PokerStars e Full Tilt raccolgono fondi per le vittime del tifone

tifoneHaiyan poker

Lo scorso novembre, uno dei più grandi cicloni tropicali mai registrati prima, il tifone Haiyan, ha colpito con grande violenza il sudest asiatico, causando solo nelle filippine qualcosa come 6.300 morti.

Poco dopo il tragico evento, il Rational Group (società che ha acquistato PokerStars e Full Tilt Poker) ha organizzato una raccolta fondi, permettendo ai giocatori di donare del denaro in beneficienza, per supportare le vittime del disastro ecologico e cominciare sin da subito a dare una mano alla ricostruzione.

Sei mesi dopo, PokerStars e Full Tilt hanno reso noto come i propri utenti siano stati particolarmente generosi, raccogliendo 280.039 dollari. Non solo, il Rational Group ha deciso di mettere la stessa cifra di tasca propria, per un totale di 560.078 dollari donati alla fondazione internazionale CARE.

Tra le altre iniziative umanitarie, l'organizzazione che combatte la povertà nel mondo ha tra i suoi scopi anche "distribuire beni d'emergenza ai sopravvissuti di guerre e disastri naturali e aiutare le persone a ricostruire le proprie vite", come viene ben spiegato sul sito ufficiale.

I dettagli su come il denaro è stato utilizzato sono stati comunicati in un documento pdf intitolato 'Philippines 6-Month Typhoon Haiyan Report, che potete consultare cliccando qui, a sua volta ripreso da un post pubblicato sul blog ufficiale di PokerStars da parte di Sue Hammett, di cui vi riportiamo un estratto:

"252.115 persone hanno ricevuto beni primari, più altre 3.700 persone hanno potuto contare su trasferimenti di denaro per acquistare cibo dai mercati locali. In generale, CARE e i suoi partner locali hanno consegnato più di 1.115 chili di cibo".

 

Altri interventi umanitari

PokerStars e la community del poker non sono certo nuovi a iniziative del genere, cioè raccolte fondi subito dopo tragedie globali. Nel 2004, ad esempio, PokerStars aumentò a 400.000 i 187.768 dollari donati dai propri clienti dopo lo tsunami avvenuto sulle coste dell'Oceano Indiano. Nel 2005, invece, PokerStars e i suoi giocatori raccolsero più di 100.000 dollari per le vittime dell'uragano Katrina.

Tra le organizzazioni che hanno beneficiato dell'aiuto della comunità pokeristica ci sono anche quelle sulla ricerca per l'AIDS, la ricerca per il cancro e il Darfur.

Anche il poker live si è dato spesso da fare, sotto questo punto di vista. Come non ricordare il Big One for One Drop da 1 milione di dollari, giocatosi due volte nelle ultime tre edizioni delle World Series of Poker, durante le quali ha raccolto più di 8 milioni di dollari in totale.

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti