WPT Venezia, Andrea Dato Guida il Final Table!

Andrea Dato
Andrea Dato, un sorridente chipleader al WPT di Venezia [Foto: WPT Blog]

Il membro del team pro di Glaming è l'unico ad aver sfondato il milione di chip. Speranze per Longobardi, Carini e Trebbi.

Quattro su sei. Italia in grande spolvero al WPT di Venezia, dove i nostri eroi hanno davvero la possibilità di mantenere il trofeo in patria, dopo la splendida affermazione di Alessio Isaia nell'edizione dell'anno scorso.

Andrea Dato,  Alessandro Longobardi, Andrea Carini e Gianluca Trebbi se la dovranno vedere con Simon Ravnsbaek e Rinat Bogdanov: non sarà facile, ma mai come in questa occasione gli azzurri possono fare bottino pieno.

I riflettori sono puntati su Andrea Dato, membro del neonato team pro di Glaming, che ha chiuso il Day 4 con 1.591.000 chip, unico giocatore ad aver abbondantemente superato quota un milione. 'Datino' partirà con più di 600.000 chip di vantaggio sul secondo del chip count, l'ottimo Simon Ravnsbaek che aveva chiuso il Day 3 davanti a tutti.

Per Dato si tratta di un back-to-back, dato che l'anno scorso, quando vinse 'Il fabbro' Isaia, si piazzò al quarto posto, portandosi a casa quasi 58.000 dollari.

Stavolta il trentaduenne pro italiano ha nel mirino la vittoria, che gli frutterebbe qualcosa come 302.065 dollari. Ma noi tifiamo anche per Longobardi, Carini e Trebbi, che seppure un po' corti rispetto ai primi tre, possono ancora dire la loro.

Peccato per Massimo Mosele, il primo giocatore ad essere eliminato durante il Day 3, in uno scontro fratricida con Andrea Dato. Mosele, che ha giocato chiuso per tutto il torneo, rimasto ormai con poche chip ha mandato la vasca con K-Q, ma è stato chiamato dal connazionale che aveva A-J ed è stato eliminato in nona posizione.

Poi ci ha pensato Rinat Bogdanov a restringere il field a sette giocatori. Mandando a casa uno sfortunato Jeremie Sochet.

Il francese va all-in con una bella coppia di jack, trova il call di Bogdanov con K-J, ma soccombe per colpa di un re capitato sul board.

Non è andata meglio a Jason Wheeler, uno dei più attesi alla vigilia, rispedito al mittente dallo scatenato Dato: A-Q per l'americano, J-J per l'italiano che si aggiudica il coin flip e mette fine a un Day 4 durato solo tre ore.

Questa la situazione di partenza del final table del WPT di Venezia:

1- Andrea Dato 1.591.000
2- Simon Ravnsbaek 922.000
3- Rinat Bogdanov 907.000
4- Alessandro Longobardi 558.000
5- Andrea Carini 347.000
6- Gianluca Trebbi 343.000

Potrebbe Interessarti

assets/photos/_resampled/croppedimage12580-shot-clock-wpt.jpg

Polemiche contro lo Shot Clock al World Poker Tour

Secondo il noto giocatore di poker tedesco, lo shot clock fungerebbe da deterrente soprattutto per i giocatori amatoriali, che si sentirebbero scoraggiati dal partecipare.

03 Aprile 2014
assets/photos/_resampled/croppedimage12580-andrea-dato.jpg

Strepitoso Andrea Dato: suo il WPT Venezia 2014!

Grandissima performance per l'azzurro, che in heads-up si prende cura nientemeno che di Samuel Trickett, uno dei più forti giocatori di poker al mondo.

17 Marzo 2014
assets/photos/_resampled/croppedimage12580-alessio-isaia-wpt.jpg

WPT Venezia, Alessio Isaia sogna il back-to-back

'Il fabbro' comanda il chipcount quando sono rimasti soltanto in 18 e sogna una clamorosa doppietta, visto che ha vinto il WPT di Venezia già...

14 Marzo 2014
assets/photos/_resampled/croppedimage12580-Venice2.jpg

Tutto quello che è successo finora al WPT Venezia 2014

Dopo il dominio russo-ceco delle prime due giornate, gli azzurri tornano protagonisti conquistando le prime due posizioni nel Day 2. E non solo quelle.

13 Marzo 2014

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Il tuo commento sarà approvato entro pochi minuti. Grazie!

Non ci sono commenti