La 3-Bet del Giorno: 3 video da non perdere

Liv Boeree2013 WSOP EuropeEV011K LadiesGiron8JG8311
Un futuro in TV...anche se non certo da velina.

Da rubrica semiseria a casting couch del poker. E si comincia con il video di Liv Boeree.

La nostra prima 3-Bet dalle WSOPE ci porta dritti nella mente della sempre affascinante pro di PokerStars Liv Boeree e dei suoi desideri di mollare tutto per tentare una nuova carriera nel mondo della televisione.

Da non perdere anche il presuntuosetto Ryan Riess – che sostiene di aver giocato alla per-fe-zio-ne tutto il Main Event delle WSOP di Vegas e di Chino Reem che, invece, china la testa davanti agli errori del passato.

1) Liv Boeree: il sogno è la TV

Dopo non esser riuscita a mettere al polso il braccialetto del primo Ladies Event della storia delle WSOPE poi vinto dalla canadese Glazier, Liv si è raccontata davanti alla nostra telecamera in un’intervista fiume che ha preso delle pieghe decisamente inaspettate.

A quanto pare, infatti, la pro di PokerStars sarebbe prontissima ad abbracciare una nuova carriera. Quale?

Cliccate su play per scoprirlo.

2) Riess: “Ho giocato alla perfezione ogni singola mano”

Statene certi: quella in questo video è senza dubbio l’affermazione più sfacciata che sia mai stata fatta nella storia del poker. Anche più di quella secondo cui Jason Mercier sarebbe meglio di Phil Ivey.

Certo, quando si gioca high stakes avere un ego non esattamente di proporzioni tascabili aiuta…ma la bomba lanciata dal giovanissimo November Niner Ryan Reiss è di quelle addirittura troppo grosse per non farci scoppiare a ridere…visto che il ragazzo sostiene di aver giocato alla perfezione il suo Main delle WSOP.

Ma non solo una mano, eh…ma proprio tutte le mani del torneo!

Volete sapere perché? Guardate il video e fatevi un’idea delle mosse geniali raccontate a PokerListings dal giovane pro.

3) I conti (sbagliati) del Chino

Sempre per restare in tema di November Nine, David “Chino” Rheem è stato uno dei primissimi a ricoprire il ruolo da protagonista dei N9 in un tavolo che non vinse ma che gli permise di tornare a casa con un premio di 1.7 milioni di Dollari.

Che, uniti ai soldoni messi insieme con un’altra serie di vittorie importante in pressoché tutti gli eventi del circuito…non sono comunque riusciti a garantirgli alcuna stabilità finanziaria.

Perché errori e debiti si pagano a lungo…vedere per credere.

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti