Le Migliori Mani di Poker – Come perdere un piatto da $820.000 con A-K

nick salomon2

Oggi daremo uno sguardo a una mano giocata l'anno scorso ai tavoli ultra-high stakes cash game presso il casinò Aria

A perdere questa grande mano è stato l'imprenditore Al Decarolis contro Rick Salomon.

È stato necessario un po' di tempo prima che TC channel Poker Central trasmettesse qualche spezzone dei tavoli high stakes cash game svoltisi nel 2015 presso il casinò Aria, ma ora possiamo goderci sempre più spezzoni di queste partite.

Dal flop al river

Daremo uno sguardo attento a una mano di questo evento cash game. Al tavolo ci sono giocatori facoltosi come gli uomini d'affari Bill Klein, John Morgan, Bill Perkins, Al Decarolis e Bobby Baldwin così come Brandon Steven, Rick Salomon, e per qualche ragione anche Jean-Robert Bellande.

Le mani di NLHE si giocavano con bui da 300$/600$, ma Baldwin e Bellande effettuarono entrambi uno “straddle” (raddoppio della posta senza guardare le carte), quindi in gioco si sono visti subito 2.400$.

Dopo aver visto Morgan e Klein abbandonare la mano, Al Decarolis (stack: 409.000$) spilla

   

Rilancia quindi fino a 8.500. Dopo di lui il giocatore loose-aggressive Rick Salomon (con più chip di Decarolis) dal bottone, contro rilancia fino a 25.000$.

Tutti foldano, ma Decarolis chiama. Nel piatto ci sono ora 54.500$ ed il flop mostra

     

Decarolis fa check, Salomon punta 25.000$ e Decarolis esegue un check-raise fino a 75.000$. Salomon chiama. Ora il piatto è di 204.500$ e gli stack effettivi sono di 300.000$. Il turn è

 

Decarolis fa check e Salomon punta 100.000$. Decarolis chiama e il piatto sale a 404.500$ e gli stack effettivi sono di 200.000$. Il river è

 

Decarolis fa ancora check e Salomon spinge all-in. Decarolis ci pensa, ma dopo la sua chiamata Salomon mostra

   

Così vince un piatto da 822.700$ con un tris di otto.

Analizziamo la mano

Si tratta di una conclusione amara per Al Decarolis. Ha infatti in mano la top pair, con il top kicker, ma si scontra con una mano ancora più forte e perde 400.000$, che equivalgono a 680 grandi bui.

Come può essere successo? Cerchiamo di capirlo

Prima del flop, Decarolis gioca in modo perfetto. Con A-K rilancia dal cut-off in modo da far lievitare il piatto con la sua buona mano.

Appena dopo di lui, Salomon contro rilancia, e quando tutti lasciano si verifica qualcosa di molto interessante.

Tutti si domandano come avrebbe giocato la sua mano Decarolis, dato che lasciare la mano non era certo un'opzione. Rick ha un immagine di giocatore molto aperto, quindi la chiamata di Decarolis è totalmente comprensibile.

Naturalmente, Decarolis con questa giocata si espone al rischio di essere cacciato dal piatto a causa di un bluff anche con una mano forte della sua, o corre il rischio di incontrare una mano fortissima.

Si tratta di variabili da tenere in considerazione quando non si è effettua un nuovo rilancio in questa situazione. Questo tipo di giocata gli avrebbe probabilmente fatto vincere i bui, le ante e i 25.000$ di Salomon.

Guarda qui come si è svolta la mano.

Un errore fatale al flop?

Il flop A-8-8 off-suit appare realmente poco pericoloso e senza particolari progetti. Decarolis si trova in una posizione classica nella quel probabilmente è avanti, ma corre in ogni caso il rischio di essere indietro.

È riuscito a nascondere ottimamente la forza della sua mano pre-flop, e quindi il check è il comportamento perfetto.

A-K è praticamente la mano migliore possibile su di un board del genere, può infatti permettere di guadagnare denaro da moltissime giocate in bluff, però non dovrebbe offrire la possibilità di vincere grandi somme.

Il suo check-raise fino a 75.000$ è inteso proprio a massimizzare la sua mano. Però questa mossa viola contemporaneamente parecchie leggi non scritte del poker.

Quale mano peggiore della sua potrebbe chiamarlo in questo caso? E perché far scappare i possibili bluff?

Tutto quello che è riuscito a costruire tramite la sua chiamata pre-flop lo sta mettendo in una situazione rischiosa. E la cosa peggiore è che sta cercando di costruire un piatto mostruoso, sicuramente troppo grande in relazione alla forza della sua mano.

E questo sarà la sua rovina.

Nessuna via d'uscita al turn e river

salomon

L'errore al flop rende difficile giocare la mano Decarolis e anche abbandonarla.

Fa bene a passare alla modalità check-call dopo la chiamata del suo rilancio da parte di Salomon. Però il piatto è cresciuto così tanto che Salomon può piazzare un paio di puntate dalle dimensioni perfette che concedono a Decarolis delle pot odds di 3 a 1  in ogni situazione, trascinandolo in all-in.

È difficile lasciare la mano in queste situazioni, in ogni caso Decarolis deve essere consapevole che con la sua mano può battere solo assi giocati male e bluff, ma che tipo di bluff potrebbe avere Salomon anche dopo aver chiamato il rilancio al flop?

Considerando l'ammontare di denaro al cento del tavolo in questa mano, Decarolis dovrebbe, o almeno avrebbe dovuto lasciare la mano al turn.

Cosa sarebbe successo chiamando semplicemente al flop?

Diamo uno sguardo a come si sarebbe potuta sviluppare la mano nel caso Decarolis avesse chiamato al flop.

Ci sarebbero stati 104.500$ nel piatto. Nel caso Salomon avesse puntato circa metà del piatto si sarebbe arrivati a un totale di 210.000$.

Decarolis avrebbe probabilmente chiamato un'altra puntata al river, visto che questa mossa non avrebbe tolto tutti i possibili bluff a Salomon.

Un'altra puntata della metà del piatto sarebbe costata a Decarolis 100.000$. In totale, avrebbe perso 200.000$, ossia metà del suo stack, molto meno di quello che ha invece perso.

Non avrebbe solo minimizzato le perdite, avrebbe anche conservato la possibilità di trarre il massimo profitto dai bfluff di Salomon.

Tiriamo le Conclusioni

In questo caso abbiamo l'ennesima conferma di una delle regole base del poker:

Non rilanciare, nel caso una mano peggiore della tua non possa chiamare, o nel caso la mano migliore l tavolo non sembra intenzionata a lasciare il gioco!

Al Decarolis ha ignorato completamente questa regola, e gli è costato molto. Lo stile di gioco del suo avversario loose-aggressive, Rick Salomon ha dato i migliori frutti.

Riesce infatti a mascherare la sua monster e ottiene una grande vincita, grazie all'aiuto del suo avversario.

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti