Le Migliori Mani di Poker - l'incredibile bluff di Kanit

kanit ept dublino3

Sulla strada per la vittoria nel €25k SHR all'EPT Dublino, Kanit ha piazzato un bluff spettacolare contro Anton Bertilsson, sfidando le leggi del poker.

Mustapha Kanit infinito. A Dublino, l'azzurro ha vinto il suo terzo Super High Roller nel giro di 12 mesi, dimostrando di essere un giocatore unico e arrivando ad essere il primo dei giocatori italiani ad superare i 6 milioni di dollari vinti in carriera.

Dal flop al river

Siamo al final table del €25k Super High Roller dell'EPT Dublino e sono rimasti in quattro.

Tutti hanno già vinto almeno €176.000, ma il trionfatore se ne porterà a casa oltre €500.000.

I bui sono 50k/100k/10k, quindi nel piatto ci sono già 190.000 chip prima dell'inizio della mano.

Chance Kornuth è lo short stack (1 milione di chip) in prima posizione, e folda. Anton Bertilsson (4,5 milioni) rilancia a 200.000 da bottone.

Mustapha Kanit da small blind ha

   

e rilancia a 530.000. Charlie Carrel folda da big blind, ma Bertilsson rilancia di nuovo a 1.180.000.

Kanit chiama e il piatto ora vale 2,5 milioni di chip, con stack effettivi di 3 milioni circa per entrambi.

Il flop è

     

Kanit fa check, Bertilsson punta 700.000 e Kanit chiama. Il piatto vale 3,9 milioni e gli stack effettivi sono di 2,3 milioni.

Il turn è

 

Kanit fa ancora check e Bertilsson lo imita.

Il river è

 

Kanit esce puntando 1,75 milioni. Bertilsson va in the tank e alla fine folda

   

Analisi

È una situazione cruciale in questa fase del torneo. Là dove un amatore sarebbe felice di vincere €170.000, i professionisti sono pronti a dare l'assalto al primo posto.

Il salto nel payout si fa sempre più alto ad ogni posizione, quindi vale la pena prendere qualche rischio per vincere.

Kanit è il chip leader, quindi ha le probabilità più alte di portarsi a casa il torneo. Con una mano leggermente superiore alla media decide di provare una mossa.

Bertilsson rilancia da bottone, quindi il suo range è molto ampio. Anche se è in posizione, probabilmente folderebbe molte mani contro un re-raise.

Ma lo svedese ha una mano che non può mollare, quindi piazza una four-bet. Questo farebbe passare la maggior parte dei giocatori del mondo, ma Kanit non vuole arrrendersi.

Riguardiamo insieme la mano:

Doppio float fuori posizione

Kanit non ha posizione né una buona mano. Ha solo delle ottime pot odds. Ma fa call lo stesso ed è pronto a mettere in pratica un piano molto strutturato.

Il suo call sulla four-bet di Bertilsson è a tutti gli effetti un float pre-flop, cosa che ripete anche al flop.

Un flop A-8-8 potrebbe aver aiutato entrambi i giocatori. Dopo il check di Kanit, Bertilsson punta, cosa che probabilmente farebbe col 100% delle sue mani.

Il fatto che Kanit chiami ancora è sensazionale. Nel secondo giro di puntate, decide di mettere alla prova il suo avversario. Il turn è la parte cruciale del suo piano.

La trappola

Kanit fa check al turn e Bertilsson lo imita. Questo è proprio ciò che aspettava Kanit, dato che il suo doppio float funziona solo se Bertilsson mostra un po' di debolezza.

Il J al river non è importante per i piani di Kanit. L'unica carta che avrebbe potuto cambiare il suo gioco sarebbe stata un asso.

Ma ora Kanit può completare il suo bluff. Esce puntando e Bertilsson è nei guai. Naturalmente c'è sempre la possibilità che Kanit stia bluffando, ma non sembra molto probabile, dato che Mustapha ha chiamato prima e dopo il flop, dando l'impressione dia vere una mano forte.

Ed è per questo che non si può criticare il fold di Bertilsson. Se avesse chiamato e perso, gli sarebbe rimasto un micro stack di soli sei big blind.

Così Bertilsson  ha commentato la sua quasi inevitabile scelta:

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti