regole varianti poker

Regole Varianti Poker

Abbiamo già effettuato il viaggio attraverso le regole del Texas Holdem, ma differiscono per alcune Regole Varianti Poker che andremo ad osservare.


pineapple poker

Regole e Strategie di Gioco del Crazy / Lazy Pineapple Poker

Vediamo insieme le regole di gioco del pineapple poker nelle versioni crazy e lazy....

9 luglio 2015
open face chinese

Open Face Chinese Poker: regole e modalità di gioco

L'Open Face Chinese poker è un gioco che sta diventando sempre più popolare nel mondo...

6 settembre 2014

badugi poker variants

Badugi: Regole e Strategia di gioco

Una delle poche varianti draw che sta guadagnando popolarità in un mondo dominato dalle community...

4 luglio 2014
caribbeanpoker

Regole di Gioco del Caribbean Stud Poker

Il Caribbean Stud è una variante semplice e rapida del poker, che si gioca al...

4 luglio 2014
Five Card Draw Poker

Regole principali nella variante del 5 Card Draw

Il Five Card Draw è una delle forme più basilari del poker, una variante che...

2 luglio 2014
razzpokerfacts

Regole e strategie di gioco nel Razz

Il Razz è un gioco "low", dove occorre cercare di chiudere la mano più bassa...

2 luglio 2014
tell poker puntata

Regole del Poker Seven Card Stud

Il Seven-Card Stud è una variante americana del poker molto antica, che sta diventando sempre...

13 giugno 2010

Ci siamo occupati in particolare di quella che è la variante del poker più diffusa, più giocata e in un certo senso più facile da giocare, e che dunque attira a sé un numero davvero clamoroso di giocatori sparsi per i quattro angoli del pianeta.

Ma ovviamente non si vive di solo Texas Holdem per quel che riguarda le vicende del poker mondiale e per la conoscenza più o meno completa del gioco da parte di chi lo mette in pratica ai tavoli, tanto live quanto online. E allora ecco che il nostro viaggio all'interno del poker dal punto di vista regolamentare ci porta attraverso le Regole Varianti Poker di tutte le altre specialità del gioco di carte più amato al mondo.

Ci occuperemo di quelle che sono le nozioni di base dell'Omaha e in particolare della sua specialità più diffusa, ovvero il Pot Limit. Ci occuperemo del 5 Card Draw, ovvero la variante più vicina al poker 'all'italiana' che tutti conosciamo fin dalla notte dei tempi. E poi ci occuperemo di tutte le Regole Varianti Poker, provando ad approfondire il più possibile quelle varianti che magari non hanno un grandissimo seguito come nel caso del Texas Hold'em, ma che comunque appassionano alcuni giocatori che possono provare a fare pratica con specialità meno frequentate per costruirsi un buon bankroll.

Regole Omaha – Tra Pot Limit e Hi Lo

regole del poker online varianti2

Dopo il Texas Hold'em, che si è diffuso in maniera davvero molto rapida fino ad appassionare decine di milioni di giocatori sparsi per il mondo, la variante del poker che ha ottenunto il maggior numero di consensi è senza dubbio l'Omaha. Sono a propria volta diverse le specialità che hanno reso l'Omaha un gioco davvero intrigante da giocare, oltre che divertente da vedere anche per capire come vanno gestite le varie fasi di una singola mano.

Partiamo dalle nozioni di base dell'Omaha, che presentano già alcune differenze fondamentali rispetto al Texas Hold'em. Le carte private a disposizione di ciascun giocatore non sono più due, ma bensì quattro. In ogni caso, al termine di ciascuna mano che si conduce fino al river bisognerà sceglierne solamente due che andranno abbinate con le migliori tre possibili presenti sul board. Proprio il board rappresenta uno degli elementi di continuità tra le due varianti, visto che anche in questo caso ci saranno cinque carte comuni mostrate in tre diversi momenti, ovvero il flop, il turn e il river.

Nel caso del Pot Limit Omaha, senza dubbio la specialità più giocata nella variante, è ovvio già dal nome che il limite è rappresentato dalla puntata, che non deve mai superare la misura del piatto già composto. Dunque in questo modo viene scongiurata ogni possibilità che un giocatore decida di andare all in pre-flop, a meno che il numero di chip a sua disposizione sia inferiore alla grandezza del piatto.

Facciamo un esempio pratico per rendere l'idea di come funziona il sistema di puntate e rilanci nel Pot Limit Omaha: in una mano con i bui 1/2€ - e quindi con il piatto di già 3€ - il massimo rilancio possibile sarà di 7€, ovvero la somma del doppio del grande buio (4€) e del piatto già esistente (per l'appunto 3€). In caso di controrilancio, con un piatto che è salito a quota 10€, il massimo rilancio possibile sarà di 24€, ovvero la somma dei 10€ di cui si compone già il piatto e dei 14€ che rappresentano il doppio della puntata precedente.

Si gioca in modalità Pot Limit anche post-flop. Per esempio, se nella stessa mano dopo il flop il piatto raggiunge la quota dei 24€ di cui sopra, la puntata minima sarà sempre pari al grande buio e quella massima potrà ammontare ai 24€ di cui si compone il piatto. In caso di rilancio, quello minimo sarà pari al doppio del piatto (ovvero 48€), quello massimo sarà composto dalla somma di entità del pot stesso e puntata precedente. Un procedimento che appare complesso, ma che non appena si capisce diventa anche facile da mettere in pratica.

Non mancano le specialità nella variante Omaha, e nel nostro viaggio tra le Regole Varianti Poker ci occupiamo anche di Omaha Hi Lo. Come si può parzialmente intuire dal nome, oltre alle nozioni di base che riguardano il mondo dell'Omaha, questa è una specialità che premia due diversi punteggi, ovvero quello High (il più alto) e quello Low (il più basso).

Non cambia nulla in merito al procedimento della mano, tra fase pre-flop e le tre fasi post-flop. Cambia solo, come detto, il fatto che il piatto viene suddiviso in due parti uguali e assegnato a chi ha il punto migliore e chi mette a segno quello peggiore. La peggior mano possibile è quella che presenta un 8 e quattro carte inferiori e tutte non accoppiate tra loro. Quindi avere una combinazione che vede 8-5-4-3-2 è sicuramente un buon modo per andare a caccia del piatto “low”.

Per quanto riguarda il piatto “high”, non è difficile capire che bisognerà mettere a segno il miglior punteggio possibile, sempre tenendo in considerazione solo due delle carte private che vengono ricevute all'inizio della mano, e solo tre delle cinque carte che vanno a comporre il board. In un contesto del genere, in cui vengono premiate due mani diverse, difficilmente vedremo dei colpi che termineranno prima dell'uscita del river, ovvero della quinta carta del board.

Regole Poker Varianti – Il 5 Card Draw

regole varianti poker online2

Quando parliamo di 5 Card Draw, ci riferiamo a quella variante del poker che più di tutte si avvicina a quel poker che abbiamo conosciuto con maggiore trasporto in Italia, tra gli spaghetti western che vedevano grandi partite organizzate nei saloon, ma anche i nostri padri e i nostri parenti seduti al tavolo per le feste per giocare a carte.

Si comincia con il dealer che distribuisce cinque carte per ciascun giocatore. In base al numero di giocatori presenti al tavolo, possono anche essere escluse alcune carte basse – come ad esempio i 2 e i 3 – in modo da ridurre il più possibile la presenza di combinazioni cosiddette 'high card', ovvero senza riuscire a mettere insieme neanche una coppia e limitandosi dunque a dichiarare la carta più alta come 'punto', se così si può dire.

Si parte con il primo giro di puntate, in cui solitamente a prendere la parola per primo è il giocatore che presenta tra le proprie carte almeno una coppia cosiddetta 'vestita', ovvero dalla coppia di Jack a salire. Quindi una coppia di due figure uguali è indice del fatto che una mano può avere inizio. Dopo il primo giro di puntate si passa alla fase di cambio, in cui ciascun giocatore può cambiare da una a tutte e cinque le carte, oppure tenersi quelle che gli sono state distribuite all'inizio della mano. Il passo successivo, ma anche quello finale è quello del secondo giro di puntate, dopo il quale si mostrano le carte e si decide qual è la mano vincente.

Regole Poker Varianti – C'è anche il Razz

Una delle varianti meno frequenti in giro per il mondo, ma che ha da sempre attratto alcuni tra i più forti giocatori al mondo per la sua capacità di essere imprevedibile, è il Razz. Si tratta di una variante in cui ogni singola mano si compone davvero di tante fasi e può assumere sfumature diverse carta dopo carta. Dunque non possiamo esimerci dal descrivervela.

Si gioca con sette carte, di cui 4 scoperte e 3 coperte. Prima che una mano abbia inizio, tutti i giocatori devono piazzare una piccola puntata obbligatoria detta ante. A differenza di Texas Holdem e Omaha non c'è il bottone, all'inizio ogni giocatore riceve due carte coperte e una scoperta: chi ha quella più bassa punta per primo, dando il via al primo giro di puntate.

Arriva pui un'altra carta scoperta per la Fourth Street, e chi ha la coppia di carte migliore punta per primo, dando vita al secondo giro di puntate. La Fifht Street è una terza carta scoperta, e anche in questo caso il terzo giro di puntate parte da chi ha la combinazione migliore. La quarta e ultima carta scoperta la si riceve nella Sixth Street, e a prendere la parola per primo è sempre il giocatore con la combinazione di carte scoperte migliore. Infine, l'ultima strada prevede la ricezione di ciascun giocatore ancora in gioco della terza ed ultima carta coperta. Si parte sempre dal giocatore con la miglior combinazione di carte scoperte, e si arriva fino allo showdown.

Se nel giro finale non ci sono state puntate, il giocatore le cui carte scoperte hanno il valore più alto mostra le carte per primo. Il giocatore con la migliore combinazione di cinque carte vince il piatto.


×

Sorry, this room is not available in your country.

Please try the best alternative which is available for your location:

Close and visit page