Nel vulcano, sott’acqua o sul water: i luoghi più strani del poker estremo

Poker estremo

“Famolo strano” diceva Carlo Verdone riferendosi ad un gioco più antico del poker.

Spinti dalla noia o dalla voglia di mettersi alla prova, anche i professionisti e gli amanti del texas hold ‘em hanno improvvisato tavoli verdi nelle situazioni più disparate, come ad esempio su una piattaforma sull’oceano a 90 metri di altezza, sott’acqua o tra i ghiacci della Finlandia. (guarda il video dell’evento)

Qualche tempo fa sei pokeristi si sono sfidati su una piattaforma allestita lungo la costiera di North Head, vicino a Sidney, in Australia: i giocatori eliminati dovevano calarsi nell’oceano con un’imbracatura.

Il vincitore Hugo Asenjo, oltre a scendere normalmente sulla terraferma, ha avuto la possibilità di partecipare alla finale mondiale di poker estremo svoltasi ai Caraibi.

 

Poker sommerso per beneficenza

Nell’edizione 2014 di “Extreme challenge”, organizzato da una celebre poker room, i partecipanti si sono sfidati in Slovenia all’interno di un vulcano inattivo da tre milioni di anni. Negli anni passati le competizioni di Extreme challenge si sono svolte rispettivamente in un igloo, in una miniera di carbone e su una pista per il salto con gli sci.

Il centro sportivo Ponds Forge Centre di Sheffeld nel Regno Unito, invece, ha ospitato un torneo di poker sott’acqua organizzato da John Stanley, subacqueo appassionato di poker.

poker estremo sott'acqua

I proventi dell’iniziativa, sponsorizzata da Diveworld e dal casinò Napoleon, sono stati devoluti a favore dell’associazione Macmillan Cancer Support, che si occupa di assistere i malati di cancro, una patologia che ha colpito la moglie, il padre e il nonno di Stanley.

Festa nazionale sott’acqua

In occasione della festività nazionale Canada Day si sono svolte le World series of underwater poker, nelle quali veniva chiesto ai partecipanti di immergersi per raccogliere le fiches da giocare. Negli Stati Uniti, anche l’organizzazione filantropica Missouri’s Children’s Miracle Network Hospital organizza ogni anno un torneo benefico di poker sott’acqua. La kermesse include un torneo di Go fish (una variante inglese del gioco di carte italiano Famiglie).

Un gioco senza respiro

poiker florida subacqueo

Una foto scattata nel ’51 a Weeki Wachee Springs (Florida) e pubblicata di recente da Huffinghtonpost mostra un gruppo di ragazzi che gioca a poker sott’acqua, in questo caso senza l’ausilio di bombole.

Gridando in bagno

Ma per “farlo strano” non è necessario per forza recarsi in luoghi impervi se si ha un telefonino. Secondo una ricerca effettuata da un casinò del New Jersey su un campione di persone tra i 21 e i 58 anni che gioca a poker con dispositivi mobili, il 42 per cento ha affermato di aver giocato mentre si trovava in bagno.

Seguono quelli che preferiscono praticare il poker online mentre sono al lavoro (47 per cento), su un mezzo di trasporto (41), a letto con il partner (39), mentre mangiano (31), in palestra (13), in chiesa o in un luogo di culto (5).

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti