Poker Live: Tra Incertezza e Vuoto Normativo

poker live3

La situazione del Poker in Italia sembra è sempre più confusa: Daniele Amatruda e Mimmo Giacomelli offrono una soluzione per salvare il poker live.

In attesa della "normativa unica" che legalizzi i tornei "live", la situazione in del poker giocato intorno al tavolo verde rimane ancora terribilmente confusa.

Il concetto fondamentale è il seguente: per considerare un torneo di Texas Hold'em - ovviamente nella modalità Freezeout - come una pratica sportiva a tutti gli effetti, è sufficiente e necessario che una federazione detti delle regole precise, come avveiene in qualsiasi altro sport. In mancanza di questo, allora il Texas Hold Em deve essere considerato come un qualsiasi altro gioco di carte e dunque sottoposto alla discrezionalità dei singoli Questori.

Oltre a questo, poi, vanno anche considerati  alcuni importanti elementi di grande importanza come la scarsa competenza sull'argomento da parte di chi siede nei banchi del Parlamento insieme alla frammentazione del panorama associativo italiano.  Lo sviluppo del poker in Italia, infatti ha portato alla mancanza di una vera e propria Federazione con la "F" maiuscola in quanto quelle esistenti sembrano più impegnate a contrastarsi che a tutelare i propri giocatori.

Così, quando un giocatore va a giocare un torneo di poker sportivo, rischia costantemente di ricevere una simpatica denuncia per gioco d'azzardo già all'uscita del locale, come già accaduto a Torino, Cuneo, Vicenza, Asti e Milano.

Dal canto loro le federazioni al momento sembrano dedicare più attenzione allo sviluppo del gioco online (rigorosamente .it!) visto che questo sembra essere un modo per crescere ed emergere.  La FITH di Luca Pagano gode di un accordo privilegiato con PokerStars.it, Italian Rounders sta con PokerClub e l'antica FIGP ha  da poco firmato per andare al fianco di Eurobet.it permettendo ai giocatori di competere on line per un qualcosa di veramente affascinante che va al di la del valore economico delle vittorie: la partecipazione ai maggiori eventi di poker nazionali ed internazionali.

Eppure, nonostante i "progressi" nel mondo online, il problema della tutela del giocatore live è rimasto talmente sensibile che, per cercare di risolverlo, è nata l' AIGP (Associazione Italiana Giocatori Poker), con l'intento di legittimare la voce dei giocatori e degli appassionati.

Daniele Amatruda, uno dei soci fondatori dell' AIGP, ci spiega: "I giocatori non riescono a divertirsi come vorrebbero, hanno paura del vuoto legislativo che esiste in questo settore e le Federazioni non hanno fatto nulla per colmarlo: per questo è nata la nostra associazione. Lo Stato, legalizzando il gioco on-line, ha pensato solamente alle sue entrate, non capendo la valenza sociale e ludica di questo gioco."

Ed Amatruda non è il solo a pensarla così perche simile è anche il parere del player Mimmo "mimmoto" Giacomelli, volto noto del poker italiano e da sempre portabandiera della legalizzazione del Texas Hold Em: " Allo Stato manca la competenza necessaria per intervenire in questo settore. Serve un ente mediatore al di sopra di qualsiasi interesse economico, quindi nessuna poker room.it, nessun giocatore sponsorizzato. Lo stesso ente dovrebbe poi verificare il rispetto delle leggi e le competenze professionali di chi possiede un circolo. Le Federazioni hanno contribuito allo sviluppo del Texas in Italia, ma dovrebbero unirsi oppure essere controllate da un'Associazione superiore e disinteressata economicamente, altrimenti quelle esistenti penseranno sempre e solo ai loro interessi. Come del resto ha fatto lo Stato, che ha legalizzato il gioco on-line (su cui attraverso l'Aams ha un guadagno notevole) e non regolarizza il live, ma si limita semplicemente a frenare il movimento abbassando le quota d'iscrizione e vietando agli organizzatori di organizzare più di un torneo al giorno e nella stessa località. Voglio fare di tutto per cambiare la situazione, mi candido in prima persona come mediatore."

E tutti noi appassionati speriamo davvero che qualcosa cambi.

Giorgio "Mr.Pick" Petrangeli

 

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti