La Global Poker League si espande fino in Cina

gpl poker cina

La Global Poker League aumenta la sua visibilità sul mercato cinese grazie a una partnership strategica con Sina Sports, una piattaforma sportiva online.

La Global Poker League ha firmato un accordo strategico a lungo termine con Sina Sports, una piattaforma sportiva online che diventerà "Official Digital Media Partner of GPL" in Cina. Le due realtà lavoreranno a fianco a fianco per assicurarsi che il pubblico cinese riceva una 'copertura localizzata efficace', incluso l'accesso esclusivo ai giocatori della GPL e lo streaming di oltre 400 ore di partite ed eventi.

Il pubblico cinese potrà seguire i contenuti sul canale dedicato al poker di Sina Sport, che farà della copertura della GPL il suo prodotto di punta. Alex Dreyfus, il creatore della Global Poker League, ha annunciato tramite un comunicato stampa che la GPL sarà anche 'parzialmente' finanziata da Ceyuan Venture, azienda pechinese, e Head and Shoulders Capital (Hong Kong).

Sina Sports è la piattaforma sportiva di riferimento in Cina, con oltre 15 milioni di utenti web e 26 milioni di utenti mobile al giorno. Sina.com è anche il quarto sito più popolare in Cina, secondo i dati di Alexa Ratings.

Arthur Wei, general manager e vice presidente senior di Sina Sports, ha dimostrato di credere fortemente nel progetto voluto da Alex Dreyfus: "Credo che Sina Sports verrà visto negli anni come compagnia mediatica capace di anticipare il futuro, per aver portato la Global Poker League in Cina".

Spiegate le scelte degli Hong Kong Stars?

Hong Kong Stars Global Poker League

A questo punto pare evidente come Celina Lin, manager degli Hong Kong Stars - una delle 12 squadre della GPL - abbia scelto tutti talenti locali proprio in previsione di una diffusione della Global Poker League nel mercato cinese.

Non solo, con questa mossa, Dreyfus espande la visibilità della GPL, ma la migliora anche. Nel comunicato stampa, si legge come la GPL voglia lavorare a stretto contatto con Sina Sports per assicurarsi che il prodotto vada bene per il mercato cinese, inclusa

"la creazione di almeno una nuova franchigia in Cina nella stagione 2017"

probabilmente basata a Pechino.

"La GPL ha stretto un accordo con USA Today e ora con la più grossa digital media company cinese", ha dichiarato Dreyfus a CalvinAyre.com.

"Non siamo una compagnia di gambling online: stiamo fuggendo da un modello che ha ormai 15 anni il più velocemente possibile. Il nostro obiettivo è pensare in maniera diversa e concentrarsi sugli appassionati del poker, non sui gambler. Siamo interessati a un pubblico che vuole consumare contenuti e seguire l'azione e sì, giocare non a soldi veri".

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti

×

Sorry, this room is not available in your country.

Please try the best alternative which is available for your location:

Close and visit page