quest'ultimo ha giocato molto bene per tutto il torneo, ma Negreanu non è stato da meno.

Nella mano finale, Negreanu ha avuto la meglio con J-J contro 4-4 di Villa-Lobos. Ecco il payout completo del final table:

1st: Daniel Negreanu – Canada - €725.000

2nd: Nicolau Villa-Lobo – Brazil - €450.000

3rd: Philipp Gruissem – Germany - €250.000

4th: David Peters – USA - €150.500

5th: Timothy Adams – Canada - €100.600

6th: Scott Seiver – USA - €74.600

7th: Jason Koon – USA - €63.500

8th: Erik Seidel – USA - €55.400

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti