La mano della settimana – Un colpo tutto al femminile

Condividi:
6 maggio 2017, Scritto da: PokerListings.it
Postato su: Dentro PokerListings
La mano della settimana – Un colpo tutto al femminile

“Poker Night in America” è uno show che ha raccolto pareri positivi. Nell’ultima stagione hanno partecipato soggetti del calibro di Maria Ho e Jennifer Tilly, o Shaun Deeb e Matt Glantz.

La location è sempre quella del Rivers Casino, e già nel primo episodio si è assistito a una serie di mani degne di nota.

Oggi andremo a dare un’occhiata al modo in cui Maria Ho è riuscita ad evitare un brutto colpo, con Jennifer Tilly che ha invece perso l’occasione per fare un gran piatto.

Dal flop al river

Siamo al Rivers Casino di Pittsburgh, in Pennsylvania, e i protagonisti del nostro tavolo sono di un certo calibro.

In particolare, Shaun WaffleCrush Deeb – andate a vedere il suo avatar su PokerStars per saperne di più – ha runnato alla grande per tutta la sera.

Nella nostra mano della settimana, con bui 25/50 dollari, Jen Tilly mette uno straddle da 100 dollari, e Deeb alla sua sinistra apre per 300 dollari.

Quattro giocatori chiamano: Maria Ho sull’hijack, Dave Eldridge dal bottone, Matt Glantz dal big blind e Jen Tilly dallo straddle. La sua mano è

   

Quindi, cinque giocatori per un pot da 1.525 dollari per un flop che recita

     

Checkano tutti finchè la parola passa ad Eldridge, che punta 800 dollari. Passano Glantz e Deeb, la Tilly fa call ma la Ho decide di rilanciare a 2.800 dollari.

Eldridge decide di passare, ovviamente la Tilly gioca. Ora il pot è di 7.925 dollari e arriva il turn, un

 

La Tilly checka ancora e la Ho decide di mettere altri 4.700 dollari. Arriva un altro call della Tilly che porta il piatto a 17.325 dollari.

Il river è un

 

Ora Jen Tilly decide di prendere in mano l’action e punta 6.100 dollari. Maria Ho decide di passare con

 H  

E la Tilly porta a casa un piatto di oltre 23.000 dollari.

Guardate questo video dal minuto 8 per vedere la mano per intero

Analisi

Maria Ho è stata sfortunata. Ha provato a rappresentare una mano, che era esattamente quella in mano alla Tilly.

Andiamo a vedere come si è sviluppata la mano, partendo dall’apertura di Shaun Deeb che è particolarmente loose.

La mano di Maria Ho è ottima per difendere da bottone: giocando deep stack, una one-gap suited è una mano molto promettente.

E anche la mano di Jennifer Tilly è molto buona. Una coppia piccola da questa posizione ha le odds necessarie per andare in set-mining.

Il flop 7-5-3 rainbow è molto dry. Quando tutti checkano fino ad arrivare dalle parti di David Eldridge, lui decide di puntare in semi-bluff con il suo progetto di scala.

Passa Glantz, chiama la Tilly, passa Deeb. Maria Ho sceglie il momento sbagliato per attaccare.

Lei sa perfettamente di non avere molti out, ma prova a percepire debolezza nel range dei suoi avversari e ritiene che il momento sia propizio per attaccare, puntando 2.800 dollari per vincere un piatto di 3.100.

Una move che induce Eldridge a foldare. È una buona mossa, lui sa che solo l’asso avrebbe potuto aiutarlo perciò la puntata poteva essere evitata.

Il turn

La Tilly chiama ancora e questo rende il colpo ancor più interessante, perchè arrivano informazioni – o presunte tali – molto interessanti per la Ho.

Dopo il call pre-flop della Tilly sullo straddle, le sue pot odds erano tali da poter giocare praticamente con tutto, ma noi possiamo identificare tre tipi di mano:

1)      Monster hand o Doppie coppie con 7-7, 5-5, 3-3, 7-5, 5-3 e 6-4

2)      Overpair medie come 9-9 e 8-8

3)      Draw con 8-6 o combo di coppie come 7-6, 6-5 o simili

jennifer tilly on pnia

Chiamare la bet di Eldridge e poi il raise della Ho potrebbe inserire la mano della Tilly nel primo gruppo, ma potrebbe essere anche un modo per speculare.

Il turn rende tutto molto più chiaro, il 3 pareggia il board e dopo il check della Tilly, la Ho punta ancora.

Avrebbe dovuto checkare dietro per poi arrendersi al river? Forse contro un giocatore molto chiuso, ma la Tilly potrebbe essere in gioco con 7-6 o 8-8, mani che non giocano benissimo contro una Ho particolarmente aggressiva.

Quindi non ci sono errori nella seconda puntata di Maria. Solo dopo il secondo call della Tilly, infatti, il suo range diventa molto più chiaro.

Cosa poteva succedere se…

Ora possiamo escludere le mani più deboli dal range della Tilly, come 7-6 e anche 6-5, perchè difficilmente sarebbe arrivato un suo call con mani del genere.

Anche coppie come 6-6 sono fuori dal range. In sintesi, possiamo guardare ad un range davvero molto piccolo.

Il 2 al river ci porta alla resa dei conti. La domanda è: la Tilly ha fatto bene a puntare, o avrebbe dovuto checkare sperando in un’ultima barrel della Ho?

Lei punta 1/3 del pot, ma difficilmente la Ho avrebbe potuto giocare. A meno di un backdoor chiuso – nello specific 6-4 – non esiste una singola combinazione che potrebbe fare call.

Perciò, cosa sarebbe potuto accadere qualora la Tilly avesse checkato? Probabilmente la Ho avrebbe checkato dietro, perciò il risultato sarebbe stato lo stesso.

Il range della Tilly è davvero fortissimo, a maggior ragione quando si chiude il progetto di colore, che è davvero la mano peggiore possibile in mano a Jen.

In ogni caso, il check avrebbe potuto essere la mossa migliore per la Tilly, considerando il suo range molto stretto a fronte di un ampio range di mani che avrebbero potuto bluffare. Avrebbe potuto dunque lasciare una porticina aperta.

Conclusioni

Maria Ho ha giocato in posizione, con grande fantasia e con gli attributi giusti per provare a prendersi un piatto che, in realtà, era già praticamente compromesso già al flop.

Non sapremo mai se avrebbe provato a piazzare un’altra puntata al river. La Tilly l’ha “minacciata” con una puntata non necessaria, andandosi a prendere probabilmente gli stessi soldi che avrebbe vinto semplicemente checkando.

 

Condividi:

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti

Bloggers
Battle of Malta: il Blog Ufficiale

Battle of Malta: il Blog Ufficiale

Benvenuti sul Blog Ufficiale del torneo Battle of Malta 2012 organizzato da PokerListings.

Ultimi posts Pagina di  
WSOP Il Blog (semi) Ufficiale delle World Series

WSOP Il Blog (semi) Ufficiale delle World Series

Scopri tutti i segreti e i retroscena delle delle World Series of Poker con il blog esclusivo di Po
Ultimi posts Pagina di  
Il Blog di Leo Margets

Il Blog di Leo Margets

La giocatrice spagnola Leo Margets ci racconta la sua esperienza in prima persona dai tavoli dei

Ultimi posts Pagina di Leo Margets