Poker: Quando il Futuro Passa per il Crowdsourcing

stkickstarterf
E se la nuova frontiera del poker arrivasse ancora una volta dal web?

Mai sentito parlare di progetto “Polaris”, “Actua Poker” o di Kickstarter? Scoprite con noi i progetti che stanno cercando di cambiare il volto del gioco del poker.

Per il famoso gioco di carte, Internet ha già rappresentato una straordinaria fonte di successo a partire dagli anni Novanta, quando il fenomeno del poker on line ha cominciato a farsi strada conquistando milioni di appassionati dagli Stati Uniti al resto del mondo.

Oggi, a qualche decina di anni di distanza dall’esplosione del gioco online, la nuova sfida del poker riparte ancora una volta dalla Rete e si presenta agli appassionati del gioco con uno scopo ben preciso: rinnovare il poker come mai prima utilizzando uno dei servizi internazionali più cool degli ultimi anni: KickStarter.

Cosa è KickStarter?

Nato nell'aprile 2009, il sito KickStarter.com è un portale di crowdfunding, una piattaforma di finanziamento destinata a progetti creativi nel campo dell'arte, della musica, della tecnologia e appunto del gioco.

Primo tra i siti internazionali di crowdfunding, con KickStarter ogni project designer può esporre la propria idea agli utenti della piattaforma, inserendo il proprio video e una presentazione dettagliata sulle caratteristiche del progetto.

Il creatore può quindi avviare la propria campagna di finanziamento, inserendo l'obiettivo economico del progetto e la data di chiusura della campagna stessa.

Ad avviare l'ascesa della piattaforma sono stati anzitutto numerosi progetti di finanziamento cinematografici: raggiunto il loro obiettivo economico, numerose opere hanno potuto partecipare in seguito a festival di livello, tra gli altri gli americani Sundance Film Festival et il Toronto International Film Festival.

Al momento Kickstarter presenta quattro progetti di finanziamento legati all'universo del poker: Polaris, Tavern Cards, Actua Poker e DeDeuce.

E se cambiassimo le carte?

[Cliccate sull'immagine per far partire il video ufficiale del progetto]

Delle quattro idee presenti nella piattaforma, Polaris è al momento la sola ad avere raggiunto l'obiettivo di finanziamento. Il progetto del californiano David Goldklang (che abbiamo intervistato in esclusiva qui) ha infatti letteralmente sbancato, con oltre 45000 dollari a fronte dell'obiettivo di partenza di 15000 dollari e ben 918 sostenitori.

L'obiettivo di Goldklang è stato la realizzazione di tre mazzi di carte alternativi ai mazzi tradizionali in termini di design e colori: Lunar (di colore blu), Solar (di colore bianco) ed Eclipse (di colore nero).

Ispirandosi all'astronomia, il progetto del californiano offre numerosi gadget a tutti quegli utenti che hanno deciso di sposare il progetto: in base al contributo economico destinato al prodotto e alla provenienza del finanziatore, Goldkang mette a disposizione un vasto assortimento di pezzi da collezione in linea con il design dei mazzi da gioco: chips, scatole per collezionisti, magliette, poster, dealer button e addirittura un'edizione limitata del mazzo Eclipse con cinque colori metalizzati.

Data l'ottima trovata di marketing, non stupisce certo che Polaris abbia raggiunto e oltrepassato l'obiettivo fissato all'inizio della campagna di finanziamento.

Magari non le vedremo mai ad un EPT, però…

Come Polaris, anche il progetto di Hanna Lipski nasce in California, nella città di San Jose, e mira alla creazione di Tavern Cards, un mazzo di carte decisamente lontano dai canoni tradizionali.

Il progetto di base è semplice: le cinquantaquattro carte presentano al loro interno delle immagini tipiche di una taverna tradizionale, tra pirati, piatti del giorno, dadi e boccali di birra in legno.

 Le Tavern Cards hanno una duplice funzione: da una parte, possono essere utilizzate per ogni gioco tradizionale, tra cui il poker; dall'altra fungono da generatori di storie, ricostruendo gli ambienti tradizionali delle mitiche taverne in riva al mare.

Con questo progetto, Hanna Lipski ha voluto trasferire su un mazzo da carte il suo generatore casuale di storie, strumento per scrittori e artisti.

Con un obiettivo di finanziamento di 5000 dollari, Tavern Cards ha finora raccolto circa 3100 dollari a dieci giorni dalla chiusura, beneficiando del supporto di 127 finanziatori.

Il poker trasformato in gioco da tavolo

[Cliccate sull'immagine per far partire il video ufficiale del progetto]

Mentre Polaris e Tavern Cards ricorrono a nuovi design per le carte da gioco tradizionali, DeDeuce rappresenta in un certo senso il progetto più innovativo dei quattro presenti nella piattaforma di Kickstarter.

Realizzato dall'americano Leonard Yates, DeDeuce è un gioco da tavolo che unisce regole e caratteristiche del Pente e del Poker.

 Come nel Pente, in cui ogni giocatore inserisce le proprie pedine su una scacchiera con lo scopo di allinearne cinque in orizzontale, verticale o obliquo, nel gioco di Yates le pedine sono sostituite dalle carte da gioco.

Per vincere, il giocatore dovrà quindi comporre sul proprio tavolo da gioco una scala, un colore, un full o un poker, evitando naturalmente che i propri avversari possano fare altrettanto. Come indica il sottotitolo del progetto, si tratta insomma di un poker a tre dimensioni.

L'originale idea di Yates è stata lanciata recentemente su KickStarter e gode già di 24 sostenitori e poco meno di 2000 dollari, a fronte dei 30000 domandati per il lancio del progetto.

Una nuova grafica di gioco con Actua Poker

[Cliccate sull'immagine per far partire il video ufficiale del progetto]

L'ultimo progetto creativo sul poker presente all'interno del sito di crowdfunding è il frutto di un programmatore inglese di Sheffield, Ian Stewart.

Actua Poker nasce per gli amanti del poker on line ed è concepito per migliorare la grafica e la giocabilità rispetto alle numerose applicazioni presenti sul web.

Come spiega Stewart, lo scopo è anzitutto quello di velocizzare l'inizio della partita, evitando pop up e inviti ad altri giochi, come accade con le app presenti su Facebook, migliorandone anche l'aspetto visivo.

Progetto nato per essere gratuito, Actua Poker ridefinirà anche le meccaniche di gioco, permettendo al contempo ai giocatori meno regolari di spendere una somma contenuta (dai tre ai sette dollari al mese).

Il progetto di Stewart scadrà il prossimo 3 marzo e gode al momento del supporto di 8 sostenitori.

Come mostrato dalla carrellata di idee creative presenti su KickStarter, è insomma assai probabile che il crowdfunding potrà aprire nuovi orizzonti per l'amatissimo gioco del poker.

Scopri tutti i progetti su KickStarter!

Polaris su KickStarter: https://kck.st/YRR018

Tavern Cards su KickStarter: https://kck.st/Wa7nAu

DeDeuce su KickStarter: https://kck.st/VCBDGZ

Actua Poker su KickStarter: https://kck.st/WESrL0

 

 

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti