Mani Storiche: anche i migliori possono sbagliare

Negreanu

Daniel Negreanu è da molti anni al top nel mondo del poker. Con oltre 32 milioni di dollari vinti solo nei tornei, non deve certo dimostrare nulla a nessuno.

Tuttavia, anche un grande giocatore come lui non è immune dagli errori. Ecco un “brutto” esempio tratto da una mano giocata contro Erick Lindgren.

Riconoscerete immediatamente la potente voce di Gabe Kaplan e capirete subito che state guardando uno degli episodi di quello show fantastico che era High Stakes Poker.

Tutti i giocatori più noti del mondo del poker sono stati ospiti di questo show, e oggi vediamo proprio una battaglia tra Daniel Negreanu ed Erick Lindgren.

Pre-flop, Negreanu piazza un raise standard a 2.000 dollari: gli stack di entrambi superano quota 100.000.

L’action al flop

Il flop è da sogno, in particolare per noi spettatori, dato che entrambi i giocatori centrano una monster.

Avendo floppato il nuts, Negreanu comincia immediatamente a erodere lo stack del suo avversario con il suo poker small ball. Tuttavia il turn non gli è amico e la sua mano perde parecchio valore.

Nonostante ciò, il canadese non ha un vero motivo per cambiare la sua giocata, dato che potrebbe essere pagato comunque da una mano peggiore.

Quando Negreanu cerca di fare una value bet al river, Lindgren non perde molto tempo prima di mandarlo all-in, cosa che fa emotivamente impazzire il canadese.

 

Daniel Negreanu call

 

Incredulità al river

In questa stessa sessione aveva già subito la sfortuna. Stiamo parlando della famosa sessione in cui Negreanu perse contro il quads di Hansen, e ne aveva già abbastanza.

Quando Lindgren rilancia al river, in pratica Daniel sa di essere battuto e di dover semplicemente foldare.

Invece di mette quattro minuti per convincersi di una causa persa, cercando di trovare una mano che possa rilanciare al river e che non sia migliore della sua.

Forse Daniel Negreanu avrebbe dovuto ascoltare il commento di Gabe Kaplan (se solo avesse potuto), quando disse “non c’erano progetti di colore al flop”, ma alla fine si convince a concedere $73.000 in una situazione in cui sapeva che il nuts floppato ormai non valeva più nulla.

Persino i giocatori mediocri non potrebbero attribuire a Lindgren una mano peggiore di quella di Daniel: ci viene da chiedere se anche uno come il Kid Poker, di tanto in tanto, non vada un po’ in tilt.

 

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti

×

Sorry, this room is not available in your country.

Please try the best alternative which is available for your location:

Close and visit page