Sofia Lövgren: " Ve l’ho detto che ora vivo proprio accanto al casinò? "

Sofiablog

Che tipo di parole desiderate associare a Sofia Lövgren? Ebbene, la maggior parte di noi sarebbe probabilmente d'accordo che è molto creativa, giovane e talentuosa nel giocare a poker.

Ha imparato quando aveva 16 anni e quattro anni dopo è stata la prima ragazza ad entrare nella squadra di PKR.

Lövgren nel 2012 ha chiuso in trentesima posizione il Main Event dell'EPT di San Remo, conquistando altri ottimi piazzamenti all'Estrellas Poker Tour Main Event di Madrid, fino ad un 16esimo posto all'EPT High Roller 2013 a Londra e buoni piazzamenti alle WSOP.

L’anno scorso Sofia ha anche partecipato al Battle of Malta insieme al suo fidanzato ormai storico: il giocatore di poker italiano Luca Moschitta.

Quest'anno Sofia Lövgren è nominata nella categoria “Rising Star” dei Pokerlistings Awards insieme ad altri sette giocatori provenienti da tutto il mondo.

Abbiamo colto l'occasione per parlare con lei circa la nomina, il suo futuro nel mondo del poker e il suo presente nel team di 888.

 

Sofia 888 poker

Hai fatto molte cose ultimamente. Prima eri con PKR, ora sei passata ad 888poker e in più ti sei trasferita a Malta. Qual è la prossima mossa?
Mi piacerebbe dedicare ancora più tempo a giocare a poker e viaggiare in tutto il mondo per partecipare a molti eventi live. Ora mi trovo infatti a  Las Vegas per giocare alle WSOP.
Finora ho avuto solo il tempo di giocare pochi eventi ma ho già vinto qualcosa! Ma il mio piano è quello di giocare almeno sette eventi, tra cui il Main Event. Uno dei miei obiettivi è raggiungere il tavolo finale!
Poi non vedo l'ora di partecipare all’European Poker Tour di Barcellona e alle WSOP di Melbourne. Sarà così divertente da giocare in Australia. Sarà la mia prima volta in assoluto!

L'anno scorso tu e Luca siete stati nominati nei PokerListings Awards nella stessa categoria. C'è stata qualche gelosia tra di voi dopo la sua vittoria?
No, ero davvero molto felice per Luca. Il 2013 è stato un buon anno per lui, quindi penso che abbiate scelto il giusto vincitore.

Tenete a mente che lui è italiano e loro odiano perdere! Quindi sì, è stata probabilmente la scelta migliore per la nostra "pace domestica".


Quest'anno sei nuovamente candidata. Come ci si sente e cosa ne pensi gli altri giocatori nella tua categoria?
Bisogna sempre essere innovativi, mostrare passione e lavorare sodo per promuovere il poker agli altri.

Il mio obiettivo è quello di diffondere le cose positive sul poker. Quindi per me è un grande onore essere nominata.Tuttavia, ci sono molti altri giocatori interessanti. Salter è uno di loro. Sta facendo molto bene, ma io sono l'unica ragazza.


Pensi di tornare al Battle of Malta quest’anno?

E 'stato davvero divertente da giocare lo scorso anno. Ho fatto bene nel day 1, ma il secondo ho perso alle prime battute.

Quest'anno ci saranno più giocatori che aderiscono al torneo e la GTD è più grande, il che rende il Battle of malta più attraente!Ve l’ho detto che ora vivo proprio accanto al casinò? Questo dovrebbe portarmi un po' di fortuna in più, giusto?!


Come mai vi siete trasferiti a Malta?
Siamo stati a Malta diverse volte prima e infine abbiamo deciso di traslocare. Amo Malta e il clima è fantastico. E' così diverso dalla mia città natale Göteborg.
Come giocatore di poker non ho bisogno di vivere in un luogo specifico. Finché si dispone di una connessione a internet è tutto a posto. È possibile lavorare da dove vuoi.

Potrebbe essere su una barca a vela da qualche parte in Svezia o in una stanza d'albergo a Barcellona. Voliamo spesso a Göteborg dai miei o a Catania in Sicilia dai suoi.  Malta è ben collegata con gli aerei. Questo è molto importante per noi. Ci sono poi molti tornei di poker che si svolgono a Malta, il che ci fa sentire a casa!

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti