WSOP APAC 2014: Sam Higgs batte Mike Watson e vince il braccialetto

samhiggs

Ancora una volta è un australiano a conquistare un evento delle World Series of Poker Asia-Pacific. Gli aussie viaggiano a 4 braccialetti su 5 eventi conclusi.

La prima settimana delle WSOP APAC 2014 è agli archivi e un primo verdetto è già lampante: l'Australia sta facendo faville. Dei cinque braccialetti finora assegnati, quattro sono di marca australiana (più uno malese). L'ultimo è targato Sam Higgs, che ha trionfato nel Pot Limit Omaha da 5.000 dollari australiani.

Higgs è arrivato al tavolo finale con uno stack mostruoso rispetto a quello dei suoi avversari, figlio di uno stile molto aggressivo. L'australiano, dunque, si sarebbe potuto soltanto rovinare da solo, spargendo chip a destra e a manca, ma invece ha giocato in maniera praticamente perfetta, heads-up compreso.

Subito fuori Ismael Bojang, lo short stack del tavolo, quando il suo A-T-K-J non ha potuto nulla contro il Q-Q-A-9 di Mike Watson. Quindi, dopo un double-up di Jamie Pickering, Jeff Rossiter ha abbandonato ogni sogno di gloria con J-J-9-4 contro il K-K-T-9 ancora dello scatenato Mike Watson.

Niente da fare per Pickering, nonostante il double-up e nonostante un secondo posto alle WSOP 2008 da migliorare. Rimasto corto, è andato all-in con K-K-6-2 al turn, ma ha trovato A-K-K-7 di Higgs ad aspettarlo: colore nut e tanti saluti al sogno di vincere un braccialetto alle World Series of Poker Asia-Pacific 2014.

Sul gradino più basso del podio troviamo Jonathan Duhamel, il cui 7-5-4-2 (non una gran mano, ma ormai era a corto di gettoni) ha potuto ben poco contro A-K-K-6 ancora di Higgs. Duhamel sperava in un board basso, ma sono usciti due 8, una Q, un T e un 6 e per lui è arrivato così un terzo posto da 52.068 dollari australiani.

A quel punto la lotta è rimasta aperta tra Sam Higgs e Mike Watson, entrambi a caccia del primo braccialetto WSOP in carriera. L'heads-up è iniziato con Higgs in vantaggio, ma Watson è riuscito a ribaltare la situazione centrando un set al flop. Higgs non ha perso la sua aggressività e presto ha ripreso il comando delle operazioni.

Nella mano finale, sul flop 5-J-Q con due fiori, Higgs ha chiamato una puntata di Watson che poi è andato all-in sul 4 di quadri al turn. Con 4-6-8-9 (e due fiori), Higgs ha deciso di prendersi un rischio e di chiamare, con Watson che ha mostrato K-K-6-7. Ma era proprio il torneo dell'australiano, che al river ha trovato un dieci utile per completare la scala.

Così il tavolo finale:

1-      Sam Higgs $127.843

2-      Mike Watson $79.099

3-      Jonathan Duhamel $52.068

4-      Jamie Pickering $36.449

5-      Jeff Rossiter $27.011

6-      Ismael Bojang $21.123

 

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti