Pierre Neuville: “Mi piacerebbe essere di nuovo così sfortunato alle WSOP 2016!”

Pierre Neuville 1

Dopo aver partecipato a quello che ha definite “il torneo della sua vita” il 72enne belga Pierre Neuville si è raccontato ai media svelando la sua preparazione alle finali delle WSOP.

Di Nicolas Christiaens

Già prima di giocare il final table delle WSOP 2015  Pierre aveva ironizzato immaginando uno scenario non troppo diverso da quello che poi si è verificato: “immaginate se proprio alla prima mano di gioco dovessi trovarmi con AA da MP contro un raise di McKeehen. Andiamo all-in pre flop e perdo tutto all’istante!

Il giocatore belga era quindi pronto ad ogni eventualità in questa prima giornata che si è rivelata davvero poco fortunata per lui. Ma questo certo non gli ha impedito di rimanere positivo e sorridente come sempre lo abbiamo trovato tra le sale dei vari tornei internazionali a cui partecipa assiduamente da anni, anche se l’esperienza dei November Nine ha lasciato il segno:

Pierre Neuvillle
l'eliminazione di Pierre Neuvillle alle WSOP 2015

Tutti si stanno ancora congratulando con me, ma in realtà le cose sono andate per il peggio” confessa Neuville “A luglio ero al settimo cielo, avevo vinto molto ed ero riuscito anche ad aiutare molte persone grazie ai miei sponsor. Purtroppo questo settimo posto non coprirà molto considerando i soldi che ho speso in questi 3 mesi e tutte le persone che ho invitato qui a Las Vegas

Pierre si era ovviamente preparato al peggio ma la sua natura ottimistica lo portava a credere di poter vincere davvero il titolo di campione del mondo.

E’ stato davvero un duro colpo essere eliminati così presto. In fondo è una di quelle occasioni che capitano una sola volta nella vita. Per giorni ho continuato a pensare e rimuginare e avevo perso la motivazione.”

Il belga ha avuto tutto il supporto di amici e parenti con i quali ha speso i giorni seguenti al torneo visitando il Gran Canyon e Las Vegas. Molti i media e i giornalisti con cui parlare e gli argomenti non potevano che interessare quel “disastroso” final table delle WSOP.

Pierre Neuville alle WSOP 2015

Una volta ripartito Pierre ha avuto modo di riflettere su quanto fatto ma soprattutto di pianificare i suoi prossimi passi:

Voglio seguire una dieta e perdere 12 chili nei prossimi mesi, facendo sport e mangiando sano. Mi piace dirlo in giro perché più gente lo sa e più sarò costretto a farlo per davvero!”

I suoi piani pokeristici certo non conosceranno battute d’arresto: “sto pensando di andare a Praga per il WPT e l’EPT e sicuramente mi rivedrete a Las Vegas anche nel 2016! Ora il mio obiettivo è di raggiungere la top20 del GPI. Sarebbe un risultato mai raggiunto da nessun senior come me. Per farlo dovrei raggiungere i final table di tutti i circuiti più importanti. È un progetto ambizioso ma sarebbe davvero grandioso riuscirci!

Un misto di soddisfazione, grandi piani per il futuro e risentimento per Pierre Neuville che comunque non ha mai dimenticato l’impresa di aver battuto in corsa più di 6000 giocatori arrivando al final table delle WSOP. Subito dopo la sfortunata eliminazione il belga ha infatti dichiarato: “darei qualunque cosa per essere di nuovo così sfortunato al final table del 2016!”

 

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti