WSOP 2012 Day 38: Esfandiari sul tetto del mondo!

e9b2b277f

The Magician fa una magia delle sue e si aggiudica il Big One for One Drop. Italia sugli scudi nell'Evento #56.

Come vincere 18 milioni e rotti in un solo torneo di poker e diventare di colpo il giocatore più vincente nella storia dei tornei. Firmato Antonio Esfandiari. È lui, 'The Magician', il vincitore del Big One for One Drop da un milione di dollari di buy-in, al termine di una di quelle giornate che entrano di diritto nella leggenda non solo delle World Series of Poker, ma di tutto il movimento pokeristico. Nel nostro piccolo, anche gli italiani si fanno valere: Muhamet Perati chiude quinto nell'Evento #54, Gianluca Mattia vola nell'Evento #56, dove altri tre vanno a premio, e Rocco Palumbo - ancora lui - avanza nell'Evento #57. Questo il riassunto della trentottesima giornata alle WSOP 2012.

Evento #53: $1.500 No Limit Hold'em

Di questo torneo abbiamo da riferire soltanto il vincitore, visto che ci eravamo lasciati ieri con la sfida aperta tra Neil Willerson e Vladimir Mefodichev. Ha vinto il l'americano, al primo braccialetto in carriera. Riepiloghiamo una volta di più il risultato finale:

1- Neil Willerson $737.248
2- Vladimir Mefodichev $456.217
3- Hugh Henderson $322.866
4- Zachary Humphrey $233.708
5- Matthew Graham $171.135
6- Hai Chu $126.770
7- Bryan Piccioli $94.971
8- Randy Ashe $71.933
9- Ryan Hughes $55.093

Evento #54: $1.000 No Limit Hold'em

Ancora una prestazione sontuosa per l'Italia alle WSOP 2012. Dopo l'exploit di Rocco Palumbo, gli azzurri sembrano essersi svegliati dal torpore, tanto che continuano ad inanellare risultati più che ottimi. Stavolta segnaliamo il quinto posto di Muhamet Perati, bravo quanto sfortunato: la mano decisiva, infatti, lo ha visto soccombere con AT contro Q9 di Joseph Kuether, che poi chiuderà al terzo posto.

Ancora una volta la regola che impone lo stop al gioco entro le ore 3 ha fatto fermare il torneo quando rimanevano soltanto due giocatori, con questa situazione:

1- Will Jaffe 5.300.000
Luis Campelo 4.300.000

Questo invece il risultato della parte definitiva del final table:

3- Joseph Kuether $218.983
4- Nghi Van Tran $158.512
5- Ken Fishman $116.072
6- Jason Tompkins $85.981
7- Muhamet Perati $64.414
8- Benjamin Grise $48.788
9- Jeff Fielder $37.367

Evento #55: $1.000.000 The Big One for One Drop - No Limit Hold'em

Assistendo a un torneo di poker, in qualsiasi parte del mondo ci si trovi, capita regolarmente di sentire la frase "one time!", cioè "una volta!". È la speranza del giocatore che, trovandosi nel momento decisivo del torneo, sacrifica al dio del poker qualsiasi fortuna postuma, per godere dei benefici della sorte in quel preciso istante. Ecco, siamo sicuri che se chiedessimo a ogni singolo giocatore quando poter sfruttare questa fantomatica invocazione, tutti risponderebbero con cinque, semplici parole: Big One for One Drop.

Questo sogno lo ha vissuto Antonio Esfandiari, che nella notte di martedì (mattina per noi in Italia) ha vinto il torneo più ricco mai disputato, portandosi a casa 18.346.673 dollari, più un braccialetto di platino del valore di altri 350.000. 'The Magician' ha superato un field incredibile, formato dai più forti giocatori del pianeta e da una serie di agguerriti uomini d'affari che non avevano nulla da perdere.

"L'avevo detto già la scorsa notte", ha dichiarato Esfandiari al termine del torneo, "Ho detto al mio fratellino Pasha che questo braccialetto sarebbe stato per papà: lo regalerò a lui. Mio padre è stato il mio primo supporter. La prima volta che l'ho invitato in un casinò a vedermi giocare, si è seduto dietro di me a guardare. Il poker non era ancora popolare, ma lui mi disse: 'Figlio mio, hai tutto il mio supporto'. Gli voglio un bene dell'anima, è il miglior uomo del pianeta e ha rinunciato a molto quando ci siamo trasferiti in America. Oggi indosso questo braccialetto, ma da domani sarà di mio padre. Poterglielo donare significa tutto per me".

Grazie a questa straordinaria affermazione, Esfandiari diventa anche il giocatore più vincente nella storia dei tornei di poker. Con i suoi oltre 23 milioni di dollari, infatti, ha scavalcato una settantina di posizioni, portandosi in vetta alla All Time Money List e scalzando un certo Erik Seidel, fermo a circa 16 milioni di dollari.

Vale la pena di raccontare la mano finale, che resterà impressa nella memoria degli appassionati molto a lungo. Esfandiari apre a 1,8 milioni di chip e Trickett fa solo call. Al flop capitano un jack di quadri, un 5 di quadri e un 5 di fiori. Trickett completa un check-raise da 5,4 milioni, Esfandiari rilancia a 10 milioni e l'avversario fa 15. A quel punto Esfandiari mette Trickett all-in e ottiene il suo call. Antonio mostra 7-5, ma deve difendersi dal Q-6 di quadri del britannico, e dal conseguente progetto di colore. Ma al turn e al river capitano un 3 e un 2 di cuori e la festa di 'The Magician' può cominciare.

Ecco il risultato del tavolo finale del Big One for One Drop:

1- Antonio Esfandiari $18.346.673
2- Sam Trickett $10.112.001
3- David Einhorn $4.352.000
4- Phil Hellmuth $2.645.333
5- Guy Laliberté $1.834.666
6- Brian Rast $1.621.333
7- Bobby Baldwin $1.408.000
8- Richard Yong $1.237.333

Evento #56: $1.500 No Limit Hold'em

Ferdinando Lo Cascio 98° per 4.722 dollari di premio; Carla Solinas 132° per 4.155 dollari; Marco Della Tommasina 272° per 2.757 dollari; Gianluca Mattia secondo nel chip count quando sono rimasti solo 22 giocatori. Questo, in estrema sintesi, il risultato di giornata dell'Evento #56, più che ottimo per i colori azzurri.

Mattia se la dovrà vedere con gente del calibro di Peter Eastgate, Will Failla e Donald Vogel, mentre non avrà nulla da temere dagli eliminati Maria Ho, Jeff Madsen, Bryan Devonshire, Gavin Smith e un sempre più 'attapirato' Daniel Negreanu, al quale ormai sono rimaste poche chance per lasciare un segno alle WSOP 2012.

Questi i migliori dieci:

1- Donald Vogel 1.297.000
2- Gianluca Mattia 1.271.000
3- Peter Eastgate 1.043.000
4- David Borg 923.000
5- Eliyahu Levy 818.100
6- Miguel Javier 727.000
7- Tomas Trampota 699.000
8- Paul Vas Nunes 610.000
9- Alexander Queen 585.000
10- Christopher Odonnell 444.000

Evento #57: $10.000 No Limit Hold'em Six Handed

Non è messo benissimo, ma Rocco Palumbo è ancora in gara con 60.000 chip, dopo il Day 1 di questo torneo da 474 iscritti e un montepremi di 4,4 milioni di dollari, 1,1 dei quali riservati al vincitore. Tra i migliori di giornata tanti campioni: Dan Smith, Carter Phillips, Ludovic Lacay, Tony Hachem, Shaun Deeb e Jason Mercier. Niente da fare invece per Joe Cada, Dan O'Brien, Michael Mizrachi, Bertrand Grospellier, Erik Seidel, Phil Ivey e ancora una volta Daniel Negreanu.

Questa la top ten del chip count:

1- Stanislav Barshak 230.700
2- Azten Kobyeynskyi 222.900
3- Dan Smith 210.000
4- Nick Maimone 171.800
5- Carter Phillips 170.200
6- Ludovic Lacay 160.700
7- Taylor Paur 152.800
8- Tony Hachem 151.600
9- Shaun Deeb 148.600
10- Jason Mercier 148.300

Evento #58: $3.000 Pot Limit Omaha Hi Lo Split 8 or Better

L'ultimo evento del martedì ha attirato 526 iscritti, per un montepremi di 1,4 milioni di dollari. Il vincitore, giovedì, se ne tornerà a casa con 330.277 verdoni in più. Tra i 173 superstiti, da segnalare le buone prestazioni di Amnon Filippi ed Erick Lindgren. Torneo stregato, invece, per tanti big: Michael Binger, David Sands, Nam Le, Chad Brown, Todd Brunson, Bill Chen, John Racener, Greg Raymer, Phil Ivey e sempre lui, l'ormai onnipresente (quando si tratta di eliminazioni) Daniel Negreanu.

Diamo un'occhiata alla top ten del chip count:

1- Roman Verenko 83.100
2- Loren Klein 71.600
3- Yuval Bronshtein 71.400
4- Jesse Cohen 65.700
5- Juan Ramirez 64.800
6- Joshua Jones 62.000
7- Jack Ward 61.600
8- Jonathan Bensoussan 57.800
9- Regis Burlot 55.700
10- Graham Clarkson 54.500

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti