Fedor Holz contro Alex Dreyfus: la brutta Storia del Prestito

dreyfus holz prestito soldi

Il noto giocatore di poker tedesco ha chiamato in causa il papà della Global Poker League: entrambi non hanno fatto di certo una bella figura…

Da una parte il giocatore di poker più hot del momento, dall’altra l’uomo d’affari che sta cercando di rivoluzionare l’universo delle due carte.

In mezzo un prestito di denaro sfociato in una situazione che, a conti fatti, andava sicuramente gestita meglio.

Alex Dreyfus, papà e fondatore della Global Poker League, è universalmente riconosciuto dalla community del poker come uno dei principali ambasciatori del Texas Hold’em, anche e soprattutto in virtù della sua crociata per rendere il poker sempre più sportivo e appetibile alle nuove generazioni di giocatori.

Tuttavia, qualche giorno fa l’imprenditore francese è stato tirato in ballo da alcuni professional poker player, su tutti  Fedor Holz ed  Hendrik ValueHLatz, per una storia di un prestito restituito con tempistiche dilatate.

Sorprende il fatto che uno come Dreyfus abbia chiesto un prestito a qualcunoChe lo abbia chiesto a Fedor Holz, uno dei partecipanti della Global Poker League stessa, è ancora più curioso.

 

I  panni sporchi non si lavano più in casa…

Sul noto forum di Two Plus Two (qui il post originale) è stato aperto un topic in merito che naturalmente ha attirato parecchie risposte, creando un certo clamore anche perché pare che Dreyfus abbia contattato almeno un altro paio di giocatori molto noti, sempre per quel prestito.

Secondo quanto si legge su Two Plus Two, Dreyfus avrebbe chiesto a questi giocatori di cambiare i soldi (euro per dollari) durante le World Series of Poker 2016 di Las Vegas.

 

alex dreyfus gpl
Il papà della GPL nell'occhio del ciclone

 

Ad un mese di distanza dallo "scambio"  nessuno di quei player aveva ancora ricevuto quanto gli spettava.

Pare che Dreyfus avesse bisogno impellente di denaro per alcuni costi inaspettati nella gestione della GPL, cosa che ha portato qualcuno a credere che la prima stagione della Global Poker League non stia funzionando come sperato.

Tesi, questa, supportata – ma non per questo motivo necessariamente confermata – dai ritardi sul proseguimento della stagione e sui cambiamenti di location (questo il programma originale poi cambiato) che hanno coinvolto i Playoff della GPL e il GPL World Championship.

 

 

Anche Holz non ci fa una bella figura

Va detto però che Alex Dreyfus ha poi provveduto a restituire il denaro preso in prestito, aggiungendoci pure gli interessi del 5% e derubricando l’incidente come un piccolo e semplice errore di valutazione.

Dal canto suo, Holz sembra aver colto la palla al balzo per stuzzicare Dreyfus a dimostrare un livello di professionalità più alto.

 

Holz2
Forse Holz poteva risparmiarsi di sollevare un polverone...

 

“Penso che questa storia non sia il massimo, perché dimostra mancanza di integrità da parte di un imprenditore. Spero proprio che questo sia un caso isolato”.

Certo è che da questa storia, alla fine decisamente innocua,  non ne escono benissimo né Holz né Dreyfus:

  • Holz avrebbe potuto anche evitare di creare questo subbuglio, dal momento che il prestito è stato comunque restituito (anche se un po’ in ritardo) con gli interessi;
  • Dreyfus probabilmente avrebbe fatto meglio, in caso di necessità, a rivolgersi a qualcuno al di fuori della GPL.

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti