Scoprendo i November Nine: Gli Sfidanti (2)

Ecco gli altri protagonisti del final table alle WSOP 2010 - Tra di loro potrebbe nascondersi il prossimo campione del mondo di poker live!

MICHAEL MIZRACHI
"The Grinder" non ha bisogno di essere presentato, è senza dubbio il giocatore più famoso presente al Final Table. Parte in short stack con 14.450.000.

Nelle WSOP del 2010 ha conquistato il suo primo braccialetto nell'evento Poker Player Championship portando a casa oltre 1.5 mln di dollari. Quello del main event è il suo quarto final table della stagione World Series. Da registrare l'ottavo posto nell'evento 29 Limit Hold'em e il sesto posto nell'evento 41 Seven Card Stud.

Mizrachi è di Miami, ha 29 anni, e gioca a Texas Hold'em da 16 anni, quando era appena adolescente. Nel 2006 è stato eletto da Card Player "Giocatore dell'anno", e in carriera vanta vincite per un totale di 7.6 mln, di cui 2 mln solo nel 2010.

Attualmente occupa il tredicesimo posto nella classifica dei giocatori più vincenti di sempre. Si accomoderà al posto 5, alla destra del chip leader  Duhamel con a seguire Matthew Jarvis con 16.700.000. Considerando il suo stack dovrà far valere la sua abilità ed esperienza, ma Mizrachi ci ha da sempre abituati a grandi scalate.

MATTHEW JARVIS
16.700.000 per il professionista proveniente dal British Columbia che si accomoderà al seat 6.

Canadese come il chipleader Duhamel, da quando ha raggiunto lo storico Final Table è riuscito ad ottenere anche altri risultati di rilievo: primo posto in un torneo heads-up, il Candian Open Poker Championship, vincendo circa 100.000$, e più di recente un altro primo posto al Festa del Lago da 1.000$ per poco più di 71.000$.

La mano più importante è arrivata a blind 60.000/120.000 contro Patrick Eskandar: tris di 5 al flop per Eskandar e progetto di colore chiuso al turn per Jarvis, che è volato così a quota 13 mln. Alla sua sinistra troverà John Racener e Filippo Candio che avranno più o meno il suo stesso stack.

JOHN RACENER
Il professionista di Full Tilt partirà con uno stack intermedio pari a 19.050.000. Dopo Mizrachi è senza dubbio il player più conosciuto del final table. Nato a Port Richey, in Florida, il 24enne ha iniziato a giocare a poker a 16 anni. In un anno trasformò gli iniziali 50$ in più di 30.000$.

Molto abile anche nell'H.O.R.S.E., nel 2007 ha vinto il Main Event Championship ad Atlantic City. Vanta inoltre 157.000$ vinti alle World Series. Nelle WSOPE di Londra ha raggiunto il tavolo finale nell'evento da 5.000£ di Pot Limit Omaha.

La mano più importante arriva quando in gara ci sono ancora 57 giocatori: Racener va in all in preflop con AK, trovando Matt Harris con KK, ma un incredibile A al river fa volare l'americano a quota 10.2 mln. Si siederà al posto 7, e a sinistra avrà niente di meno che il nostro Filippo Candio.

CUONG "SOI" NGUYEN
Il classico "sconosciuto". Penultimo stack del chipcount, 9.650.000. Molti lo stanno paragonando a Chris Moneymaker, che nel 2003 conquistò il Main Event diventando l'idolo di tutti coloro che praticano il Texas Hold'em a livello amatoriale.

Nato in vietnam, 37 anni, ma residente in California a Santa Ana, si occupa della vendita di attrezzature mediche, ed è al terzo torneo dal vivo della sua carriera pokeristica.

Ha raggiunto il final table grazie al suo gioco conservativo e molto solido, prendendo le giuste decisioni nei momenti più delicati del torneo. Il suo mito è Phil Ivey, ma a quanto pare ha una chance di vincere il campionato del mondo di Texas hold'em prima di lui!

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti