Una vita da… Las Vegas!

Vi proponiamo un resoconto di RobyS, personaggio simpaticissimo e conosciuto in Italia, che durante queste WSOP ha centrato un ITM. In questo diario ha deciso di condividere con gli amici di PokerListings.it i suoi giorni trascorsi a Las Vegas: un viaggio tra World Series of Poker, discoteche e le sue famosissime bandierine…

Ciao amici pokeristi italiani, vi scrivo dopo 10 giorni passati a Las Vegas che mi hanno dato tante soddisfazioni che voglio condividere con voi tramite un piccolo diario. Ma partiamo dall'inizio....

Dopo un giorno passato nella bellissima Londra arrivo a Las Vegas il 1 di giugno,dopo un anno esatto dalla mia prima volta, Las Vegas ti sembra ancora più bella e l'adrenalina che ti trasmette prende il
sopravvento sulla stanchezza... Prima tappa al Rio Hotel dove si svolgono per la 40ma volta le World Series of Poker e faccio subito l'iscrizione all'evento 11 da 2000$ NL Hold'em del 4 di giugno,sono sponsorizzato Italypoker.it e quindi la responsabilità è doppia... fare un buon risultato per me stesso e per lo sponsor. Nel salone delle WSOP ci sono altri eventi in corso e incontro i nostri porta colori azzurri: Max Pescatori, Dario MInieri, Fabio Coppola, Flaminio Malaguti, Dario "Ryu" Alioto, Max Lupi, Claudio "Swissy" Rinaldi, Alessio Isaia e tantissimi giocatori stranieri di fama mondiale... su tutti il mio idolo Daniel Negreanu! Foto
di rito con tutti e poi si parte con la prima sessione di cash game sia di Omaha che di Hold'em 2$/5$, risultato un +850$ e concludo il mio primo giorno in maniera abbastanza positiva. E se il buongiorno si vede dal mattino...

Prima dell'evento WSOP disputo insieme ad altri amici pugliesi (eravamo 20 in quel di Las Vegas) il torneo deep stack al Caesar Palace da 350$ con 270 giocatori, esco 50mo a 23 posti dai premi perché i miei 88 non sono bastati ad aver ragione di AA in big Blind... cmq ottimo allenamento in vista del mio evento al Rio.

Nel frattempo in mezzo a tutto questo parlare e giocare a poker nella citta più bella del mondo, mi son dimenticato di dirvi che eravamo alloggiati all'Imperial, di fronte al Caesar Palace. Cosa ha di speciale l'Imperial? Una cosa su tutte: è pieno di "bandierine", sia con buy in e sia freeroll! Praticamente per me era il paradiso terrestre... alla fine della settimana 8 bandierine piantate... 5 con buy in e 3 freroll (andate in piscina vi abbordano loro!)

Ritornando a parlare di poker, arriviamo al 4 di giugno giorno dell'evento n° 11, alle 12.15 si inizia: sono al tavolo 81 posto 2, sala Amazon, il mio tavolo e' abbordabile e con qualche punto, qualche bluff e reraise con 3 e 7 salgo da 6000 sino a 9000 già al secondo livello. Avevo intenzione di partire forte se avessi fatto chips bene, altrimenti sarei andato a giocare il cash. I tornei si giocano così. Meglio ardere subito che non spegnersi lentamente. Rompono il mio tavolo e mi spostano al tavolo 15 proprio vicino al corridoio e nel
frattempo arrivano tutti i miei amici per fare il tifo, ospite d'eccezione a guardare il nostro tavolo anche
Annette Obrestad che non avendo compiuto 21 anni era lì a curiosare ma non poteva sedersi . Mi arrivano belle carte in questo tavolo e salgo sino a 12.500 chips vincendo tanti piatti senza arrivare allo show down. Stavo giocando il mio miglior poker ma.... gli scoppi a poker texano sono dietro l'angolo. Raise da middle a 800 di un player, call di un late e io da bottone decido per uno squeeze con AK suited, giocandoli all in sapendo di sicuro che i due giocatori mi avrebbero chiamato solo con AA o KK. Invece va all in il mio
grande buio di 7500 chips dopo aver pensato una infinità, i due passano e mi gira AQ off (giocata da super donk, come tanti negli USA). Quello che stavo temendo preflop si avvera e una Q al flop, colpo che  mi fa scendere a 4000 chips... incredibile...

La prima reazione quando si perde un colpo così importante e' di mandare la vasca con any two card, ma mi calmo e penso che si possa risalire di nuovo.....e questa volta sono io a scoppiare due Q con AJ e
A al flop. Uno pari. Risalgo a 8500 e rompono il tavolo alla pausa cena, ed al mio ritorno mi accorgo che sono sparite le chips, ma un mio amico mi dice che un signore con il cappello da cowboy aveva preso le mie chips lasciandomi le sue. Il problema consiste nel fatto che erano 1700 in meno, chiamo i floorman e diamo la caccia nella sala a questo signore. Lo ritroviamo e così posso andare a sedermi al
tavolo con le mie 8500 chips... Al tavolo ci sono due Pro di Fulltilt, Axton e Baker. Il tavolo e' abbastanza interessante e decido di accelerare un po'. Al nono livello arrivano le mani della svolta, rilancio da bottone con A10 a fiori e un omone di colore stile rapper chiama e poi su di un flop 10 2 2 esce
puntando 3000, io lo porto a 7000 e lui va instant all in. Io con top Pair e top Kicker decido di dare una svolta alle mie WSOP:  chiamo e mi gira K10... nessun K e volo a 42000... dopo 15 minuti da UTG+1 vedo KK e rilancio a 3000 con bui 500/1000. Il pro di FullTilt Axton (super chip leader del tavolo) mi controrilancia a 7000 e io vado instant all in di 40000,lui fa instant call e ho paura di aver sbattuto il muso su AA e fine dei giochi ma... mi gira 88... che regalo! Nessun 8 e volo a piu' di 80000... alla fine dell'ultimo livello della giornata.


Galvanizzato faccio 6 rilanci di fila con due volte AK e con suited connectors e non trovo l'opposizione di nessuno e salgo a 120000. Stavo dando spettacolo in un tavolo pieno di americani. Chiudo la giornata a 108.700 in 10ma posizione su 243 giocatori,in ITM vanno 171 giocatori e quindi c'erano 72 players tra me e il mio primo ITM alle WSOP.

La notte bandierina bionda americana bellissima per scaricare la tensione e... poi alle 6.30 sveglia! Con tutta l'adrenalina a 1000 in corpo non si chiudeva occhio, non riuscivo a stare neanche steso nel letto.

Inizia il day2, capito al tav 61 posto 6, sono chip leader del tavolo, c'è solo un altro giocatore a 104.000, poi tutti a metà e due short. Inizia la contesa e subito contro rilancio due mani dopo un raise e l'oppo folda, avevo KK e 77.

Scoppia la bolla e sono a 134.000 ma soprattutto ho fatto il mio primo ITM alle WSOP! Bandierina (pokeristica stavolta!) americana... Decido di puntare ai massimi e di giocarmela, quindi  una volta in ITM faccio un po' di sali scendi sino a che arriva la mia eliminazione in 77ma posizione. Un player a cui avevano scoppiato AA, rimane con 20.000 e manda la vasca due volte consecutivamente, alla terza spillo AQ e mando i miei 62.000 per isolarlo ma il grande buio dopo aver pensato per  5 minuti chiama con AK a fiori, board nullo e ci elimina entrambi: 77° posto per il sottoscritto, prima bandierina alle WSOP  e 6081$ vinti, ma soprattutto unico italiano a premio su 1646 giocatori!.
Gli altri 4 giorni a Las vegas li ho trascorsi tra piscine, disco, cash game (+2350$), ristoranti, spettacoli
dal vivo (David Copperfield al MGM ) e soprattutto con le mie mitiche bandierine!

Ora questo risultato per me deve essere un punto di partenza cercando sempre più di affinare tecniche e strategie di gioco per dare continuità ai miei risultati in campo nazionale ed internazionale. Voi seguitemi sempre e mi raccomando: l'anno prossimo vi voglio tutti con me a Las Vegas!  Ciao a tutti da Roberto Umberto "Roby S" sabato

 

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti