WPT Praga 2011: Ecco il Final Table

Andrey Pateychuk
Andrey Pateychuk

Al termine di un lunghissimo Day 3 sono rimasti in 6 a giocarsi il Main Event. Due gli italiani a premio: Cipollini e Mattia

Non ce l’hanno fatta Federico Cipollini e Gianluca Mattia. Niente tavolo finale al WPT di Praga, ma comunque un’ottima prestazione per i due azzurri, che sono riusciti ad arrivare in the money.

Cipollini si è piazzato 57°, per un premio di 6.400 euro, mentre Mattia è riuscito a ergersi fino al 36° posto, portandosi a casa 10.155 euro.

Il Day 3 ha decretato l’eliminazione di 59 dei 65 player che avevano cominciato la giornata. Una giornata molto lunga, talmente tanto che l’organizzazione ha deciso di spostare l’orario d’inizio del tavolo finale, per permettere ai giocatori di riposare.

Curiosamente è stato uno dei tre Jan chip leader del Day 1, Jan Bandik, il bubble-man del WPT di Praga, cioè il primo dei giocatori a non essere andati a premio.

Il giocatore di casa non è riuscito a ripetersi, e più in generale i player della Repubblica Ceca non sono stati in grado di piazzare neppure un loro esponente al tavolo finale.

Saranno infatti il giovane tedesco Stanislav Kretz (6.300.000 chip), il francese Benjamin Pollak (4.865.000 chip), il russo Andrey Pateychuk (2.310.000 chip), il norvegese Sigurd Eskeland (1.575.000 chip), lo spagnolo Adria Balaguer (1.315.000 chip) e il canadese Russel Carson (725.000 chip) a giocarsi la vittoria finale.

Il Day 3 era cominciato con l’inglese Adeniya in testa al chip count, grazie a uno stack di dimensioni mostruose.

Che però non gli è stato sufficiente per raggiungere l’atto finale del WPT di Praga, visto che l’ex trader londinese si è fermato in 19° posizione.

Tra gli altri eliminati illustri del Day 3, troviamo Eugene Katchalov, Jamie Rosen, Casey Kastle, Basil Yaiche, Mike Watson e Tobias Renkeimer. Nessuno di loro potrà più rincorrere un primo premio da ben 450.000 euro.

Il final table del WPT di Praga comincerà oggi alle ore 15, con Kretz favorito grazie al suo stack nettamente più grosso rispetto a quello degli avversari. Occhio però a Pateychuk, in forma strepitosa già dalle WSOP 2011.

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Il tuo commento sarà approvato entro pochi minuti. Grazie!

Non ci sono commenti