Lester “Benny” Binion: l’affabile delinquente che inventò le World Series

Condividi:
24 febbraio 2015, Scritto da: PokerListings.it
Postato su: Dentro PokerListings
Lester “Benny” Binion: l’affabile delinquente che inventò le World Series

Lester "Benny" Binion arrivò a Las Vegas dopo la seconda guerra mondiale senza sapere che avrebbe speso a Sin City tutto il resto della sua vita, trasformando la città come mai nessuno prima.

Il suo motto personale era: “Se vuoi diventare ricco allora devi prendere la gente poco importante e farla sentire importante”. Seguendo questo principio in breve tempo la sua sala da gioco, il Horsehoe, divenne uno dei migliori casinò di Las Vegas.

Ma non è per questa impresa che Benny è entrato nella storia, quanto piuttosto per l’aver dato vita al torneo di poker più grande e famoso di tutti i tempi: le World Series of Poker.

Quando per la prima volta a inizi anni settanta la stampa si interesso al torneo, tutti rimasero colpiti dall’atteggiamento cordiale di Binion, che non mancava di stringere mani ed elargire grandi sorrisi.

Thomas “Amarillo Slim” Preston una volta disse su Benny: “Era senza dubbi la più gentile brutta persona o il più cattivo bravo ragazzo che abbia mai conosciuto!”

 

La Storia del Gangster amato da tutti

Binion

Nacque il 20 Novembre 1904 a Pilot Grove, un minuscolo villaggio in texas che contava si e no 190 abitanti.  

Era un ragazzino esile e di salute cagionevole così i suoi genitori non lo iscrissero a scuola e lo tennero a lavorare nella fattoria di famiglia. Col tempo e la crisi economica divenne sempre più difficile per Benny di guadagnare soldi onestamente.

Il suo viaggio nel mondo dell’azzardo cominciò con una piccolo lotteria, quando con 50 dollari di investimento ne guadagnò ben 800!

Benny Binion era estremamente ambizioso e per questo decise di trasferirsi a Dallas dove diede vita ad una sala da gioco che presto divenne molto popolare. Nel frattempo la sua fama di “cattivo” cresceva parallelamente al numero di crimini e assassini in cui il suo nome compariva tra le persone coinvolte.

Dopo la seconda Guerra mondiale Binion, con moglie e figlio a seguito, si trasferì a Las Vegas e acquisì il casinò El Dorado in Fremont Street che ribattezzò in  Horseshoe.

Ma anche a Las Vegas non mancarono crimini e attentati che lo videro coinvolto e nel 1951 perse la sua licenza per il gambling, mentre nel 1953 fu condannato a 5 anni di galera.

Prima di rimettersi in sesto col suo casinò e tornare alla normalità si fece il 1964, quando Benny iniziò a fare del Horsesho  il casinò più chic di Las Vegas. Non ci volle molto visto che la concorrenza era fatta di sudici bar e club.

Non solo Benny rese il suò casino confortevole e ben arredato ma iniziò anche ad offrire cibo e bevande gratuite ai propri client seduti ai tavoli da gioco. Competere con il suò casinò divenne molto difficile, senza contare che anche quando qualcuno ci provava finiva per sparire misteriosamente

 

Le World Series of Poker

Wsop storia

L’idea del torneo più famoso del mondo già gli balenò in testa quando nel 1949 organizzò l’heads-up più lungo della storia fra  il professionista Johnny Moss e il ricco Nick “The Greek” Dandolos.

Il tutto venne trasformato in attrazione turistica e nel frattempo I prezzi e I tornei ai tavoli vennero abbassati così che I visitatori attratti dall’evento finivano per sedere ai tavoli a giocare anche loro.

Ci volle però ben il 1970 prima che il World Championship of Poker venisse organizzato al casino Horseshoe, impiegando però un solo tavolo di gioco.

19 anni dopo le World Series of Poker che intanto erano cresciute, esplosero all’attenzione pubblica con Phil Hellmuth che vince il titolo contro 178 giocatori. Le Series allora già contavano 14 eventi.

Binion morì nel 1989 a causa di un arresto cardiaco, ma i suoi affari andarono avanti sino al 2004, quando il suo casinò venne chiuso e venduto a causa di varie irregolarità fiscali.

Benny Binion

Condividi:

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

VenetianGuy 2015-02-24 12:56:31

Grande merito a questo signore per le World Series ma diciamo anche che tipi come lui hanno contribuito a generare un'immagine negativa del poker che non sembra volerlo abbandonare più...

Bloggers
Battle of Malta: il Blog Ufficiale

Battle of Malta: il Blog Ufficiale

Benvenuti sul Blog Ufficiale del torneo Battle of Malta 2012 organizzato da PokerListings.

Ultimi posts Pagina di  
WSOP Il Blog (semi) Ufficiale delle World Series

WSOP Il Blog (semi) Ufficiale delle World Series

Scopri tutti i segreti e i retroscena delle delle World Series of Poker con il blog esclusivo di Po
Ultimi posts Pagina di  
Il Blog di Leo Margets

Il Blog di Leo Margets

La giocatrice spagnola Leo Margets ci racconta la sua esperienza in prima persona dai tavoli dei

Ultimi posts Pagina di Leo Margets