WSOP 2012 Day 23: la Shulman rompe il digiuno

Jaffrey Shulman

Allyn Jaffrey Shulman si porta a casa l'Evento #29: è la prima donna a vincere da quattro anni a questa parte.

Dopo Vanessa Selbst, più nessuno. Fino a ieri, quando Allyn Jaffrey Shulman ha rotto il digiuno in rosa alle WSOP, conquistando il Seniors da 1.000 dollari, il torneo con il field più imponente di questa prima metà delle World Series of Poker. Per l'Italia, buonissimo esordio di Alessandro Pastura e un altro paio di in the money che danno fiducia e morale per il prosieguo della manifestazione. Questo il riassunto della giornata numero 23 delle WSOP 2012:

Evento #29: $1.000 Seniors No-Limit Hold'em Championship

Dopo 249 vittorie consecutive dell'universo maschile, finalmente le WSOP tornano ad avere una regina. Come detto è Allyn Jaffrey Shulman ad essersi aggiudicata il torneo dedicato agli over 50, al termine di un heads-up che l'ha vista trionfare contro Dennis Phillips. Il quarto posto di Hoyt Corkins contribuisce ad accrescere l'impresa della Shulman, che non ha certo vinto contro un field facile.

"Sono felice per me stessa, ma anche per tutte le donne, perché ho dimostrato che qualsiasi donna può vincere un torneo di poker", ha dichiarato la Shulman. "Mi piacerebbe vedere più donne giocare e sentirsi a proprio agio ad essere sedute al tavolo contro gli uomini".

La classifica finale dell'Evento #29:

1- Allyn Jaffrey Shulman $603.713
2- Dennis Phillips $372.895
3- Bob Phelps $270.727
4- Hoyt Corkins $199.023
5- William Stabler $147.605
6- Stuart Spear $110.416
7- William Thompson $83.332
8- Martin Fitzmaurice $63.418
9- Harold Lilie $48.669

Evento #31: $1.500 No Limit Hold'em

Niente secondo braccialetto in carriera per il vincitore del Main Event del 2009, Joe Cada; secondo, invece, per Carter Phillips. Questa in estrema sintesi la storia dell'Evento #31, che ha impedito a Cada di diventare il secondo vincitore di un Main Event a conquistare almeno un altro braccialetto, impresa che rimane un'esclusiva di Carlos Mortensen.

Questo torneo ha segnato anche l'esordio alle WSOP 2012 di Alessandro Pastura, che ha subito fatto capire le sue intenzioni: 36° posto e circa 15.000 dollari di premio. Bene anche Mustapha Kanit e Florian Hellweger, entrambi in the money.

Così il final table:

1- Carter Phillips $664.130
2- Joe Cada $412.424
3- Tom Chambers $290.875
4- Cherish Andrews $210.083
5- Najib Kamand $153.578
6- Max Lehmanski $113.618
7- Michael Aron $85.043
8- Jonathan Poche $64.399
9- Huy Quach $49.333

Evento #32: $10.000 H.O.R.S.E.

Ancora una volta Phil Ivey arriva al tavolo finale di un evento alle WSOP 2012, ma non riesce a vincerlo. Stavolta si è dovuto accontentare di un quinto posto, dietro anche all'altro illustre Phil, il Poker Brat Hellmuth. La vittoria è andata a David Baker, al secondo braccialetto in carriera, al termine di un final table di lusso: tra lui, Mosseri, Ivey, Monnette, Hellmuth e Kelly erano seduti 25 braccialetti.

Questo il risultato del final table:

1- David Baker $451.779
2- John Monnette $279.206
3- Paul Sokoloff $183.784
4- Phil Hellmuth $134.056
5- Phil Ivey $99.739
6- Abe Mosseri $75.511
7- Matt Waxman $58.093
8- Dan Kelly $45.360

Evento #33: $1.000 No Limit Hold'em.

Dylan Hortin e Vitaly Meshcheriakov sono i due protagonisti assoluti di giornata. Il primo ha sprecato una chip lead enorme proprio nei confronti del secondo, che sul finire della serata si è reso protagonista di un rush inarrestabile che lo ha portato da circa 493.000 chip a 946.000.

I 14 giocatori rimasti, tra cui Matt Stout, Max Steinberg e Vincent Van Der Fluit (che alle WSOP 2012 ha recentemente vinto il suo primo braccialetto), torneranno a giocare oggi (martedì) alle 13 ora locale, fino a quando non ne rimarrà soltanto uno. Tra loro non ci saranno Faraz Jaka, Marcel Vonk, Jared Hamby e Lisa Hamilton.

Qui i dieci migliori giocatori:

1- Vitaly Meshcheriakov 946.000
2- Dylan Hortin 939.000
3- Joseph Marzicola 875.000
4- Bradley Kopelson 862.000
5- Max Steinberg 833.000
6- David Nicholson 708.000
7- Samuel Gerber 616.000
8- Mikhail Thompson 509.000
9- Christopher Shaw 504.000
10- Matt Stout 462.000

Evento #34: $5.000 Pot Limit Omaha Six Handed

David Benyamine comanda i 72 giocatori rimasti e stacca Shaun Deeb al secondo posto. Il Day 2 vedrà la presenza di altri campioni come Scott Bohlman, David Colin, Kevin MacPhee, Joseph Cheong e Bruno Fitoussi. Ancora male Daniel Negreanu, Viktor Blom e Ben Lamb. Fuori anche Phil Ivey, che ha giocato condizionato dalla contemporanea presenza nell'evento H.O.R.S.E., dove è arrivato al tavolo finale.

Questi i migliori dieci di giornata:

1- David Benyamine 248.300
2- Shaun Deeb 231.000
3- Scott Bohlman 226.900
4- David Colin 202.500
5- Kevin MacPhee 173.500
6- Adam Kornuth 165.400
7- Chris De Maci 164.000
8- Joseph Cheong 162.600
9- Karim Jomeen 160.000
10- Joe Monro 157.100

Evento #35: $2.500 Mixed Hold'em

Sono 393 gli iscritti a questo torneo che alterna la modalità Limit a quella No Limit. Stavolta Ivey è riuscito a passare il taglio, dato che all'inizio del torneo il tavolo finale dell'H.O.R.S.E. era ormai finito. Ma il migliore è stato Andre Akkari, sebbene James Dempsey, Frank Kassela, David Williams, Michael Mizrachi e Dan Harrington siano tra gli 88 superstiti pronti ad approfittare di un suo passo falso. Fuori dai giochi Matt Matros, campione di questo torneo l'anno scorso, Allen Kessler, Jeff Madsen, Tommy Vedes, Sorel Mizzi e Shawn Buchanan.

Ed ecco la top ten del chip count:

1- Andre Akkari 108.700
2- Frank Kassela 74.000
3- David Williams 72.000
4- Isaac Baron 61.100
5- Brandon Steven 52.000
6- Andrey Zaichenko 51.000
7- Huck Seed 46.000
8- Leonid Bilokur 46.000
9- David Baker 45.000
10- Joe Serock 44.5000

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Marta 2012-07-17 05:58:03

Grande Allyn!. Io ho iniziato da poco a giocare, prima ero piena di pregiudizi e più che altro insicurezze (specie nei confronti degli avversari uomini), poi una mia amica che gioca da tempo mi ha convinto almeno a provare. Devo ringraziarla perché mi diverte e mi gratifica giocare a texas hold’em, sono anche diventata molto più intraprendente e meno timida con gli uomini…. Ahahahaha