Ty Stewart: "Il futuro delle WSOPE potrebbe essere in Spagna"

Casino Barrire dEnghien les Bains2013 WSOP EuropeGiron7JG8607
Il Casinò di Enghien-les-Bains

Quest'anno le WSOP stanno cercando di fare del proprio meglio per il loro evento francese. Ma dall’anno prossimo qualcosa potrebbe cambiare…

"Onestamente per me la parte più importante è il Main Event ed il riuscire a far crescere i numeri dei giocatori in maniera significativa rispetto ad un anno fa” è stato il commento a caldo del direttore delle WSOP Ty Stewart sull’andamento dell’edizione di Enghien-les-Bains delle World Series od Poker Europe 2013.

Stewart ha continuato a spiegare che l'attuale sede WSOPE di Enghien-les-Bains rappresenta in maniera molto più fedele che in passato l’idea di riuscire a combinare una location in grado di ospitare un alto numero di giocatori ed allo stesso tempo attrarre un alto numero di “regulars” locali.

"Penso che la cosa migliore sia quella di lasciare che il festival di quest’anno si giochi al meglio per poi valutare la risposta dei player" ha detto Stewart.

"Barriere è un partner straordinario per le WSOP, anche se non possiamo nascondere che ci siano delle sfide che in futuro potrebbero portare il torneo fuori dalla Francia.".

Tra i problemi evidenziati da Stewart la chiusura del mercato nazionale ai soli player francesi ed il fatto che le uniche discipline autorizzate siano quelle dell’Hold’Em e dell’Omaha.

Imparare dall’esperienza di Cannes

IMG1732
Phil "Mr.13 Braccialetti WSOP" Hellmuth
 

Nessun salto dalla sedia: Stewart non ha alcuna intenzione di portare le WSOPE in Italia. Anzi, se il circuito dovesse decidere di dire adieu alla Francia, la scelta dovrebbe finire sull’Inghilterra o su quella stessa Spagna che ultimamente sembra riuscire ad andare molto melgio di noi.

"Tornare a Londra è una delle possibilità, ma solo se potessimo avere la certezza di organizzare un evento dalle proporzioni decisamente maggiori”, ha continuato Ty Stewart.

"Allo stesso tempo, non possiamo ignorare il mercato più interessante del momento, ovvero quello spagnolo. Penso che questa potrebbe essere una naturale evoluzione per WSOPE.”

Stewart ha ammesso che le WSOP hanno dovuto imparare tanto dalle sue esperienze a Cannes, specialmente alla luce del calo di presenze ed interesse riscontrato l’anno scorso.

"Siamo sempre stati molto fiduciosi sul fatto che il nostro marchio potesse da solo attirare i giocatori ai tavoli dei nostri eventi, ma penso che sia arrivato il momento per capire che, specialmente in questo momento, le cose non vanno più come in passato.”

Tra gli errori che non dovranno più ripetersi, quello di organizzare le World Series of Poker Europe in concomitanza con le WCOOP, il campionato mondiale di poker on line.

"Avere una data che non fosse in conflitto con la più grande serie di tornei online di poker al mondo è stata una scelta obbligata per quest'anno", ha detto Stewart.

 

Sette anni di WSOPE nel segno di Annette

 

annette obrestad 2
La giocatrice che ha cambiato le WSOPE: Annette Obrestad
 

Nonostante quasi a tutti sembri solo ieri che World Series of Europe debuttavano al Casinò Empire di Londra, la serie si sta comunque rapidamente avvicinando allo spegnimento della sua decima candelina.

"Siamo venuti da origini molto umili",ha detto Stewart.

"All’inizio non avevamo un ufficio fisso, abbiamo avuto tavoli sotto le scale dai quali sentivamo il rumore delle slots e delle macchinette dei caffè dei casinò ".

"Per me il momento clou del WSOPE è ancora il primo anno, quello reso perfetto dalla vittoria di Annette Obrestad ", ha continuato.

"Annette era una giocatrice che non era in grado di giocare negli Stati Uniti ed era allo stesso tempo una donna: questa combinazione ci ha permesso addirittura di finire sulla BBC mostrando cosa fosse possibile con il poker".

Ma, nonostante la sua prestigiosa storia, secondo Stewart ci sono ancora un certo numero di idee sbagliate circa le WSOPE.

"L'unica cosa che posso dire a proposito delle WSOPE, ed è una cosa che molti non capiscono, è che il nostro non è un semplice tentativo di guadagnare dei soldi.

"Spendiamo di più sulla produzione di video di quello che guadagniamo con le fee sul gioco. Il motivo del nostro impegno è che crediamo nella visione a lungo termine del poker e crediamo nel marchio WSOPE. "

Il WSOPE 2013 sarà ad Enghien-les-Bains fino al 25 di ottobre. Controllate la pagina dedicata alle WSOPE 2013 Live per la copertura esclusiva dell’evento realizzata da PokerListings.

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti