Lezione 4 – Evitate rischi inutili e concentratevi sullo stack

Lesson 4

Ecco la quarta puntata delle lezioni di poker realizzate da Pierre Neuville, il "serial qualifier" di PokerStars in esclusiva per PokerListings!

Mi piace dire che ho una presa salda sul "timone" delle mie probabilità di qualificazione, e che "navigo a vista".

Rimango sempre concentrato su due parametri: evitare rischi inutili e vincere ogni piatto che posso per mantenere uno stack sopra average e rimanere in posizione di qualificazione.

Prendo meno rischi quando posso contare su un ottimo stack rispetto all'average, e ne prendo di più quando comincio a perdere terreno.

Ma a parte questo, il mio gioco non è guidato da "mappe" o formule specifiche per ogni momento. È guidato dalla situazione generale del torneo, rispetto al discorso-qualificazione.

Non abbiate remore a foldare buone carte

Questo tipo di auto-addestramento costante vi aiuterà a foldare "proiettili" come AK, QQ e JJ pre-flop con maggiore facilità, e vi aiuterà ad effettuare dei giusti fold su flop pericolosi quando avete la top pair o AA.

Non scordatevi mai che dovete resistere nel torneo, e non innamorarvi di mani forti che possono farvi fuori.

Canalizzando la vostra attenzione sull'obiettivo generale di questi tornei, svilupperete la vostra "arte qualificatoria" ai più alti livelli.

Quando ho delle ottime possibilità di qualificarmi, e ricevo una "buona" mano pre-flop (tipo 99-QQ, AQ e persino AK a seconda della mia posizione) il mio primo riflesso non è quello di esaltarmi per le mie carte apparentemente belle, ma è quello di valutare gli stack dei miei avversari o di chi ha aperto il gioco.

Se i loro stack corrispondono a più della metà del mio, un call probabilmente mi aiuterà a evitare una situazione di coin-flip.

Se i loro stack sono più piccoli del mio, allora probabilmente sfrutterò la fold equity.

Ovviamente ci sono molti altri fattori che potrebbero entrare in gioco, ma in poche parole io cerco il guadagno massimo, stando attento a ridurre le probabilità di incappare in un "incidente" troppo duro da sopportare.

Calcolate la dimensione del vostro stack in tutti gli scenari possibili

Prima di prendere qualsiasi decisione, non mi limito ad ammirare le mie belle carte, ma calcolo la dimensione futura del mio stack in caso di un call, di un fold, dell'eventualità di dovermi rimboccare le maniche per ottenere di nuovo uno stack decente, e persino nel caso di un coin-flip vinto o perso.

Per determinare la decisione giusta, penso al mio stack in tutti i diversi scenari futuri possibili.

La struttura della strategia, ad ogni modo, è la stessa. È sempre la strategia generale a dominare, ed è quella che mi fa chiedere:

In che modo la scelta che prenderò influenzerà le mie probabilità di qualificazione?

Mi ripeto, perché pochissimi giocatori calcolano e ri-calcolano quale sarà la dimensione esatta del loro stack dopo aver optato per una mossa o per un 'altra.

"Pensare", nel poker, non è solo esitare: è calcolare. E capire le implicazioni di tutti i vari risultati possibili spesso vi suggerirà la mossa migliore da fare.

Io non scommetto sul lancio di una monetina, non gioco in base alle carte… ma mi batto per aumentare le mie probabilità di qualificazione!

Scoprite di più su Pierre Neuville su www.pierreneuville.com.

Le lezioni di poker di Pierre Neuville:

#1. Come Giocare le Premium Hands AK, AQ

#2. Come Raddoppiare le Possibilità di Vincere un Satellite

#3. La Tattica Migliore per Vincere i Tornei di Poker

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti