WSOP 2013: tutti per Dario Sammartino

dario sammartino3

Nell'Evento #32, Dario ha il più piccolo dei 14 stack rimasti: l'obiettivo è arrivare al tavolo finale.

Tutti per Dario Sammartino. È lui l'azzurro che avrà la possibilità, stanotte, di arrivare al tavolo finale di un evento WSOP. Precisamente il numero 32, dove Max Mosele ha chiuso al 18° posto, per un premio di 23.791 dollari.

Poteva andare meglio, a entrambi. A Mosele perché è stato eliminato con una coppia d'assi scoppiata, a Sammartino perché il re-draw dei tavoli lo porrà contro due degli stack più grossi, Vasile Buboi e Allen Bari. Ma noi ci crediamo lo stesso.

Per quanto riguarda l'Evento #33, Max Pescatori ha piazzato l'ennesima piazzata, un 22° posto da 5.752 dollari. Eliminati piuttosto lontanuccio dalla zona premio, invece, Dario Alioto e Marco Traniello.

Bene Roberto Salvadori nell'Evento #34, ancora meglio Gianluca Escobar: se il primo è finito 105°, per 2.287 dollari di premio, il secondo è ancora tra i sopravvissuti di questo torneo da 1.000 euro di No Limit Hold'em Turbo.

Per concludere la panoramica sugli italiani, il milanese Attilio Donato ha passato il taglio nell'Evento #35 (Pot Limit Omaha da 3.000 dollari): con 28.800 chip occupa il 77° posto provvisorio.

Evento #31: $1.500 Pot-Limit Omaha Hi-low Split-8 or Better

Jarred Graham ha conquistato l'unico braccialetto messo in palio nella ventiduesima giornata delle World Series of Poker 2013. L'australiano ha superato in heads-up Marco Johnson, portandosi a casa 255.942 dollari. Barry Greenstein è andato vicinissimo al suo quarto braccialetto in carriera, fermando la sua corsa a un terzo posto da 99.091 dollari.

1-      Jarred Graham – $255.942

2-      Marco Johnson – $158.379

3-      Barry Greenstein – $99.091

4-      Noomis Jones – $71.924

5-      Gabriel Blumenthal – $53.096

6-      Loni Harwood – $39.803

7-      Eric Rodawig – $30.275

8-      Joao Simao – $23.338

9-      Perry Green – $18.223

Evento #32: $5.000 No-Limit Hold'em / Six Handed

C'è sempre Jonathan Little in testa in quello che senza dubbio è uno dei tornei più duri giocati finora. Sono rimasti soltanto in 14 e i professionisti non mancano: oltre a Little e al nostro Sammartino, infatti, lotteranno per il braccialetto anche Allen Bari, Dan Smith, Ryan D'Angelo, Andrew Roble ed Erick Lindgren.

Little non ha fatto mistero di essere stato abbastanza fortunato: "Ho vinto ogni volta che sono andato all-in e ho messo a repentaglio molte delle mie chip. Ho giocato con A-K contro K-K e sono riuscito a vincere, poi ho giocato con T-9 contro 9-9 e ce l'ho fatta ancora". Che sia il suo torneo? Speriamo di no, per il nostro Dario.

1-      Jonathan Little – 1.290.000

2-      Allen Bari – 1.191.000

3-      Vasile Buboi – 1.100.000

4-      Dan Smith – 719.000

5-      Ryan D’Angelo – 591.000

6-      Andrew Robl – 554.000

7-      Erick Lindgren – 525.000

8-      Jonathan Aguiar – 455.000

9-      Lee Markholt – 431.000

10-  Kyle White – 225.000

Evento #33: $2.500 Seven Card Razz

131 giocatori sono tornati ieri nella speranza di vincere i 178.052 dollari del primo premio, oltre naturalmente al braccialetto WSOP. Ne sono rimasti soltanto 14, guidati da David Bach, che ha dichiarato: "Ottima giornata per me. Sono partito lentamente nelle prime due ore, ma poi verso la fine ho incamerato molte chip. Alla fine sono diventato chip leader e ci sono rimasto fino alla chiusura".

La bolla è scoppiata in tarda serata, con i migliori 32 player a premio. A mani vuote se ne sono andati giocatori del calibro di Todd Brunson (figlio del leggendario Doyle), Layne Flack, John Monnette, Bart Hanson e Scott Clements. Tra i premiati, oltre al nostro Max Pescatori, anche Huck Seed e Billy Baxter.

1-      David Bach – 303.000

2-      Ivan Schertzer – 262.000

3-      Rick Fuller – 205.000       

4-      Joel Alpert – 197.500

5-      Brent Keller – 188.500

6-      Randy Ohel – 175.000

7-      Frankie O'Dell – 155.000  

8-      Ismael Bojang – 142.000

9-      Bryan Campanello – 137.500

10-  Adam Szalay – 136.000

Evento #34: $1.000 Turbo No-Limit Hold'em

Il primo evento Turbo nella storia delle WSOP è iniziato ieri a mezzogiorno (ora di Las Vegas) e ha visto 1.629 iscritti. Ottima la partecipazione anche da parte dei professionisti, che di solito snobbano questo tipo di eventi. Dopo 17 livelli di gioco, con i primi quattro durati appena 30 minuti (e i successivi durati 40), sono rimasti soltanto in 35, con il nostro Escobar che occupa la 31° posizione.

Lo scoppio della bolla è avvenuto all'eliminazione del 172° classificato: niente in the money per Jared Hamby, Josh Brikis, Greg Mueller e David Williams, mentre premio di consolazione per i vari Tim West, Shannon Shorr, Jesser Martin ed Eric Crain. Ancora a caccia del braccialetto Jake Cody, Jason Duval e Jennifer Tilly.

1-      Victor Figueroa – 354.000

2-      Noah Vaillancourt – 301.000  

3-      Michael Gathy – 256.000 

4-      Mikk Matiiesen – 255.000

5-      Joe Attila – 251.000

6-      Tom Alner – 221.000

7-      Simon Charette – 203.000

8-      Jason Duval – 193.000

9-      Jake Cody – 190.000

10-  Marc MacDonnell – 172.000

Evento #35: $3.000 Pot-Limit Omaha

640 giocatori registrati in questo torneo di Pot Limit Omaha. Dopo 8 livelli, però, ne sono rimasti in corsa soltanto 137. Vanessa Selbst, Phil Laak, Brian Hastings, Trevor Pope e Mark Radoja sono solo alcuni dei pro che non sono riusciti a passare al Day 2. Viceversa, Josh Arieh, Christian Harder, Tom Schneider e Davide Benefield sono ancora vivi e vegeti. Nella top ten del chip count troviamo anche Giuseppe Pantaleo, che a discapito del nome è tedesco a tutti gli effetti.

1-      Jarred Solomon – 159.100

2-      Joshua Ladines – 152.100

3-      Ryan Chapman – 127.000

4-      Duke Miller – 121.100 

5-      Christophe Lachave – 120.700

6-      Ali Lareybi – 115.900 

7-      Steve Sung – 102.400

8-      Giuseppe Pantaleo – 99.800

9-      Josh Arieh – 99.500

10-  Michael Kamran – 96.000

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti

×

Sorry, this room is not available in your country.

Please try the best alternative which is available for your location:

Close and visit page