La Storia e i Risultati degli Italiani alle World Series of Poker

Wsop casella

Fin dalle prime World Series of Poker, sono numerosi i nostri connazionali che si sono messi in luce nell’ambito di questa manifestazione.

L’italoamericano Fiore Casella (1924-1976), soprannominato Jimmy, è stato uno dei pionieri delle Wsop, che gli hanno permesso di vincere complessivamente tre braccialetti nel ’71 e nel ’74 con gli eventi “Limit Razz”, “$1,000 Razz” e “$10,000 Limit 7 Card Stud”. Casella, morto di overdose nell’agosto del ’76, è stato lo zio dei fratelli Elisabeth e Francis J. Beckwith, rispettivamente attrice e filosofo.

Il teologo ricorda lo zio pokerista

Nel 2008 Francis J. Beckwith ricorderà lo zio in un passaggio del suo libro “Return to Rome: Confession of an Evangelical Catholic”. Beckwith descrive lo zio come una persona dal carattere vivace e solare e lo paragona all’attore Phil Foster.

Il Tricolore alle Wsop

Tornando a parlare di record alle Wsop, sono da menzionare anche Walter Farina (1954), il primo italiano ad aver conseguito un braccialetto nell’aprile ’95 con l’evento “$1.500 Limit Seven Card Stud”, e il 31enne Filippo Candio, il primo nostro connazionale a qualificarsi al Final Table del “Main Event” 2010 (arrivò al quarto posto).

Pescatori fa incetta di premi

Max Pescatori 2 bracciali WSOP 4

L’edizione 2015 delle Wsop ha visto 101 nostri connazionali “In The Money”, per un ammontare di premi pari a un milione e 400mila dollari. Grazie ai risultati conseguiti nel 2015, Max Pescatori è l’unico giocatore europeo ad avere all’attivo ben quattro braccialetti, due dei quali vinti nell’ultima edizione (“$1.500 Razz” e “$10.000 Seven Card Stud Hi-Lo 8 or Better Championship”).

Per completezza, tuttavia, è da ricordare che l’italo-australiano Jeff Lisandro può vantare ben sei braccialetti, due dei quali conseguiti rispettivamente alle World Series of Poker Europe e alle Wsop Asia Pacific.

Nell’estate 2015 il 44enne milanese Pescatori è tornato a vincere dopo qualche anno di relativa stasi. Quest’anno le sue vincite complessive alle Wsop ammontano a circa mezzo milione di dollari (7 premi ITM).

L’Italia snobba il “mixed game”

Rocco alumbo EV 44 Carousel2
Rocco Palumbo trionfa nell'evento 44 delle WSOP 2012

In un’intervista rilasciata a Cardplayer qualche settimana fa il giocatore lombardo ha riferito di aver un po’ sofferto per la scarsa diffusione in Italia della sua specialità, il “mixed game”, che l’ha portato a ripiegare sul “no-limit”.

Come ammesso dallo stesso 44enne Pescatori, gli ottimi risultati conseguiti durante le ultime Wsop si devono soprattutto alla preparazione degli ultimi mesi, incentrata proprio sul “mixed game”.

Più che nel Main Event, infatti, il professionista milanese eccelle generalmente negli eventi laterali.  Quest’anno in particolare, Pescatori ha vinto l’evento Razz riuscendo ad avere la meglio sullo stesso concorrente che l’anno scorso gli aveva fatto le scarpe. “E’ una ruota che gira” ha commentato a riguardo il Pirata italiano.

La “bolla” del poker online

Davide suriano winner
Braccialetto per Davide Suriano alle WSOP 2014

Nella stessa intervista rilasciata a Cardplayer dopo la vittoria del terzo braccialetto, Pescatori ha evidenziato lo stato di recessione nel quale versa il poker online in Italia, dopo che la “bolla” degli ultimi anni aveva portato le room a sponsorizzare ben 150 professionisti nostrani.

Oltre a Pescatori, un altro italiano che è riuscito a mettersi in luce nelle ultime Wsop è Federico Butteroni, l’unico nostro connazionale insieme a Filippo Candio entrato a far parte dei “November nine”.

Nato a Roma 25 anni fa, Butteroni gioca a poker da quando ne ha 18. I suoi guadagni in carriera ammontano a poco più di 100mila dollari, 46mila dei quali guadagnati in queste ultime Wsop grazie al 20esimo posto nell’evento “$1,500 Monster Stack”.

I Braccialetti e i Risultati più importanti

Event 31 Winner
Dario Minieri (2008)

L’Italia al momento conta 9 braccialetti vinti in totale alle WSOP. E si trova all’ottavo posto dei paesi con più braccialetti: Usa (979), Canada (51), Inghilterra (34), Germania (25), Australia (20), Francia (16), Russia (11), Italia (9)

Max Pescatori: 4

Dario Alioto: 1

Valter Farina: 1

Dario Minieri: 1

Rocco Palumbo: 1

Davide Suriano: 1

Per concludere, riportiamo una breve cronistoria dei principali risultati conseguiti dagli italiani alle Wsop negli anni più recenti:

2006 Max Pescatori guadagna il suo primo braccialetto nel “$2.500 No-Limit Hold'em”.

2008 Primo braccialetto di Dario Minieri con il  “$2.500 No Limit Hold'em”.

2009 L’italo-australiano Jeffrey Lisandro si guadagna il titolo di “Player of the Year”: è il primo giocatore in assoluto a vincere tutti i braccialetti disponibili nelle tre discipline “Seven-card stud”.

candio wsop
Filippo Candio al Final Table

2010 Ben 11 italiani raggiungono la zona “In The Money” al Main Event, record di Filippo Candio (vedi sopra).

2012 Nell’evento #44 Rocco Palumbo (qui di recente intervistato da Pokerlistings) vince il suo primo braccialetto diventando il quinto italiano della storia ad aver raggiunto questo risultato.

2014 Mustapha Kanit raggiunge tre tavoli finali: le sue vincite complessive in questa edizione delle Wsop ammontano a quasi 300mila dollari. Meglio di lui solo Davide Suriano che diviene il sesto italiano a portare a casa un braccialetto WSOP insieme con un primo premio di 335.000 dollari.

2015 Doppietta di braccialetti per Pescatori che entra nella storia. Ottime prestazioni di Buonanno, Sammartino, Isaia, e molti altri italiani (leggi tutti i risultati degli azzurri alle WSOP 2015).

Miglior risultato per Filippo Butteroni, che entra a far parte dei “November Nine”, classificandosi in nona posizione e riuscendo a battere persino Daniel Negreanu.

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti