Poker online a luglio: dati che fanno ben sperare

poker online3

Resi noti i dati relativi al traffico per il mese di luglio nelle poker room online in Italia. Dati che segnalano un netto aumento, come ai tempi d'oro.

Sarà che durante l’estate, l’attività dei giocatori nelle poker room online aumenta spesso. Cosa c’è di meglio che grindare in riva al mare, oppure comodamente seduti a bordo piscina?

Ecco allora che il mese di luglio che si è appena concluso, fa registrare dei dati in deciso aumento per quanto riguarda le poker room abilitate nel nostro Paese.

Sia che si parli di tornei programmati – oltre che di Sit & Go – sia che si faccia virare il discorso sul cash game, il poker online in Italia ha subìto una netta sterzata durante il mese scorso.

C’è equilibrio tra i due grandi mondi che vanno a comporre il più vasto universo del poker online. Almeno per quanto riguarda i numeri relativi a quanto viene investito dai giocatori all’interno delle piattaforme.

Tuttavia, i risultati finali variano tra i tornei e il cash game, in relazione ai dati che sono stati raccolti nello stesso periodo dello scorso anno. In questo caso, vanno meglio i tornei.

Andiamo comunque a scoprire nel dettaglio come sono andate le cose, sia nel singolo mese di luglio che dopo i primi sette mesi del 2017, con la boa di metà anno che è stata abbondantemente aggirata.

Impennata nei tornei

Come dicevamo, il settore dei tornei programmati ha fatto registrare un deciso balzo in avanti durante il mese di luglio. E i motivi sono presto detti.

In primis l’organizzazione di diversi ‘circuiti’ di eventi online che si sono giocati, o sono comunque partiti proprio il mese scorso. Il primo riferimento possibile è quello delle Micro Series, in corso di svolgimento su PokerStars.

pokerstars italia

Anche grazie a questi eventi, il dato relativo a tornei e Sit & Go durante il mese di luglio fa registrare una spesa effettiva di 5,9 milioni di euro. Un incremento del 23% rispetto a luglio 2016, statistica che da tempo non veniva fatta registrare nel nostro Paese.

Discorso abbastanza simile se viene ampliato ai primi sette mesi dell’anno. In questo caso, la spesa ammonta a ben 49 milioni di euro, con un aumento rispetto al periodo gennaio-luglio 2016 fissato al 17,7%.

Tutti numeri che danno l’impressione di un movimento in ripresa, anche se, come abbiamo detto, lo svolgimento o comunque l’inizio di alcuni eventi sporadici non aiuta a capire se si tratti di un’ascesa destinata a durare, oppure di un episodio.

Cash game costante

E se dal fronte dei tornei arrivano notizie decisamente incoraggianti, per qualche che concerne il cash game online in Italia nemmeno il mese di luglio riesce a fornire delle risposte positive.

Il dato sulla spesa effettiva dei grinder italiani nel mese scorso ammonta infatti a 5,1 milioni di euro. Rispetto al mese di luglio dello scorso anno, si registra un calo comunque minimo: -1,9%.

Un calo che è comunque costante ormai dall’inizio dell’anno, come si evince anche dal dato complessivo sui primi sette mesi del 2017. L’ammontare complessivo di gioco è infatti di 40,9 milioni di euro, con 5 punti percentuali persi rispetto allo stesso periodo del 2016.

Ovviamente, quando si parla di numeri in calo non si può essere ottimisti, anche se si tratta di un decremento comunque minimo e decisamente ridotto rispetto ad altri periodi del poker online italiano.

Tuttavia, l’arrivo ormai prossimo (questione di mesi) della liquidità condivisa potrebbe ribaltare totalmente questi dati.

Continua il dominio PokerStars

Per quanto riguarda la classifica delle poker room che meglio hanno ‘lavorato’ a luglio 2017, continua a non esserci storia per quanto riguarda la prima posizione.

PokerStars mantiene un vantaggio larghissimo sul resto del field, con il 68,9% dei giocatori che partecipano ai tornei programmati e il 45,67% che si siede ai tavoli di cash game.

Per quanto riguarda torneo e Sit & Go, al secondo posto troviamo Lottomatica con il 5,5% che precede Sisal, ferma al 5,3%.

Quanto al traffico nel cash game, stessa composizione del podio: alle spalle di PokerStars c’è Lottomatica con il 7,26% e Sisal con il 5,79%.

 

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti

×

Sorry, this room is not available in your country.

Please try the best alternative which is available for your location:

Close and visit page