Top 5 giocatori senza sponsor alle WSOP 2012

Doyle Brunson 7

Mai come in questa edizione delle World Series ci sono moltissimi campioni privi di sponsor. Scopriamo i 5 più famosi di loro.

Gli eventi del Black Friday e il conseguente collasso di Full Tilt Poker hanno fatto in modo che si creasse una vera e propria armata di professionisti senza un sito di poker online come sponsor alle spalle, pronta a invadere il Rio.

Non tutti i giocatori liberi rappresentano un affare. Phil Ivey è più una sfida, visto il suo legame controverso con il management di Full Tilt Poker, mentre giocatori americani come Tom Dwan sono difficili da acquisire, dato che il Paese ha chiuso il mercato del poker online.

Ecco dunque cinque grossi potenziali 'free agent' di queste WSOP 2012:

5) Gus Hansen

Il professionista danese Gus Hansen è uno dei pochi ex membri del Team Full Tilt ad essere uscito dal Black Friday abbastanza pulito.

Hansen non era un membro originale di Full Tilt e ha tagliato nettamente i ponti con il sito dopo il Black Friday.

Quindi perché non portare "The Great Dane" in un sito di poker online?

Hansen è uno dei giocatori più famosi al mondo, un beniamino dei fan grazie al suo stile loose e alla sua personalità fuori dagli schemi.

Inoltre non è americano, che è un bel vantaggio vista l'aria che tira nel settore del poker online negli Stati Uniti.

Inoltre, ovunque andasse stimolerebbe anche le partite cash high-takes, dato che è un tipo di giocatore che vinceva e perdeva regolarmente milioni di dollari su Fill Tilt Poker.

Dove lo vediamo meglio: Titan Poker (nonostante abbia appena terminato i contratti di Sam Trickett e Marvin Rettenmaier) negli ultimi anni si è rilanciata, e aggiungere un nome come quello di Gus Hansen sarebbe un bel colpo. E sarebbe un bel colpo anche per le partite di cash game.  

4) Doyle Brunson

Il "Nonno del Poker" è rimasto senza sponsor da quando ha chiuso con la Doyles Room, dopo il Black Friday.

Nonostante non sia più un giocatore di primo pelo, ci sono pochi giocatori di poker che hanno avuto lo stesso impatto sul gioco di Doyle Brunson. Ha vinto 10 braccialetti alle WSOP e praticamente ha scritto il libro che ha rivoluzionato il poker (Super/System).

Qualsiasi poker room online trarrebbe un immediato beneficio dal poter contare su uno dei nomi più celebri nel mondo del poker.

La domanda è se Brunson sia davvero interessato a legarsi a un sito di poker online, dopo i fatti di Doyles Room.

Un altro problema è che Brunson vive negli Stati Uniti, perciò non poterebbe giocare online, e in oltre non ha più voglia di viaggiare troppo.

Dove lo vediamo meglio: PokerStars ha un vastissimo team di giocatori di poker celebrati in tutto il mondo. Doyle Brunson sarebbe la classica ciliegina sulla torta di un sito che ha già il dominio del mercato nel mondo.

3) Sam Trickett

Nel Regno Unito il poker in questo momento va per la maggiore, e Sam Trickett è il nome sulla bocca di tutti.

Trickett ha letteralmente dominato i tornei live, ammassando più di 5 milioni di dollari di guadagni solo negli ultimi due anni.

Il nativo di Nottingham non può essere considerato un fuoco di paglia, anche perché tra Vegas e Macao ha rastrellato alcuni piatti milionari nelle partite high-stakes.

Dato che vive nel Regno Unito, Trickett può firmare per qualsiasi poker room online, e darebbe una grossa mano a qualsiasi sito che intenda espandersi in Inghilterra.

Trickett ha lasciato Titan Poker all'inizio di quest'anno.

Dove lo vediamo meglio: 888poker è migliorato tantissimo ultimamente, sia nel software che dal punto di vista del traffico. L'unica cosa che gli manca è qualche nome altisonante, e Sam Trickett è sicuramente uno di quelli.

2) Phil Hellmuth

Che lo si ami o lo si odi, di sicuro Phil Hellmuth è una delle stelle più luminose nel firmamento del poker.

Le sue credenziali sono impareggiabili: 11 braccialetti alle WSOP, più di 13 milioni di dollari vinti nei tornei tavoli e 85 in the money sempre alle WSOP.

Uno dei volti più riconosciuti del settore, Hellmuth si è costruito la reputazione di "Poker Brat" agli inizi del nuovo millennio, ed è diventato subito uno dei beniamini dei fan.

Hellmuth si è allontanato da UB.com all'inizio del 2011, probabilmente a causa del Black Friday, e da allora è senza sponsor.

Phil è stato criticato negli ultimi anni per non essersi adattato ai cambiamenti del poker, ma l'anno scorso è arrivato secondo in tre eventi WSOP, nonché secondo nella classifica WSOP Player of the Year. Inoltre è rimasto in qualche modo 'macchiato' per aver fatto parte di UB Poker durante lo scandalo del super user.

Praticamente tutti i sit di poker vorrebbero avere Phil Hellmuth nella propria squadra, anche se sicuramente costerebbe parecchio.

Dove lo vediamo meglio: Party Poker ha un team ristretto di professionisti famosi, ed Hellmuth sarebbe sicuramente il nome più importante. Party ha già tra le sue fila quel chiacchierone di Tony G, perciò crediamo non gli dispiacerebbe far firmare anche il Poker Brat.  

1) Patrik Antonius

Il poker pro finlandese Patrik Antonius non ha bisogno di giocare neppure un evento alle WSOP: sarebbe comunque il free agent più ricercato delle Series.

Antonius è un vero e proprio dio nella comunità del poker online, nonché una delle ultime stelle rimaste dal boom del poker agli inizi degli anni duemila.

La sua reputazione ha resistito al collasso di Full Tilt meglio di tanti altri (anche se potrebbe perdere svariati milioni di dollari), dato che non ne faceva parte fino al 2008, che probabilmente ha perso un sacco di soldi quando il sito è stato chiuso e che non aveva molto a che fare con il management della room.

Antonius potrebbe, da solo, far decollare le partite high-stakes di qualsiasi sito, dato che ci sono moltissimi professionisti che non aspettano altro che giocare contro il miglior giocatore online nella storia del poker.

Dove lo vediamo meglio: Patrik Antonius starebbe benissimo con il logo di PokerStars logo. PokerStars non ha ancora acquisito nessun ex membro del Team Full Tilt, ma Antonius è un nome particolarmente allettante, considerato quello che potrebbe portare nele partite high-stakes.

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti