Le migliori mani di Poker – Galen Hall Trova la salvezza al river

Galen

Questa settimana, vi presenteremo un altro grande fold. Durante l'heads-up finale nel corso del main event PCA, Hall chiude la sua scala al river, ma poi si verifica qualcosa che lo fa riflettere.

Continua a leggere per scoprire come Hall è riuscito a togliersi d'impaccio  in questa situazione complicata.

Dal flop al river

Ci troviamo nell'anno 2011, e il PCA sta per terminare. Gli ultimi due giocatori stanno combattendo per il titolo del main event. Di fronte si trovano Galen Hall e Chris Oliver.

Entrambi hanno già in tasca $1.8 milioni, ma ovviamente entrambi stanno cercando il titolo – in aggiunta ad un altro mezzo milione di dollari.

Chris Oliver comanda la situazione in modo perentorio. A sua disposizione vanta 33,9 milioni di chip, si tratta di circa tre volte lo stack del suo avversario.

Hall ha infatti di fronte a lui 12.6 Milioni di chip, e inoltre i bui sono già arrivati a 100k/200k/20k, di conseguenza si trova costantemente sotto pressione. Dal bottone, Hall trova

   

Rilancia fino a 450,000. Oliver chiama dal grande buio , e ora il piatto è di 940,000 chip. Il flop mostra

     

Oliver fa check e Hall punta 575,000. Oliver chiama. Ora il piatto è arrivato a 2,09 milioni di chip. Il Turn mostra

 

I due giocatori fanno check-check. Il piatto rimane a 2,09 milioni.

Il river è

 

Oliver esegue un altro check e Hall punta 2 milioni. Oliver ci pensa per circa mezzo minuto e poi spinge all-in.

Questo porta il piatto a un valore totale di 15,6 milioni di chip. Hall dovrebbe chiamare andando all-in con i suoi restanti 9,5 milioni, se desidera vedere la mano di Oliver.

Dopo alcuni minuti di riflessione, Hall decide di lasciare la sua mano e di concedere questo piatto a Oliver.

Guardando le carte, Oliver aveva in mano A 2 per un full house. Oliver Riesce quindi a vincere questo piatto e garantirsi il 79% del totale delle chip, ma questa mano riuscì in ogni caso a dare un contraccolpo alla sua autostima e alla fine proprio Hall riuscì a vincere il torneo.

Puoi guardare nuovamente questa mano nel viedo sottostante:

Analisi

In una situazione realmente difficile, con la sua permanenza all'interno del torneo realmente in gioco, Halen è riuscito  a lasciare una mano realmente complicata. Ora analizzeremo da vicino ciò che è successo.

Pre-flop, Hall rilancia con una mano realmente scarsa. Giocare in questo modo, facendo crescere Il piatto con in mano 8 4 è una giocata molto loose, e possiamo dire abbastanza discutibile.

Oliver con un asso non potrebbe che chiamare. Il flop fa sì che entrambi i giocatori possono avere possibilità per sviluppare il loro gioco.

Oliver incastra la bottom pair con un gut shot e di conseguenza esegue un check, mentre Hall si trova con una scala bilaterale e di conseguenza esegue una c-bet.

Oliver chiama e il turn gli offre un tris, con molta probabilità la mano migliore (nel caso dubitasse di averla già al flop).

Questa volta Hall fa check dopo il suo avversario per gestire il piatto e  vedere in modo gratuito una carta al river. La sua idea probabilmente è quella di eseguire un bluff nel caso di il river si dimostrasse una carta a lui favorevole.

Una carta da sogno al river

oliver

Il river è la carta perfetta per entrambi i giocatori. Oliver incastra un full house nascosto alla perfezione, e di conseguenza esegue nuovamente un check.

Hall riesce infine a chiudere la sua scala. Ora deve riflettere su quanto puntare pensando che il suo avversario abbia una buona mano e di conseguenza potrebbe pagare una puntata forte al river.

Puntando 2 milioni di chip copre praticamente l'entità del piatto, attendendosi che il suo avversario chiami e paghi la sua mano come vincente. Invece il suo avversario non agisce come preventivato da Hall. Non chiama semplicemente, ma spinge all-in.

Oliver ha fatto così comprendere la forza della sua mano. Non esiste assolutamente la possibilità che abbia in mano delle carte che gli garantiscono un punteggio medio, potrebbe quindi non avere nulla o una mano realmente forte. Solamente in questo caso la sua mossa avrebbe senso.

Le pot odd non favoriscono certamente Hall – Si tratta di 1,6 a 1 – Visto che Oliver punta 12 milioni in un piatto da solo 4 milioni.

Ora per Hall la possibilità di continuare a giocare questo torneo è in bilico, ma non crede che il suo avversario stia eseguendo un bluff.

Eseguire un check-raise all-in È una delle mosse piùImportanti che esistono nel poker, ed esistono al momento un paio di mani che Oliver avrebbe potuto giocare in questo modo.

Guardando la mano successivamente, Oliver avrebbe dovuto optare per un rilancio più limitato. Per esempio avrebbe potuto rilanciare 6 milioni, Hall avrebbe avuto così 2,5 a 1 come pot odd, e sarebbe stato molto più complicato per non lasciare la mano.

Ma per come si è svolta la mano, Hall si è salvato riuscendo ad abbandonare la sua scala per restare in gioco nel torneo e addirittura andare vincerlo.

Conclusione

Nella situazione più importante del torneo, Galen Hall riesce a rispondere in modo corretto ad una mossa sopra le righe del suo avversario.

Oliver cerca in ogni modo di far apparire la sua azione come un bluff, ma senza alcun successo.

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti