Phil Ivey abbandona il poker?

La notizia, se confermata, avrebbe del clamoroso. A darla è stato lo stesso giocatore di colore.

Il ritiro di un giocatore di poker, di solito, non fa notizia. Ma se a sparire dalle scene è l'equivalente di Michael Jordan nel basket, di Hulk Hogan nel wrestling o Peyton Manning nel football, è chiaro che si tratta di uno di quegli avvenimenti che non possono non far parlare.

A quanto pare, Phil Ivey starebbe pensando di lasciare il mondo del poker, dopo le WSOP 2013. E a dirlo non è la solita gola profonda, o qualche sito di gossip, ma Ivey stesso.

Durante la sfida tra il Team PokerStars e il Team Full Tilt, giocata domenica nel corso dell'EPT di Londra, Ivey, come molti altri, stava assistendo all'heads-up online tra Gus Hansen e Daniel Negreanu. A un certo punto, in chat ha scritto questo messaggio: "im gonna retire from poker after WSOP".

La traduzione, facile anche per chi non mastica molto l'inglese, è questa: "Mi ritirerò dal poker dopo le WSOP".

Apriti cielo. Tra i fan si è scatenato subito il panico. Ivey è stato letteralmente subissato dalle domande degli appassionati che in quel momento hanno invaso la chat di Full Tilt Poker, ma il Tiger Woods del poker non ha più risposto. La cosa, naturalmente, ha destato più di un lecito sospetto.

Difficile credere che un giocatore temuto e vincente come Ivey, ancora molto giovane, possa pensare di abbandonare quel gioco che lo ha reso ricco e famoso. Anche perché c'è da superare il record di braccialetti vinti alle WSOP, appartenente a Phil Hellmuth, un obiettivo che Ivey ha nel mirino.

Inoltre, il Tiger Woods del poker ha lavorato duramente per aprire il proprio sito di coaching, reclutando una squadra di professionisti coi fiocchi, ed ora sembra strano che voglia mandare tutto all'aria.

Quel "just to let u all know :)", "giusto per farvelo sapere", con tanto di faccina finale, ha il sapore di quella che nel gergo di Internet si definisce trollata, cioè una frase, o una battuta, messa lì giusto per far polemica, far discutere o far parlare di sé.

Non ci resta che aspettare qualche mese per verificarne l'effettiva veridicità.

Potrebbe Interessarti

assets/photos/_resampled/croppedimage12580-Pokerstars-Logo.jpg

Arrivano i tornei Double Bubble: a premio la metà degli iscritti

Il nuovo format dovrebbe fare il suo esordio alle PCA 2015. Ci saranno due bolle: una scoppierà a meta field, l'altra quando sarà rimasto l'8%...

29 Agosto 2014
assets/photos/_resampled/croppedimage12580-Pokerstars-Logo.jpg

PokerStars all'attacco dei furbetti americani

Ulteriore giro di vite per chi tenta di giocare dagli Stati Uniti: verranno confiscate non solo le vincite nette, ma anche l'intero ammontare del proprio...

19 Agosto 2014
assets/photos/_resampled/croppedimage12580-dan-cates.png

Daniel Cates da urlo: vinti online oltre 10 milioni di dollari!

L'americano è il terzo giocatore di sempre a superare questa quota: prima di lui ci sono state soltanto due leggende come Phil Ivey e Patrik...

18 Agosto 2014
assets/photos/_resampled/croppedimage12580-origini-poker-online.jpg

Randy Blumer, i tornei satellite e le normative: tutta la storia del Poker Online

Il gioco è sempre lo stesso, ma la parola “online” anziché “live” ne cambia in maniera decisiva le modalità. Nato negli anni Novanta, il poker...

08 Agosto 2014

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Il tuo commento sarà approvato entro pochi minuti. Grazie!

Non ci sono commenti