Più velocità, meno abilità: il futuro dei tornei di poker online?

veloce2

Era la fine di un'estate anomala (almeno al Nord Italia), quando tra un acquazzone e l'altro, PokerStars.it annunciava l'arrivo di un nuovo format destinato a far discutere: gli Spin & Go.

"Sono la rovina del poker online", tuonavano alcuni; "attireranno nuovi giocatori", pronosticavano altri. A distanza ormai di sei mesi, quale scuola di pensiero aveva ragione?

Come spesso succede quando si confrontano due idee contrapposte, la verità e il concetto di giusto o sbagliato non risiedono soltanto da una parte. Indubbiamente hanno ragione i regular quando sostengono che allo stato attuale delle cose, ottenere un profitto costante dai tornei come gli Spin & Go è impossibile.

La particolare natura del montepremi, sconosciuto fino all'inizio della partita, impedisce di pianificare e a volte non giustifica neppure l'investimento di tempo e denaro. Il fatto è che questa novità non è stata introdotta per i grinder, ma per i giocatori amatoriali.

Più poker per tutti!

Qual è l'obiettivo di un giocatore amatoriale di poker online? Divertirsi, e magari vincere un bel gruzzoletto. Gli Spin & Go offrono entrambe queste caratteristiche: si gioca in un tavolo da tre giocatori, con poche chip, quindi si è costretti ad entrare nei piatti con una certa frequenza, pena la sconfitta assicurata.

Inoltre, se si è fortunati, con pochi euro se ne possono vincere migliaia. Ai puristi del poker sembrerà quasi un gioco da casinò, ma i numeri dimostrano che il formato piace, soprattutto a chi non ha tanto tempo per giocare.

I principali tornei di poker online - per tacere dei tornei live - richiedono un investimento di tempo non indifferente. Molti si protraggono per parecchie ore consecutive (il Sunday Special, ad esempio, viene diviso in due giornate) e altrettanti terminano quando ormai è notte fonda.

poker online

È dura per l'impiegato di turno, che magari si deve alzare alle 6 perché è pure un pendolare, mettersi davanti al computer alle nove di sera sapendo che, se le cose vanno bene, l'indomani potrebbe presentarsi davanti al capo con le occhiaie profonde quanto la faglia di Sant'Andrea.

Uno Spin & Go permette di giocare e passare un po' di tempo con la consapevolezza che, male che vada, ci si potrà staccare dopo qualche minuto. E a pensarci bene, può fungere anche da 'aperitivo stuzzicante' per chi ha un po' perso la passione.

Lo Spin & Go: una preda invitante

Questi sit and go super veloci, attirando molti giocatori amatoriali, non sono poi cosi difficili da battere. Questo è un punto che un grinder dovrebbe tenere in considerazione, ad esempio. Ma come detto, anche il fatto di essere un po' come uno 'stuzzichino', veloce da consumare e che 'apre lo stomaco', lo Spin & Go può anche far riavvicinare al poker chi magari se ne è allontanato per troppo stress.

Quanti giocatori hanno grindato l'impossibile, salvo arrivare a un punto in cui hanno sacrificato la propria vita sociale e ad avvertire una sorta di rigetto nei confronti del Texas Hold'em? Gli Spin & Go possono essere un buon modo per riallacciare i rapporti con mouse e tastiera cominciando con piccoli passi. Chissà mai che uno Spin & Go non porti a un sit and go classico, che a sua volta non conduca a un mtt online

 

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Sax 2016-05-24 19:36:55

Troppi giocatori chiamiamoli così ke nn sanno giocare e tentano continuamente a colpi di all in tipo bingo

ClaudioJ 2015-02-17 10:01:15

Credo che il poker online stia cambiando troppo...e non in meglio ad essere sincero

×

Sorry, this room is not available in your country.

Please try the best alternative which is available for your location:

Close and visit page