Pokerlistings Spirit Award – Vota per la categoria Living Legend

PLAwards6

Non tutti questi giocatori sono stati all’apice del successo ma in un modo o nell’altro hanno contribuito a fare del poker quello che è ai nostri giorni.

Se credi che il poker sia un gioco solo per giovani grinder evidentemente non hai mai incontrato al tavolo uno di questi campioni, o non hai visto le imprese di Pierre Neuville (già vincitore del Living Legend Award nel 2013) ora tra i November Nine, insieme col 60enne Neil Blumenfield.

Noi di Pokerlistings consigliamo sempre ai principianti di apprendere il più possibile da questi grandi giocatori cosi come da qualsiasi poker player che abbia decine di anni di esperienza.

La loro calma al tavolo è qualcosa che si acquisisce solo col tempo e nessun libro o tutorial potrà insegnarvela.

Vai nella pagina dedicata alle votazioni ed esprimi la tua preferenza per uno di queste otto leggende del poker internazionale.

Non dimenticare di dare il tuo supporto a Sabina Hiatullah nella categoria Rising Star e a Max Pescatori nei Most Ispiring Players!

 

Konstantin Puchkov (63; Russia)

Sai che di solito con l’età si inizia a viaggiare meno? Non per Konstantin! Il player russo è presente a tutti i tornei internazionali più importanti e senza sosta ormai da decine di anni.

Instancabile e sempre sorridente Puchkov non è solo un abilissimo poker player ma anche un appassionato di cavalli che alleva e soprattutto a cui da nomi a tema come “Freeroll” “Full Haouse” e persino “Full Tilt Poker”!

 

Dan Heimiller (53; USA)

Dan ha avuto alti e bassi nella sua carriera lavorativa prima di decidersi a dedicarsi totalmente al poker. Nessuna decisione sarebbe potuta rivelarsi migliore di questa per Heimiller che da allora ha accumulato più di 5 milioni di dollari in vincite live.

Sono ben 266 i suoi in the money tra tornei locali e internazionali per un giocatore che ormai da una vita non smette mai di mettere colpi a segno.

 

living legend

Vota ora!

 

Barry Greenstein (60; USA)

Anche se non ha riportati grandissime vincite negli ultimi 12 mesi Barry è un pilastro del poker sportive oltre ad essere un noto filantropo. Conosciuto come il Robin Hood del poker, Greenstein è da sempre coinvolto in molte iniziative di beneficienza mostrando al mondo il lato più “generoso” del poker.

 

Humberto Brenes (64; Costa Rica)

Non è un’esagerazione affermare che Brenes ha difatti portato il poker in America Latina. Nel 2002 il gioco era ancora semi sconosciuto quando Humberto spopolava alle WSOP motivando tanti giovani a tentare la carriera di poker player.

Storico membro di Pokerstars le sue vincite superano ormai i 6 milioni di dollari.

 

Jackie Cachia (Malta)

Mai chiedere l’età ad una signora soprattutto quando si tratta dell’agguerrita Poker Mama. Così è conosciuta sull’isola di Malta la poker player Jackie Cachia che da decenni è una giocatrice abitudinaria al Portomaso Casino.

Jackie è tra i poker player più vincenti di sempre a malta ed ha messo a segno diversi colpi anche in tornei di spessore come IPT, WPT, Irish Open e il nostro Battle of Malta.

 

James Woods (68; USA)

Sicuramente più famoso per la sua carriera di attore piuuttosto che come poker player, ma sorprendentemente Woods è un abile giocatore.

Quest’anno infatti ha anche raggiunto il suo primo final table in un evento WSOP dimostrando che è possibile conciliare una brillante carriera ad Hollywood con la passione per il poker, che lui coltiva ormai da decenni.

 

Padraig Parkinson (54; Ireland)

Senza dubbi uno dei più arguti e originali ambasciatori di poker di sempre, e forse il volto più noto del settore tra gli irlandesi.

Parkinson era già in scena quando grandi nomi come Doyle Brunson, Amarillo Slim e Puggy Pearson approdarono in Europa per giocare l’Irish Open.

In tutta risposta lui volo a Las Vegas a giocare le WSOP dove tra le altre cose arrivò anche terzo nel Main Event!

 

Erik Seidel (55, USA)

A soli 55 anni non c’è niente che non sia stato già vinto da Siedel che senza dubbi tra gli otto candidati è il più noto di tutti. Tanto da averci fatto vergognare di non averlo inserito in questa categoria in una delle precedenti edizione dei Pokerlistings Awards.

Le sue vittorie arrivano a 25 milioni di dollari ed è il sesto giocatore più vincente di sempre nella storia delle WSOP. Se Erik non è una leggenda del poker allora non sappiamo proprio che possa essere considerato tale.

 

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti