Perché Sergio Castelluccio è Meglio di Angela Merkel

Condividi:
16 luglio 2013, Scritto da: PokerListings.it
Postato su: Dentro PokerListings
Perché Sergio Castelluccio è Meglio di Angela Merkel

Il "geniopuntoebasta" ci ha regalato delle emozioni molto più preziose del suo quattordicesimo posto. Emozioni che ha coltivato piano piano, con quella pazienza che solo i più grandi sanno avere.

Provare a riassumere la portata di quello che Sergio Castelluccio è riuscito a fare ai tavoli del Main Event delle WSOP 2013 è facile quanto descrivere le sfumature di un'alba bellissima come quella che abbiamo fatto oggi.

Mentre aspettavamo di sapere se il genio, ormai da tempo non più solo delle tartarughe, fosse destinato a ripetere l'epica impresa messa a segno da Filippo Candio, l'unico November Nine che l'Italia possa vantare.

Per spiegare la portata di quello che questa notte ha tenuto migliaia di appassionati incollati alle pagine di Facebook come dei blog live in preda ad una terribile sindrome compulsiva da "CTRL+F5" (lo so, lo so, su Mac è cmd+F5…) bisognerebbe essere degli artisti della parola, dei poeti del sentimento e, perché no, riuscire anche ad avere quella sfrontatezza necessaria per confessare che "sì, lo abbiamo seguito perché in fondo ci siamo sentiti per ore allo stesso tavolo di Sergio".

Quasi come un pezzetto di noi stesse davvero provando a conquistare un appuntamento con la storia del Final Table e potesse giocarsi le carte che lo separavano dal braccialetto più importante del poker.

"WSOP.com aggiorna… wsop.com aggiorna… wsop.com aggiorna… alle 6.15am ho come un tic nervoso" ha scritto questa mattina la pro di GD Poker Carla Solinas riassumendo con uno status su Facebook di sole due righe lo stato d'animo di migliaia di tifosi.

Perché, anche se questo anno ci siamo ritrovati orfani di quello streaming video cercato per ore, non ce la siamo mica sentita di lasciare Sergio solo al tavolo.

Wsop.com aggiorna… Wsop.com aggiorna…

No.

Non è vero.

Stavolta, caro WSOP.com, sarebbe stato meglio se non avessi aggiornato. 

Meno di Candio, più di Candio

Per quanto non sia certamente elegante lanciarsi in paragoni simili, tracciare un parallelo tra l'avventura appena conclusa da Sergio Castelluccio al Main delle WSOP e quella (storica) messa a segno da Filippo Candio qualche anno fa è probabilmente semplicemente inevitabile.

E, per quanto Filippo sia riuscito ad arrivare a colpi di giocate straordinarie fino ad un tavolo che mai aveva registrato la presenza di un player italiano, quello che è successo oggi con il player nato a Bisaccia, in provincia di Avellino ha per certi versi un che di ancora più incredibile.

Non me ne voglia Filippo, ma quella straordinaria umiltà e quella meravigliosa umanità che Sergio Castelluccio unisce alla sua qualità di gioco sopraffina ed una costanza da brivido…beh, tutte insieme hanno pagato con qualcosa di molto più prezioso del suo quattordicesimo posto e di quei comunque non malvagi 400mila dollari di moneta che non fanno mai male.

"Ha dimostrato ancora una volta di essere un giocatore straordinario", Flavio Ferrari Zumbini.

"Immenso Sergio Castelluccio. Grandissimo orgoglio per tutta l'Italia del poker", Alberto "grandealba" Russo.

"Sei un esempio per i professionisti e per la gente che crede che in questo gioco ci sia bisogno solo di fortuna. Grazie dell'emozione, Sergio.", Salvatore Pengue.

"Sveglio alle 4.30, non posso che tifare Sergio Castellucio!!!", Alessandro "bubukonan" Fasolis.

La vittoria di Sergio Castelluccio, quella vera, è stata di riuscire a ricompattare il poker italiano facendo dimenticare per un momento quelle maledette divisioni che spesso impediscono a questo nostro mondo di evolversi come potrebbe.

L'Italia è piena di campioni di poker.

Filippo Candio, Salvatore Bonavena, Luca Pagano, Dario Minieri, Rocco Palumbo sono tutti giocatori che potrebbero conquistare un Final Table del Main senza far gridare allo "scandalo" nemmeno per un secondo.

Così come Luca Moschitta, Gabriele "galb" Lepore e gli stessi Andrea Dato ed Alessandro "bubukonan" Fasolis - che hanno camminato con Sergio fino al Day6 del Main Event dimostrando al mondo tutto il loro, straordinario, valore.

Eppure, nulla mi impedisce di pensare che se la maggior parte diquesti grandissimi player si fosse trovata nel posto occupato da Sergio al Day7, oggi non ci saremmo trovati davanti ad una reazione così palesemente positiva davanti alla conclusione della sua comunque straordinaria impresa.

Lo abbiamo visto con Candio come sono sicuro lo avremmo visto anche in altri casi, se solo ne avessimo avuto la possibilità. Perché il modo in cui, improvvisamente, l'intero movimento del poker italiano ha scelto spontaneamente di stringersi intorno a Castelluccio non è solo il frutto di un grande Main Event.

È il frutto di una grande carriera e, soprattutto, del grande uomo che la sta portando avanti una mano dopo l'altra.

Ed in un tempo in cui gli italiani sembrano lentamente perdere interesse nel gioco del poker, in cui l'intero Paese sembra fare una fatica tremenda a rialzarsi e ricominciare a correre, in cui   imbecilli patentati parlano di Oranghi e di persone senza saper neppure chiedere scusa, avere davanti un eroe come Sergio Castelluccio è probabilmente uno dei lussi più belli che potessimo concederci.

Vai Sergio, grazie di tutto. Ci hai fatto sognare, ci hai fatto battere fortissimo il cuore e probabilmente ci hai fatto anche battere il record mondiale di "refresh" mai fatti prima in una pagina Internet.

Ci hai ricordato quanto sia bello potersi vantare di essere italiani e come, alla fine, tra Italia e Germania vinciamo sempre noi. Con buona pace di Anton Morgenstern, Angela Merkel ed altre due o tre personcine che non ci vogliono bene.

Condividi:

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti

Bloggers
Battle of Malta: il Blog Ufficiale

Battle of Malta: il Blog Ufficiale

Benvenuti sul Blog Ufficiale del torneo Battle of Malta 2012 organizzato da PokerListings.

Ultimi posts Pagina di  
WSOP Il Blog (semi) Ufficiale delle World Series

WSOP Il Blog (semi) Ufficiale delle World Series

Scopri tutti i segreti e i retroscena delle delle World Series of Poker con il blog esclusivo di Po
Ultimi posts Pagina di  
Il Blog di Leo Margets

Il Blog di Leo Margets

La giocatrice spagnola Leo Margets ci racconta la sua esperienza in prima persona dai tavoli dei

Ultimi posts Pagina di Leo Margets