Tutto il Poker del 2012: Poca Italia, Molto PokerStars

2012

Riviviamo insieme tutti i momenti più importanti del 2012: da gennaio ad aprile - mese dopo mese - scopriamo il meglio di quanto è successo nell'anno che stiamo per chiudere.

Puntuali come un orologio svizzero ed apparentemente molto più forti delle profezie di un Maya qualsiasi, anche quest’anno è arrivato il momento dei saluti, dei bilanci e delle nostre pillole per ricordare il 2012 che ormai ci apprestiamo a mettere in archivio come tutti gli anni passati.

Come messo in preventivo già dodici mesi fa, il duemiladodici si è distinto tanto per quello che ci ha offerto quanto, purtroppo, per quello che ha colpevolmente perso per strada.

Perché se è vero che fuori dall’Italia si è ricominciato a giocare sui tavoli di Full Tilt Poker (a cui è stata riservata un’accoglienza un po’ freddina, a dire il vero…), non possiamo non mandare agli atti come anche questo anno si sia chiuso senza uno straccio di legge per legalizzare il poker live.

E senza neppure un piccolissimo tentativo di dare al gioco del poker quella dignità che si merita, che in privato tutti gli riconoscono ma che, ahimè, allo stesso tempo davvero pochissimi sono pronti a sbattere in faccia al mondo – soprattutto quando questo deve essere fatto dai banchi del Parlamento.

Tempo al tempo, però. Prima di passare al dovuto mare di polemiche legato allo stato (comatoso? Pietoso?) del poker live italiano, passiamo in rassegna tutti gli avvenimenti più importanti del 2012 con la solita formula degli altri anni: mese, dopo mese, dopo mese…riviviamo il 2010 partendo disciplinatamente dal suo principio:

Gennaio: poca Italia, Stars su iPhone, Zynga scivola via

kovalchuk premiazione ipt sanremo 500
Oleksii Kovalchuk
 

Il primo mese dell’anno non porta grandi risultati al poker italiano, nonostante i tornei per provare ad emergere non manchino di certo.

Tra PCA, Aussie Millions ed il nostrano Italian Poker Tour di tappa a Sanremo, infatti, ci sarebbero tutti i presupposti per far bene e per cominciare l’anno sotto le insegne di un tricolore che piace a tutti meno qualche fesso della domenica in cerca di facili polemiche.

Il fatto, purtroppo, è che nessuno dei nostri riesce ad imporsi lì dove vorremmo e mentre il PCA è finito tra le mani del trader newyorkese John di Bella, anche l’appuntamento casalingo con l’Italian Poker Tour di Campione si è concluso con un nulla di fatto tricolore regalando la vittoria (meritata, per altro) all’ucraino Oleksii Kovalchuk.

Tornei a parte, comunque, il mese di gennaio va ricordato per la legalizzazione del poker online in Danimarca oltre che per alcune vicende legate al mondo social-mobile che hanno contemporaneamente visto cominciare lo scivolone del poker su Facebook ed arrivare la prima applicazione di PokerStars per giocare a soldi veri anche da iPhone ed iPad.

Febbraio: addio November Nine, ecco la liquidità internazionale

november nine
Le WSOP hanno deciso: basta November Niners
 

Il mese di febbraio si apre subito con un comunicato shock che la dirigenza delle World Series of Poker affida ai micro messaggi di Twitter: il 2012 non avrà i November Nine.

Il cambiamento intrapreso dalle WSOP comincia dunque a farsi sentire già dall’inizio dell’anno e passa per l’anticipazione di un mese della storica formula del tavolo finale novembrino: apparentemente poca cosa…se non fosse che per alcuni questo rappresenterebbe solo il principio di un cambiamento molto più ampio destinato a farsi sentire nel corso del 2013.

Sempre a febbraio si comincia a parlare di “liquidità internazionale”, con le autorità del gioco italiane, francesi e spagnole che decidono di mettersi intorno ad uno stesso tavolo per discutere della possibilità di far partire un mercato del gioco unico in pieno stile europeo.

Anche qui, però, va registrato un “nulla di fatto” sul piano di risultati concreti che si spera possano arrivare tra il 2013 ed il 2014.

Il mondo dei tornei di poker del febbraio è acceso principalmente dall’EPT francese di Deauville e dalla tappa veneziana del World Poker Tour – che l’organizzazione del torneo ha purtroppo deciso di non inserire nel calendario del 2013.

Purtroppo, ancora una volta i player italiani non riescono a raggiungere il gradino più alto del podio di nessuno dei due eventi, con l’EPT Deauville che finisce tra le mani del bielorusso Vadim Kusevich (nonostante uno splendido Luca Pagano capace di arrivare fino alla settima posizione) ed un WPT Venezia che viene vinto dal russo Rinat Bogdanov capace di farsi strada in un tavolo finale quasi tutto italiano composto, tra gli altri, anche da uno degli eroi di questo 2012: Andrea Dato

Da febbraio buone nuove anche sul mondo del poker per smartphone, visto che l’onnipresente PokerStars cerca di bissare il successo ottenuto con l’app per iOS e lancia una nuova applicazione dedicata ai telefonini con Android che nel resto dell’anno non mancherà di conquistare un folto numero di appassionati imponendosi come must have negli smartphone del Paese.

E, confessione di una persona che ha installato l’app di PokerStars sia su un iPhone che su in Samsung Galaxy…funziona alla perfezione!

Marzo: l’ultimo guizzo di Tapie e l’arrivo di Zoom Poker

PokerStars Zoom Poker
PokerStars lancia lo Zoom Poker
 

Se l’arrivo dei primi caldi va come sempre a braccetto con la comparsa di un numero sempre crescente di tornei live di primissimo piano, peccato lo stesso non valga per l’arrivo di qualche titolo di rilievo per i player italiani. Che, nonostante l’abbuffata di competizioni, riescono solo ad assaporare il gusto della vittoria grazie al secondo posto raggiunto da Carla Solinas all’IPT Nova Gorica vinto dallo slovacco Anton Karasinsky.

Niente Italia al final table dell’EPT Madrid – vinto dal danese Frederik Jansen  - così come nessuna fortuna particolare anche in occasione dell’EPT di Campione che segna la fine del mese con la vittoria di un altro player della corona danese: Jannick Wrang.

Tornei a parte, però, marzo è soprattutto il mese del poker parlato. Da una parte Mark Pincus, CEO di Zynga, ammette lo stato di difficoltà in cui versa la sua azienda e comincia a parlare della possibilità di gettarsi davvero nel mercato del poker a soldi veri mentre dall’altra (ancora!) PokerStars continua ad innovare con il lancio dello Zoom Poker, il poker veloce che infiamma fin da subito i tavoli della sua versione .com.

Ironia del caso, poi, sempre a marzo c’è chi si dichiara pronto a giurare che la trattativa tra il gruppo Tapie ed il resto del mondo per mettere una bandierina francese sui colori di Full Tilt Poker sia ormai cosa fatta…che abbaglio, ragazzi!

Aprile: La fine del sogno di Tapie

Full Tilt Vicini Passaggio Tapie
Tapie e Full Tilt: è finita la commedia.
 

Il mese che segna l’anniversario del Black Friday e della fine del poker on line come lo avevamo conosciuto prima, porta anche nel 2012 una serie di sorprese talmente impensabili da lasciare tutti senza fiato.

Il mondo del live, manco a dirlo, registra ancora una vittoria danese – al World Poker Tour di Vienna  - oltre alla triple crown del belga David Kitai in grado di imporsi con successo all’EPT di Berlino subito prima della partenza dell’EPT Grand Final di Montecarlo vinto da David Kitai con un Sergio Castelluccio in grado di conquistarsi una comunque onorevolissima quarta posizione pagata con ben 400.000€ di vincita.

Ma le novità più interessanti, anche durante questo mese, non arrivano dal poker giocato ma da quello discusso negli uffici che controllano i massimi sistemi di questo gioco.

Da una parte l’avvocato Marco Polizzi si lancia in un’interpretazione quantomeno improbabile del sillogismo aristotelico attaccando Poker Generation – il docufilm sul poker – con una veemenza giustificabile solo da un’assurda ignoranza mentre, dall’altra, quella che un tempo era sembrata soltanto una voce credibile quanto una profezia Maya comincia a diventare realtà. PokerStars sta comprando Full Tilt Poker. Altro che Tapie.

Della stessa serie:

1. Gennaio - Aprile: Poca Italia, Domina PokerStars

2. Maggio - Agosto

3. Settembre - Dicembre

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti