Spirit of Poker Awards: vincono Brenes, Filatov e Carrel!

Humberto Brenes, Anatoly Filatov e Chalres “Charlie” Carrel riceveranno gli Spirit of Poker Awards 2015 di PokerListings durante il Battle of Malta.

Ci sono voluti quasi tre mesi di votazioni e una lunga discussione a PokerListings, prima di determinare i vincitori degli Spirit of Poker Awards 2015.

Humberto Brenes, una vera leggenda vivente

Nella nostra categoria che celebra quei giocatori che erano già seduti ai tavoli mentre voi giocavate ancora con le figurine, e che sono ancora qui dopo l'era Moneymaker, abbiamo dovuto fare una scelta difficile.

Ma alla fine non possiamo negare che Humberto Brenes, il padrino del poker nell'America Latina, merita più che una nomination semplice.

"The Chark" è stato nominato anche alla Poker Hall of Fame l'anno scorso, ma ha perso contro Daniel Negreanu. Quest'anno non è entrato nella rosa dei candidati.

Ma Brenes frequentava i tornei di poker prima ancora che Negreanu nascesse. È un giocatore completo, della vecchia scuola, capace di destreggiarsi nel NLHE come nell'Omaha Hi-Lo, passando per l'Ace to Five Draw.

humberto brenes 3381

Brenes è arrivato 4° al Main Event WSOP prima ancora che nascessero i 20 migliori giocatori del GPI ed è stato uno dei primi membri del Team PokerStars, dal 2006 e per nove anni di fila.

Brenes, nonostante il suo successo, non si è mai considerato come un giocatore professionista. Ha sempre fatto in modo di avere qualche altro affare sicuro, per fare in modo che il poker restasse un divertimento.

Humberto Brenes ha ricevuto il maggior numero di voti dai nostri lettori, battendo giocatori del calibro di Erik Seidel e Barry Greenstein.

Congratulazioni a Humberto Brenes da tutto PokerListings. Non vediamo l'ora di incontrarlo e di congratularci con lui al Battle of Malta di inizio novembre, dove Maria Ho consegnerà il nostro Living Legends Award alla "personificazione dello spirito competitivo e della classe" (cit. Nolan Dalla).

Filatov domina la categoria MIP

Anatoly Filatov1

La nostra ricerca del Most Inspiring Player negli ultimi dodici mesi ha trovato un vincitore così netto che c'è poco da discutere.

Anatoly Filatov ha ricevuto oltre il 70% dei voti totali, rendendolo il chiaro vincitore di quella che probabilmente è la categoria principale dei PokerListings Award.  

Noto online con il nickmane nl_profit, Filatov ha vinto $1,8 milioni online, ma è diventato anche un regular nei più grossi tornei live di tutto il mondo.

Filatov rappresenta la poker room che sta crescendo di più in Russia - Pokerdom - ed è noto per essere un lavoratore meticoloso che passa moltissimo tempo ad insegnare agli altri giocatori.

Prima ancora che esistesse Twitch, Filatov è stato anche uno dei primi giocatori ad andare in streaming con le sue partite, utilizzando un sito oggi noto come gosupoker.

Per i primi European Poker Award, svoltisi lo scorso marzo a Malta, è stato eletto nel panel di giudici che hanno scelto i vincitori.

Grazie alla sua natura schietta - e probabilmente al suo stile di classe - Filatov ha conquistato i lettori di PokreListings ed è riuscito a battere la superstar indiana Aditya Agarwal e il fenomeno di Twitch Jason Somerville, entrambi entrati a far parte di recente del Team Pro di PokerStars.

Ultimo, ma non ultimo, i suoi famosissimi "Filatov splits" dimostrano che è uno di quei giocatori moderni che reputano la forma fisica tanto importante quanto quella mentale.

Congratulazioni da PokerListings ad Anatoly Filatov, che alla prossime cerimonia a cui parteciperà a Malta si ritroverà dalla parte di chi il premio lo riceve.

Carrel emerge come Rising Star

charlie carrel 200

È sempre difficile prevedere se un giovane giocatore che ha assaggiato il successo riuscirà davvero a raggiungere l'elite internazionale e a rimanerci.

Ma quest'anno, non abbiamo dubbi che i nostri migliori tre giocatori della categoria Rising Star sono destinati ad arrivare in alto.

Sentiremo parlare di Charlie Carrel, Dzmitry Urbanovich e Fedor Holz per tanti anni, ma a quanto pare è l'inglese Carrel ad avere il maggior numero di fan tra i lettori di PokerListings.

Carrel è passato dalla posizione 20.000 del GPI ai migliori 2000 nel giro di 12 mesi, e da depositare $15 a giocare il NL5.000; è passato da essere un anonimo giocatore online a vincere l'EPT Grand Final High Roller, e dall'essere il tizio con i vestiti psichedelici a uno dei giocatori più noti del circuito live.

Carrel ha promosso la sua nomination sui social network in maniera decisamente attiva, cosa che potrebbe essere stata decisiva, dato che delle tre categorie dei PokerListings Spirit of Poker Award, questa è stata la più incerta.

Chapeau, signor Carrel, non vediamo l'ora di incontrarti al Battle of Malta.

La cerimonia degli Spirit of Poker Awards

Congratulazioni ai tre vincitori, che possono ora vantarsi di ripercorrere i passi di personalità quali Shannon Shorr, Pierre Neuville, Dominik Panka, Thor Hansen, Naoya Kihara e Luca Moschitta.

È la terza volta che PokerListings organizza gli Spirit of Poker Awards, e per la terza volta vincono giocatori dalla personalità straordinaria.

Questi giocatori possono essere famosi, ma non è questo l'importante. Alcuni, semplicemente, non hanno ancora la visibilità che si meritano. Ma questo succederà quando Maria Ho consegnerà loro i premi al Battle of Malta 2015, che si terrà dal 4 al 9 novembre al The Portomaso Casino di St. Julian’s.

C'è ancora un sacco di posto nel "miglior torneo low buy-in dell'anno", quindi ordinate il vostro pacchetto completo sul sito di PokerListings o cercate di qualificarvi online su uno dei nostri siti partner.

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti