Leo Fernandez: “Ecco come si diventa dei pro di poker”

Leo Fernandez
Leo Fernandez, PokerStars Pro

Un nuovo post dell’argentino Leo Fernandez (PokerStars) ci aiuta a capire come diventare dei pro di poker

Diventare un giocatore professionista e riuscire ( finalmente) a mettere sulla propria maglia la patch di una room importante.

Vedere coronati gli sforzi di anni di grinding e poter viaggiare giocando eventi live in tutta Europa senza doversi più preoccupare del costo di una camera d’albergo.

Vivere di poker, insomma. Il sogno proibito della maggior parte dei giocatori che, soprattutto a giudicare dalle domande che ci arrivano sempre più di frequente qui in redazione, ancora non hanno ben chiari quali siano i requisiti necessari per avere qualche speranza di farcela in un mondo in cui la competizione non è solo altissima.

La competizione è tutto.

Un pro deve vincere. Molto.

dan cates
Per diventare dei pro bisogna vincere...tutto!
 

Secondo Fernandez è importante che chi vuole diventare un pro di poker capisca fin da subito che vincere qualche torneo non basta a farvi diventare dei giocatori veramente forti.

La differenza tra un campione ed un player che è semplicemente un po’più bravo degli altri sta infatti nel suo esser capaci di vincere con una regolarità da far paura quando gioca le sue partite – che poi queste siano online o live non fa alcuna differenza.

Un giocatore con ambizioni da pro, poi, deve anche essere in grado di capire perché vince al tavolo – razionalizzando al massimo il suo gioco e non lasciando troppo spazio a scuse come “le carte” o “la fortuna” che spesso servono solo a coprire pesanti lacune sulla preparazione teorica del gioco.

Insomma: ancora non vincete il 99% delle partite che giocate? Allora avete due possibilità: o vi perdete d’animo e lasciate perdere...oppure vi mettete al lavoro e provate ad investire nel poker ancora più energie.

Un pro non smette mai d’imparare

Pur sapendo di dire un’ovvietà, il pro di PokerStars non perde occasione di sottolineare come quello dello studio della teoria del gioco e degli aspetti strategici più avanzati sia uno degli elementi più importanti in assoluto per riuscire a strappare (meritandolo) un contratto di sponsorizzazione per giocare a poker.

A parte i nostri irresistibili articoli di strategia del poker, la letteratura dedicata al gioco è ricchissima di validi testi come quelli che già qualche tempo fa vi abbiamo segnalato essere i migliori libri di poker in circolazione e di forum e luoghi d’incontro in cui i player discutono del loro modo di vivere e giocare.

Sinem Melin Races
Volete una patch? Studiate e confrontatevi!
 

Il consiglio di Leo Fernandez per diventare pro, in questo caso, è quello di non lasciarsi mai sfuggire l’occasione di migliorare e considerare anche il gioco del poker come un’attività meritevole di uno studio tanto matto e disperatissimo quanto importante è il contratto di sponsorizzazione che vorreste riuscire a strappare ad una poker room.

Soltanto qualche giorno fa, Lee Davy ha pubblicato un interessante pezzo nel quale spiegava la “dura vita del giocatore di poker” discutendo esattamente dell’importanza della preparazione teorica e del livello di difficoltà di una preparazione tale da far emergere qualcuno al di sopra della media generale.

“Tutti i poker player che conosco lavorano molto duro”, ha scritto Lee riprendendo una sua intervista al campione di cash game e coach Alan Jackson. “Quelli che non lo fanno hanno un talento fuori dal comune...oppure finiscono fuori dal gioco in pochissimo tempo”.

Il che, in altre parole, è come dire: visto che non tutti possiamo esser Maradona, forse sarebbe meglio investissimo di più nello studio e nel confronto con gli altri player che nel pensare di aver ottenuto dei risultati positivi soltanto peché siamo oggettivamente forti.

Un pro non si lascia travolgere dalla confusione

“Ci saranno bad beat. Ci saranno carte maledette. Ed il problema è che nel poker è difficile sapere se si perde per colpa della sfortuna oppure perché si gioca male”, scrive lo stesso Fernandez.

In questo senso, dunque, diventa di fondamentale importanza ricercare in maniera costante un confronto con altri player per scoprire come loro avrebbero giocato la vostra mano X.

Cosa loro avrebbero fatto se si fossero trovati nei vostri panni.

Riuscire a confrontare idee e modi di giocare è infatti – specialmente quando supportato da un’adeguata preparazione teorica – il migliore dei modi per riuscire a migliorare la propria tecnica al tavolo e riuscire a far arrivare quei risultati che, per un pro, non sono mai frutto del caso.

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti