La strategia di Dominik Nitsche alle WSOP: “Investirò molto nel cash game”

NitscheSyneyThirdept

L’instancabile Dominik Nitsche è sempre valigia alla mano per partecipare a tutti i più importanti tornei di poker alle prossime WSOP2014 è sicuro di vincere il secondo braccialetto

Non importa dove andrete a giocare a poker su questo pianeta, quale torneo internazionale sceglierete, Dominik Nitsche probabilmente sarà lì.

Il 23enne è un viaggiatore di poker senza sosta. Ci siamo incontrati con lui a Sanremo e per parlare delle ragioni dei suoi scarsi risultati all'EPT, della sua nuova casa a Edimburgo, in Scozia, e dei suoi piani per le WSOP 214.

 

Hai vinto un braccialetto WSOP, un titolo WPT e un sacco di altri tornei dal vivo . Tuttavia l’ultimo EPT non ti ha portato niente di buono…

Beh , la varietà è una cosa, e la mia preparazione personale è altro.

Il livello di giocatori dell’EPT è molto superiore rispetto alle WSOP. Ho migliorato il mio gioco molto negli ultimi due anni, così ora mi sento più a mio agio ai tavoli europei.

Ora io non sono preoccupato più se riesco a sedermi accanto ad alcuni dei migliori giocatori di torneo del mondo. Poco importa se vinci.

Ho giocato con la maggior parte di loro on-line , e la mia conoscenza su di loro va ben oltre " questo ragazzo gioca sciolto, e quel ragazzo gioca stretto" .

Penso che mi siederò comunque ad un tavolo finale EPT prima della fine dell'anno.

 

Quale posto ancora manca sulla tua mappa personale del poker live?

Il Giappone. Sarò a Macao nel mese di novembre comunque, quindi non sarà un lungo viaggio. Sto già cercando l'ora di visitare il mercato del pesce ogni mattina per qualche sushi fresco.

 

Tuttavia, non è possibile giocare a poker lì. Non è che vuoi ripetere l’esperienza in Moldavia…

Oh, sai la storia? Son volato a Chisinau per giocare a poker, e quando ho messo piede nel casinò, non c'era niente.

Tuttavia, ho fatto la cosa migliore. Sono saltato sul primo aereo per Cipro e sono andato a vincere un torneo lì!

Sei in giro per il mondo per tutto il tempo, senti ancora di avere una casa?

Vivo a Edimburgo momento. Ero a Londra prima ma quando Manig Löser si trasferì a Vienna, mi sentivo solo lì.

Rupert Elder, David Vamplew, e Andrew Teng sono alcuni dei miei più cari amici, e tutti vivono a Edimburgo. Sono abbastanza soddisfatto della mia decisione di trasferirmi.

Dominic all'EPT

Quindi hai creato una sorta di piccola cricca del poker?

No, non proprio. Sono abbastanza di mentalità aperta, mi piace incontrare persone e parlare con loro, ma questo non significa che ho bisogno di essere parte di un cerchio specifico.

Inoltre, io non scelgo i miei amici in base alle loro abilità nel poker, che è il motivo invece per cui vivo insieme a Andrew Teng. (sorride)

Mi piace il mio modo di vivere a Edimburgo momento. Sto anche pensando di acquistare un appartamento.

 

Quali sono i tuoi piani per Las Vegas?

Giocherò ogni torneo No Limit Hold'em e vincerò il mio secondo braccialetto. Mi do un vantaggio in ogni singolo torneo NLHE. Tutto qui.

 

Hai in mente una specifica strategia per riuscirci?

Farò un paio di cose in modo diverso quest'anno. Per esempio, io giocherò cash game ogni giorno.

Quando iniziano un torneo da $1k, ho intenzione di perdere le primi due, tre ore per giocare cash game.

Non si può vincere nulla nel primo paio di livelli in un torneo. In un cash game, il mio tasso di vincita è molto più alto. E alla fine della giornata, sono lì per fare soldi.

I giocatori che facevano successo in passato sono destinati a scomparire dalle scene. Credo che oggi bisogna fare come me.

Il futuro è di chi come me si fida solo di fattori matematici, come la posizione, la misura dello stack e via dicendo

 

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti