WSOP 2015: Tutti i risultati dei giocatori italiani

wsop 2015 italiani risultati3

Seguiamo insieme le imprese degli azzurri in queste WSOP 2015 per scoprire i migliori piazzamenti e soprattutto se qualcuno porterà a casa un ambito braccialetto.

Aggiornato al 15-07-2015

Le WSOP 2015 sono cominciate col botto, grazie al The Colossus da 22.374 partecipanti - nuovo record per un torneo di poker live.

Ma anche gli italiani hanno iniziato con il piede giusto, visto che sono diversi i piazzamenti a premio. Ottimo momento per Giacomo Fundarò, che nell'Evento #4 si è spinto fino al 12° posto. Ma a brillare è decisamente Max Pescatori che vince il suo terzo braccialetto WSOP nell'Evento #9  e compie l'impresa di un quarto braccilaletto nell'evento #41!.

Nell'Evento #15 brilla Dario Sammartino che approda al final table e chiude sesto, mentre Carlo Savinelli è il migliore tra gli azzurri nell'Evento #20.

Pescatori non riesce ad imporsi nel #23 ma sfiora il secondo braccialetto in queste WSOP 2015 chiudendo ottavo nell'evento #27. L'evento #32 vede in scena altri due italiani: Andrea Dato protagonista di un ottimo Day 1, e un sorprendente Dario Sammartino che riesce ad arrivare al final table e a chiudere in quarta posizione sfiorando il braccialetto.

Antonio Buonanno si spinge fino al 23° posto nell'evento #37 e Silvio Crisari un gradino più in su nel #45 chiudendo in 22esima posizione.

Sono poi ben due gli italiani al final table del #55, Mario Perati e Stefano Terziani,  anche se non vanno oltre il 7° e 8° posto.

Leggi maggiori dettagli su ciascuno degli eventi:

 

Evento #68 - Main Event $10,000 - Federico Butteroni approda al final table del Main Event!

federico butteroni3

Dopo Filippo Candio, piazzatosi 4° nel 2010 finalmente un altro azzurro realizza il sogno di essere un November Nine!

(leggi di più sul final table e le ultime mani giocate al Main Event)


Federico Butteroni approda così al tavolo finale del Main Event delle World Series of Poker 2015 dopo un lungo e sofferto Day 7 che lo ha visto scontrarsi, tra gli altri, col grande Daniel Negreanu, eliminato poi in 11esima posizione.

Scopri di più su Federico Butteroni in questo articolo di Pokerlistings!

 

Qui gli altri azzurri andati a premio nel Main Event:

Alessio Fratti – 209° ($40.433)

Donato Alessi – 324° ($29.329)

Andrea Cortellazzi – 395° ($24.622)

Mariano Martiradonna - 386° ($24.622)

Walter Treccarichi  - 728° ($15.000)

Gianluca Trebbi  - 851° ($15.000)

Salvatore Bonavena  - 855° ($15.000)

Rosario Galtieri - 889°($15.000)

Gianluigi Zaniboni  - 903° ($15.000)

Ivan Barbuto - 909° ($15.000)

 

 

Evento #66 - LUCKY SEVENS No-Limit Hold'em - Mosele e Palumbo

rocco palumbo

Uno degli eventi più gettonati delle World Series, il Lucky Seven ha visto la partecipazione di ben 4,422 giocatori e tra questi molti azzurri si sono distinti ancora una volta.

61 i player a premio che nel Day 3 vedono ben 3 azzurri abbandonar la gara in the money con Martino Fiodor  60° per 6.593 dollari, Mario Perati 41° per 9.874 e soprattutto Rocco Palumbo (nella foto) che raggiunge la zona calda lasciando il gioco in 15esima posizione per un premio di 24.329 dollari.

A Tenere alto il tricolore ci pensa però Massimo Mosele che approda al tavolo finale anche se la sua corsa finisce presto in nona posizione per 40.085 dollari, mentre il braccialetto andrà nelle mani dell’americano Connor Bertowitz.

 

Evento 61 - The Little One for One Drop - La Malediazione del 13° posto

Senza dubbi uno degli eventi più attesi delle World Series, la versione diciamo "popolana" del Big One for One Drop, con sole 1,111 dollari di buy-in. Anche quest'anno un successo in termini di iscritti, con ben 4,555 partecipanti e un enorme montepremi di oltre 4 milioni di dollari.

A portare alta la bandiera italiana in questo caso ci ha pensato Raffaele Carnevale che fino alle ultime battute ha tenuto testa ad un field di giocatori estremamente variegato tra tedeschi, argentini e agguerriti asiatici tutti a ridosso del final table.

Alla fine Carnevale si è arreso al 13° posto proprio come Bendinelli nel #59, portando a casa un premio di 32.222 dollari.

 

Evento #59 - No-Limit Hold'em $1,500 - Delusione per Bendinelli

bendinelli gpm

Ci abbiamo creduto fino all'ultimo e soprattutto quando Giuliano aveva chiuso il Day 2 in testa al chipcount. Purtroppo l'azzurro si è dovuto arrendere al francese Aurelien Guiglini: A-K per Aurelin e J-J per Giuliano con un board che svela due re.

Guglini chiuderà poi in seconda posizione mentre il braccialetto andrà all'inglese Alex Lindop, mentre degna di nota la corsa di Haixia Zhang, vincitrice del Ladies lo scorso anno, che finisce in quarta posizione.

Bendinelli invece abbandona la gara al 13° posto per 24.263 dollari e un po' di amaro in bocca per un evento che avrebbe potuto regalargli il primo braccialetto in carriera.

 

Evento #56 - Turbo No Limit Hold'em $ 5,000 - Kanit ci prova

Se lo scorso anno aveva fatto letteralmente scintille, in questo 2015 Mustapha Kanit sembra essersi cullato un po' lasciando spazio a molti altri suoi connazionali. Pur non essendo approdato a nessun final table se non altro Mustacchione non si è risparmiato di portare a casa qualche riconoscimento da queste WSOP 2015.

Nell'evento 56 chiude infatti la sua corsa in 20esima posizione per 15.320 dollari, utili a ridurre le distanze da Pescatori che intanto ha riconquistato la vetta tra i giocatori italiani più vincenti di sempre.

Ottima prestazione anche da parte di Franco Cantarella che incassa lo stesso premio di kanit chiudendo in 24esima posizione.

 

 

Evento #55: $1,500 Draftkings 50/50 No-Limit Hold'em

walter treccarichi
Walter Treccarichi

Ancora una volta gli azzurri prendono d'assalto un evento di queste WSOP e ancora una volta si tratta di un torneo a grosso field. Ben 1123 i giocatori in gara per un montepremi di oltre 1,5 milioni di dollari.

Ottima la performance di Walter Treccarichi che chiude al 23° posto(6.049 dollari), mentre Perati e Terziani riescono ad approdare al tavolo finale.

Per entrambi i giocatori si tratta del primo final table delle World Series mai raggiunto in carriera. I due però chiudono rispettivamentre al 7° e 8° posto.

Questo il payout dell'evento #55

1-      Brandon Withmeyer $200.618

2-      Derek Gomez $123.907

3-      Ping Liu $77.516

4-      Mukul Pahuja $56.245

5-      Tom Braband $41.540

6-      Matt Affleck $31.079

7-      Mario Perati $23.650

8-      Stefano Terziani $18.268

9-      Michael Whitman $14.266

 

 

Evento #47 -$2,500 No-Limit Hold'em - Forte la presenza degli azzurri

davide suriano wsop braccialetto9
Suriano alle WSOP 2014

L'evento 47 ha visto coinvolti diversi giocatori italiani capaci di farsi spazio in un grosso field da 1244 players con un montepremi di quasi 3 milioni di dollari.

Sono in 6 a passare il taglio del Day 1 e ben 5 ad andare a premio su un totale di 144 giocatori. Si fermano poco distanti l'uno dall'altro Gaetano Preite (43°) e Michele Seccani (45°) nelle zone alte del payout con un assegno di 11.660 dollari.

Ancora in gara invece al Day 3 Muhamed Perati in 33esima posizione, Walter Treccarichi in 30esima posizione e infine nelle zone calde Davide Suriano in 13esima posizione.

Sono 41 in totale i giocatori ancora in gara, con Suriano a caccia del suo secondo braccialetto in carriera.

Degna di nota la presenza di Phil Hellmust a caccia del 15esimo braccialetto WSOP e in grado di chiudere questa giornata con uno stack di 622.000 chip nella settima posizione del chipcount finale.

Piazza pulita nel Day 3

Perati perde quota ed abbandona la gara 36°. Lo segue purtroppo Davide Suriano protagonista di alcune mani sfortunate che precipita in 21esima posizione per $16.640

Intanto Walter Treccarichi riesce a salire in classifica fino a chiudere 12° per un premio di $31.212

Ad eliminarlo una mano contro Matt O'Donnell in cui l’azzurro rilancia da 60.000 a 210.000 pre-flop prima di andare All-in. L’avversario chiama e si va allo showdown.

O'Donnell -     

Treccarichi -    

Board:          

 

Evento #45 - $1,500 No-Limit Hold'em - Crisari al Day 3

Silvio Crisari

Nel No-Limit Hold'em la speranza di vedere trionfare un altro italiano erano molte, soprattutto quando il Day 1, che ha visto la partecipazione di ben 1665 giocatori si è concluso con 5 italiani ancora in gara: Silvio Crisari, Walter Treccarichi, Eros Nastasi, Alfonso Amendola e Fabrizio Nolano.

Il Day 2 è però spietato con gli azzurri che cadono uno dopo l'altro lasciando in gara solo Silvio Crisari (22°)  tra i 24 giocatori rimasti in gara.

Di poco fuori Nolano che chiude 26° per 12.422 dollari, mentre Nastasi aveva abbandonato la corsa in 79esima posizione per un premio di 4.803 dollari.

Il Day 3 non sura molto per il nostro Silvio Crisari che si trova presto da short stack ad andare all-in in late position . Tyler Patterson chiama

Crisari:     
Patterson:     

Board:          

Patterson si aggiudica così la mano e Crisari lascia il tavolo 23esimo per un premio di 12.422 dollari.

 

 

Evento #41 - Seven Card Stud Hi-Lo 8 10.000 $ - Secondo Braccialetto per Max Pescatori alle WSOP2015!!!

Max Pescatori 2 bracciali WSOP 2

Incredibile impresa del Pirata in questo 41esimo evento delle WSOP che ha visto impegnati 111 giocatori nella specialità seven card stud per un montepremi di oltre 1 milione di dollari.

Come prevedibile moltissimi i Pro e i nomi noti del circuito internazionale tra cui Mike Leah (14°), Huuk Seed (15°), Phil Galfond (16°) ma soprattutto un agguerrito Daniel Negreanu, che ha tenuto testa a Pescatori prima di abbandonare la gara in terza posizione.

Ed è proprio Pescatori a far fuori Negreanu quando quest'ultimo ha tentato il tutto per tutto trovandosi in short Stack. Un premio di 113.000 dollari per lui che si alza dal tavolo lasciando a contendersi il braccialetto il nostro Max con il britannico Stephen Chidwick.

Sono in molti a seguire l'evento in streaming live nel quale Max parte con circa la metà delle chip del suo avversario prima di effettuare un'incredibile rimonta che lo porterà a vincere il suo quarto braccialetto WSOP in carriera e il secondo in questa edizione 2015 delle World Series!

Il Pirata mette inoltre le mani su un primo premio di $292,158. Leggi il report completo dell'evento!

 

 

Evento #37: $10,000 No-Limit Hold'em 6-Handed Championship – La mano che elimina Buonanno  

Antonio Buonanno

Il “Campionato a 6 mani” (evento 37) da 10.000 dollari ha visto ben 239 iscritti ed un montepremi di oltre 2,4 milioni di dollari.

A tenere alto il tricolore italiano ci ha pensato Antonio Buonanno, già vincitore di un EPT nel 2014, a caccia ora di un braccialetto WSOP.

Dopo aver passato il taglio del Day 1 Buonanno si è dovuto però arrendere verso la fine del Day 2 al livello 19. Antonio si trovava under-the-gun e con  Q Q in mano rilancia per 20.000. Ken Fisherman da bottone effettua una 3-bet forte della sua mano A A.

Board:           

Il board purtroppo non assiste Antonio che abbandona la corsa al braccialetto in 23esima posizione per un premio di 22.057 dollari.

 

 

Evento #36 - $1,500 Pot-Limit Omaha - Isaia, Pescatori e Di Persio

max pescatori2

Il Pot Omaha da 1500 dollari ha riunito 978 giocatori per un montepremi di $1.320.300 e a Day 1 concluso sono solo 140 i player superstiti.

Tre gli italiani in corsa con due  in particolare nelle posizioni alte del chipcount. Parliamo ancora una volta di Alessio Isaia e Max Pescatori. Il primo ha chiuso in 25esima posizione mentre il seondo è poco distante: 28°.

Più corto in stack Matteo Di Persio 91°.

 Un Day 2 da dimenticare

Il Day 2 dell'evento #36 è spietato con gli azzurri che abbandonano la gara perdendo anche posizione rispetto al Day 1.

99esimo posto per Di Persio che comunque va a premio con 2714 dollari. 52esima posizione invece per Alessio Isaia che porta a casa $4861. Un gradino più in su nel payout per Max Pescatori che finisce la sua corsa al secondo braccialetto 45° per $5692.

 

 

Evento #34 -$1,500 Split Format Hold'em - Tre Italiani al Day 2

L'evento 34 ha visto la partecipazione di ben 873 giocatori con un montepremi di 436.000 dollari e 159 superstiti che passano al Day 2.

Tra questi troviamo 3 italiani in 3 distinte posizioni del chipcount finale. Nelle zone "alte" in 34 esima posizione troviamo Cristiano Guerra.

Segue più in basso in 57esima posizione Gaetano Preite, mentre Luca Moschitta si trova nelle zone "basse" del chipcount. Il sicialiano è 130esimo con 29.5000 chip.

Niente da fare per gli azzurri

Luca Moschitta nel Day 2 di questo Split Format Hold'em riesce a risalire ma non abbastanza da mettersi al sicuro per il Day 3 ma chiude in the money 74° per $2.828.

Fine dei giochi anche per Cristiano Guerra che si spinge più in alto fino alla 45esima posizione per $ 4.478.

Ultimo ad abbandonare la corsa verso il secondo braccialetto azzurro di queste WSOP è Gaetano Preite che chiude 24° per 7.189 dollari.

 

 

Evento #32: $5,000 No-Limit Hold'em 6-Handed - Andrea Dato in gran forma nel Day1

andrea dato wsop

Nel Day 1 di questo No-Limit Holdem da 5000 dollari Andrea Dato  con uno stack di 149.100 ha chiuso al 13° posto. In corsa anche Dario Sammartino, meno fortunato però con una 145esima posizione e 36.400 chip.

Nella top ten provvioria troviamo nomi molto interessanti come il Fratello di Dan Bilzerian (Adam),  Simon Deadman, Alberto Fonseca e la nota Jennifer Tilly in quinta posizione.

Molti i nomi noti tra i 550 partecipanti, tra cui Colman, Danzer e Mercier.

Day 2 - Fouri Dato - Rimonta Sammartino

Nel Day 2 dell'evento #32 succede l'impensabile e proprio Andrea Dato che aveva chiuso in 14esima posizione nel Day 1 viene eliminato mentre Dario Sammartino è protagonista di una ripresa incredibile che lo vede arrivare negli ultimi 20 player rimasti.

Alle ultime battute della giornata l'azzurro perde quota e scivola in 19esima posizione con uno stack di 310.000 chip. Ancora in gara Jason Mercier, Jennifer Tilly e Jorryt Van Hoof.

Day 3 - Dario Sammartino e la maledizione del final table

sammartino

Ancora una quarta posizione per Dario Sammartino, ancora una final table dopo quelli degli ultimi mesi. Risultati impressionanti per Dario che anche se non riesce a mettere in tasca la vittoria, sta regalando grandi soddisfazioni all'Italia del poker.

Nonostante sia partito nel Day 3 in 19esima posizione, il cgiocatore campano è stato protagonista di un'impressionante rimonta che lo ha visto arrivare al tavolo finale con nomi come Jason Mercier e Mike Gorondisky.

Ed è proprio Mercier a eliminare Dario quando l’azzurro corto in shack muove le sue 425.000 chip all-in e Jason lo chiama da grande buio.

Sammartino ha in mano K 6 mentre Mercier ha T 9.

Il board è impietoso con l’azzurro:

         

Dario finisce così in quarta posizione per un premio di 163.604 dollari.

 

 

 

Evento #30 - $1,000 No-Limit Hold'em - Bendinelli e Moschitta fuori al Day 2

Moschitta Bendinelli wsop
Luca Moschitta alle WSOP2015

Inizia più che bene per gli azzurri questo 30esimo evento delle WSOP 2015, il No limit Hild'em da 1000 dollari che ha visto la partecipazione di ben 2.150 giocatori con un montepremi di quasi 2 milioni di dollari.

Sono 2 gli italiani ancora in gara dopo il day 1 che ha portato il totale dei partecipanti a 235 unità. Luca Moschitta  con 49.200 chip (sopra average) è in 84esima posizione. Luca è arrivato da pochi giorni a Las Vegas e dopo qualche eventi giocati in cui ha avuto poca fortuna, sembra ora invece in ottima forma, pronto a mostrare di che stoffa è fatto.

A far sperare ancora di più per un possibile secondo braccialetto italiano è Giuliano Bendinelli che con 102.800 chip e la 14esima posizione ha chiuso questa giornata al meglio.

Nel Day 2 purtroppo entrambi gli azzurri abbandonano la corsa al braccialetto, con Moschitta fuori 107° per 2.410 dollari, mentre Bendinelli sfiora il Day 3 chiudendo 28° per 8.157 dollari.

 

 

Evento #28 - MONSTER STACK $1,500 No-Limit Hold'em - Butteroni al Day 4

Ancora in corsa Federico Butteroni nell'Evento #28, il Monster Stack, dove l'azzurro ha chiuso il Day 3 in 18esima posizione su un totale di 29 giocatori rimasti.

Un'impresa degna di nota per un giocatore meno famoso di altri ma che sta dimostrando grande abilità rimanendo in gara in uno dei tornei più impegnativi delle WSOP.

Ben 7192 i partecipanti all'evento #28 che ha raqggiunto un montepremi di ben 9,7 milioni di dollari.

La corsa dell'azzurro si ferma però al Day 4 in 20esima posizione per un premio di 45,633 dollari.

 

 

Evento #27 - Seven Card Stud Championship $10,000 - Pescatori riconquista la vetta...

wsop2015

Un po' come era successo durante le scorse WSOP in cui a dominare le scena per gli italiani abbiamo avuto due omnipresenti Kanit e Pescatori, anche quest'anno Il Pirata sembra essere particolarmente agguerrito. Dopo la sua rapida uscita nell'evento #23 così come nell'HORSE (#24) dove generalmente Max è molto forte, tocca al Seven Card Stud Championship che ha visto solo 77 entries.

Così mentre Brian Hastings festeggia la vittoria del suo secondo braccialetto, Pescatori “piange” la mancata opportunità di fare suo il quarto, raggiungendo però un altro grande traguardo: Max ha infatti riconquistato la vetta della classifica degli italiani più vincenti di sempre.

Nel Seven Card Stud da 10.000 dollari (#27) Il Pirata ha chiuso in ottava posizione, quel tanto che bastava per aggiungere 28.000 dollari alle sue vincite nei tornei live e superare (nuovamente) Mustapha Kanit.

Allo stesso tavolo di Max sedevano anche Dan Kelly e Scott Clements, entrambi a caccia del terzo braccialetto, letteralmente sfiorato visto che hanno chiuso rispettivamente in terza e seconda posizione.

Degna di nota anche la corsa di Oxana Cummings, a caccia invece del primo braccialetto per le donne in un evento open: sono molte le giocatrici approdare ai final table di queste WSOP 2015.

Ecco il payout dell’evento #27

Brian Hastings $ 239.518

Scott Clements $ 148.001

Dan Kelly $ 92.691

Chris George $ 67.114

Oxana Cummings $ 453

Harley Thrower $ 41.829

Mikhail Semin $ 33.967

Max Pescatori $ 28.031

 

Evento #23 - No-Limit 2-7 Draw Lowball $1,500 - Pescatori deve arrendersi

La vittoria del terzo braccialetto non sembra placare la sete di conquista del Pirata che dopo aver fallito nel Razz Championship (evento #17) parte con tutt'altro piede nel #23, il No-Limit 2-7 Draw Lowball da $1,500 di buy-in.

219 i partecipanti e Max è ottavo nel chipcount generale, con uno stack di 36.000 chip, non lontani da Huck Seed che domina con 50.000 chip.

Ad un passo da Pescatori al terzo posto troviamo Robert Mizrachi, al sesto Daniel Negreanu, mentre qualche gradino più in giù abbiamo Shaun Deeb in 11esima posizione, anche lui a caccia del secondo braccialetto targato WSOP 2015.

Le cose purtroppo non si voltano a favore del Pirata che a fronte di un'ottima partenza, non riesce ad andare oltre il Day 1 .

 

Evento #20 - No Limit Hold'em $1,500 - Savinelli miglior azzurro

savinelli carlo

Molti gli italiani che hanno preso parte all'eveto #20 delle WSOP 2015, insieme con diversi pro del circuito internazionale come Eric Baldwin (54°), Melanie Weisner (97°) e Shannon Shorr (154°).

In tutto sono state 1844 le partecipazioni con un montepremi che ha sfiorato i 2,5 milioni di dollari. Nessuno degli azzurri è riuscito ad arrivare al final table, con Andrea Benelli (39° - $9.111) , e Sergio Benso (121° - $3.385) e Andrea Vezzani (150° - $3.061) a premio.

Migliore in campo Carlo Savinelli che è giunto al Day 3 in 31esima posizione per poi chiudere 19esimo per un premio di 13.442 dollari.

 

 

Evento #16 – Millionaire Maker $1,500 - Virgilio Di Cicco tiene duro

Questo evento è una certezza nelle WSOP in quanto a numero di iscritti ed anche quest’anno fa registrare un’alta partecipazione con ben 7,275 entries ed un montepremi totale di quasi dieci milioni di dollari.

Il primo premio regalerà al vincitore qualcosa come 1.277.190 dollari e gli italiani che hanno provato a portarlo a casa sono stati parecchi anche quest’anno. A distinguersi ancora una volta Alessio Isaia che chiude con una dignitosa 428esima posizione e Carlo Savinelli in 389esima posizione entrambi per un premio di 4.517 dollari.

Unico italiano a restare in gara fra i 142 superstiti è Virgilio Di Cicco in 84esima posizione con uno stack sotto average di 291.000 chip. L'azzurro tiene duro e riesce a a chiudere poi in 49esima posizione per un premio di 24.062 dollari.

A portare a casa il braccialetto insieme con una prima moneta di 1.277.193 dollari, è Adrian Buckley, 27enne ingegnere elettronico alla sua prima vittoria alle WSOP. Nel video la mano finale che lo ha visto trionfare:

 

 

Evento #15 - Pot-Limit Hold’em 10.000$ - Sammartino al final table

Sammartino wsop3

L’evento 15 delle World Series of poker con i suoi 10.000 dollari di buy-in, come previsto, è stato preso d’assalto dai giocatori più forti e ha visto la partecipazione di nomi come Davidi Kitai, Mike Leah, Daniel Negreanu e Mike Matusow fra gli altri.

Solo 128 i partecipanti per un concentrato di talento che ha visto il nostro Dario Sammartino avere la meglio su numerosi Big del circuito internazionale fino a farsi spazio in un final table da urlo, come non se ne vedevano da tempo.

Qui il napoletano è terzo nel chipcount, ma perde terreno fino a chiudere in sesta posizione, mentre il braccialetto è andato a Shaun Deeb insieme ad un primo premio di 318.857 dollari.

 

  1. Shaun Deeb $318.857,00
  2. Paul Volpe $197.048,00
  3. Jason Les $142.747,00
  4. Sam Stein $105.364,00
  5. Greg Merson $79.182,00
  6. Dario Sammartino $60.545,00
  7. Kristijonas Andrulis $47.081,00
  8. Ismael Bojang $37.227,00
  9. Jason Koon $29.911,00

 

Event #12: $1,500 No-Limit Hold'em 6-Handed - Alessio Isaia alle battute finali

L’Evento numero 12 di queste World Series da $1,500 di buy-in ha registrato ben 1.651 entries e coinvolto molti giocatori di spessore come Scott Seiver, Antonio Esfandiari, Eugene Katchalov e Phil Galfond.

Un nome su tutti però interessa noi italiani, quello di Alessio Isaia che nel Day 1 è riuscito a piazzarsi al sesto posto nel chipcount.

In corsa per il titolo c'era anche un altro azzurro, Tommaso Briotti, che finisce però la sua corsa 106esimo per un premio di 3.610 dollari.

La giornata si è conclusa con 25 giocatori ancora in gara e Isaia che proprio alle ultime battute è riuscito a passare da fanalino di coda alla nona posizione nel chipcount.

Tra i big troviamo anche la brava Ronit Chamani corta in stack che chiude in 22esima posizione, mentre in testa troviamo Steve Billirakis con oltre 1 milione di chip che chiude però in dodicesima posizione.

Solido nel suo gioco Isaia che finisce proprio in nona posizione portando a casa un premio di 29.643 dollari. A vincere l'israeliano Idan Raviv con una prima moneta di 457.007 dollari.

Idan Raviv $457,007
Iaron Lightbourne $283,063
Manoel Filho $186,108
Markus Gonsalves $122,586
Craig McCorkell $82,467
Mike Watson $56,835

 

 

Evento #9 $1.500 Razz -  Terzo Braccialetto per Il Pirata

Max Pescatori WSOP 2015 Razz

Nel nono evento in corso alle WSOP troviamo un Max Pescatori in grande forma, capace di chiudere il Day 1 in dodicesima posizione con uno stack ben sopra la media di 39.700 chip.

Nel Day 2 Max continua a difendere il tricolore e chiude in decima posizione su 19 superstiti. Tra questi noti giocatori soprattutto nel Razz come il chip leader Chris Jeorge, Eli Elezra e Cindy Violette.

Al tavolo finale Max fa piazza pulita, prima eliminando la brava Robin Lee, poi Chris George,
e infine un agguerrito Ryan Miller in heads-up.

Questo il payout finale dell Razz da 1.500$ di buy-in

  1. Max Pescatori $155,947
  2. Ryan Miller $96,349
  3. Chris George $61,247
  4. Matthew Smith $44,164
  5. Eli Elezra $32,345
  6. Randy Kaas $24,049
  7. Robin Lee $18,149
  8. Matthew Mendez $13,902
  9. Cyndy Violette $10,802

 

Evento #6: $1,000 Hyper Hold'em

Nel torneo super turbo, 59° posto e 3.890 dollari per Florian Bordet, 92° posto e 2.416 dollari per Andrea Vezzani, 106° posto e 2.016 dollari per Max Pescatori.

A portare a casa il braccialetto è John Reading insieme con una prima moneta di 252.000 dollari

  1. John Reading $252,068
  2. Marc MacDonnell $155,876
  3. Harrison Beach $98,623
  4. Aleksandr Gofman $71,586
  5. Matt Woodward $52,807
  6. Robert Suer $39,547
  7. Kenneth Johnson $30,048
  8. Ryan Julius $23,133
  9. Wayne Boyd $18,041
  10. Ron Mcmillen $14,255

 

 

Evento #5: THE COLOSSUS $565 No-Limit Hold'em

wsop colossus3

($5,000,000 Montepremi garantito)

A torneo concluso di italiani andati a premio ce ne sono: 842° posto e 3.645 dollari per Niki Rositi, 938° posto e 3.300 dollari per Mario Perati, 1101° posto e 2.740 dollari per Riccardo Ottolenghi, 1733° posto e 1.655 dollari per Simone Zanetti, 1796° posto e 1.521 dollari per Giammarco Starace e 2235° posto e 1.096 dollari per Christian Caliumi.

Niente da fare per gli italiani nelle posizioni più alte del torneo più grosso della storia delle WSOP che si conclude con la vittoria di Cord Garcia e con un mare di polemiche sulla struttura del montepremi.

 

  1. Cord Garcia $ 638.880
  2. Brad McFarland $ 386.253
  3. Ray Henson $ 308.761
  4. Paul Lentz$ 234.927
  5. Kenny Hallaert $ 182.348
  6. Adi Prasetyo $ 140.956
  7. Garry Simms $ 109.632
  8. David Farber $ 87.817
  9. Anthony Blanda $ 67.681

 

 

Evento #4: $3,000 No-Limit Hold'em Shootout

Ed eccoci al torneo Shootout che ha visto grande protagonista Giacomo Fundarò, il quale ha sfiorato il tavolo finale. Per Fundarò un premio inferiore a quello di Briotti, 6.180, ma che sarebbe potuto essere superiore se Giacomo non avesse ceduto all'heads-up del suo tavolo contro il fortissimo David Peters, che però ha dovuto far ricorso a un bel po' di fortuna per avere ragione dell'italiano. Per la cronaca, Peters è arrivato poi 3°: il braccialetto è andato a Nick Petrangelo.

1-      Nick Petrangelo $201.812

2-      Jason Les $124.696

3-      David Peters $91.575

4-      Jeffrey Griffiths $67.788

5-      Derek Bowers $50.576

6-      Andreas Hoivold $38.039

7-      James Woods $28.832

8-      Brian Lemke $22.021

9-      Leo Wolpert $16.951

10-  Loni Harwood $13.150

 

 

Evento #2: $5,000 No-Limit Hold'em

Qui, Tommaso Briotti si è issato fino alla 30° posizione, conquistando un premio di 11.523 dollari.

La vittoria finale è andata a Michael Wang, che ha negato al più famoso Bryn Kenney la gioia del braccialetto. Tavolo finale da urlo: 4° posto per Greg Merson, 5° per Jason Wheeler, 7° per Joe Ebanks e 9° per Byron Kaverman.

1-      Michael Wang $466.120

2-      Bryn Kenney $287.870

3-      Artur Koren $208.177

4-      Greg Merson $152.126

5-      Jason Wheeler $112.339

6-      Israel Amir $83.838

7-      Joe Ebanks $63.210

8-      Long Nguyen $48.137

9-      Byron Kaverman $37.030

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Bio 2015-06-18 14:14:51

Dov'è finito kanit?!?!?

Dario 2015-06-12 09:30:49

sinceramente mi aspettavo di più dagli italiani in queste wsop soprattutto dopo la vittoria del team italia nel global masters :(

Vincenzo 2015-06-08 16:51:24

questo è l'anno di Sammartino...scommetto su un braccialetto!

Dido89 2015-06-08 16:46:21

fenomenale il pirata, unico italiano con 3 braccialetti!!!!

Ultime in Blog »