Jake Balsiger: "Io Non Sono un VERO Giocatore di Poker"

5479 Jacob Balsiger
Jake Balsiger

Sconosciuto fino a pochi mesi fa, oggi l'October Niner si gode il suo momento di gloria.

Tra pochi giorni, il 21enne studente dell'Arizona State University avrà l'opportunità di vincere 8,5 milioni di dollari e di diventare il più giovane campione della storia del Main Event WSOP.

È stato un viaggio interessante, quello di Balsiger, che ammette quanto fosse apprensivo dopo essersi assicurato un posto nel tavolo più importante del poker.

"Non ho risposto al telefono per le prime due settimane dopo essere arrivato tra gli October Nine", ha detto ridendo. "Avevo un sacco di messaggi in segreteria, quando poi ho controllato il telefono".

PokerListings ha parlato con il nativo di Tempe, Arizona, mentre era impegnato alle WSOPE di Cannes. Ovviamente ora Balsiger si sente più a suo agio ad essere intervistato, rispetto al luglio scorso.

"All'inizio ero nervoso, ora non mi fa più effetto", ha detto. "Sono felice di parlare con la gente".

Ed è ottimo, perché se Balsiger vincesse, avrebbe tutte le luci della ribalta che un Main Event comporta. Basta chiedere a Jonathan Duhamel o a Pius Heinz.

Balsiger, un volto nuovo nel mondo del poker

Già arrivare al final table è un risultato incredibile, per chi fino a quest'anno non pensava di essere particolarmente dotato nel poker.

"Non ne so molto di quello che gira intorno al poker, devo essere onesto. Non sono un VERO giocatore di poker o simili", ha dichiarato. "Molte persone sentono il mio nome e si chiedono chi sia".

Cosa piuttosto interessante, Balsiger non ha mollato l'università dopo essere arrivato al final table. Anche se ora è interessato a diventare un professionista a tempo pieno, vuole comunque terminare il corso di studi all'Arizona State.

"Mi diverto, perché ora non ho più nessuna pressione", ci ha confidato. "La vedo più come una cosa da fare per me stesso e basta".

Balsiger ha però ammesso come sia difficile concentrarsi sugli studi, quando stai dando la caccia a un primo posto da 8,5 milioni di dollari.

Pronto per il final table

I November Niner si sono sempre preparati al tavolo finale in modi diversi.

Alcuni hanno evitato di giocare a poker del tutto, mentre altri come Russel Thomas (uno degli October Nine) si è allenato duramente, giocando anche dei finti tavoli finali.

Balsiger è rimasto un po' a metà, parlando di preparazione al Main Event. Ha un coach - Mike 'Timex McDonald - e ha giocato un bel po' a poker, ma non ha voluto studiare troppo attentamente i video dei suoi avversari.

In effetti, chi ha studiato quei video potrebbe affrontare un Balsiger completamente diverso da quello atteso.

"Non so quanto della tua storia passata possa influire sul final table", ha detto. "Ho solo intenzione di vedere come va a finire, invece di pensare a come hanno giocato i miei avversari in passato".

Anche se Balsiger aveva solo un paio di piazzamenti a premio in tornei minori, sarebbe un errore sottovalutarlo. Russel Thomas stesso lo ha definito il giocatore più sottovalutato al tavolo.

Balsiger sponsorizzato 888poker

Balsiger dovrà sicuramente darsi da fare, dato che comincerà il final table con l'ottavo stack (13,1 milioni di chip).

Fortunatamente si è allenato bene, giocando molti tornei in Europa, in parte grazie alla sponsorizzazione di 888poker.

È solo questione di tempo prima che il giovane pokerista cominci ad aggiungere altri piazzamenti a premio al suo curriculum.

"Sono molto felice", ha detto. "Viaggiare e giocare nei tornei è stata un'opportunità fantastica".

A prescindere da cosa succeda al final table del Main Event WSOP, il 29-30 ottobre, con buona probabilità il mondo del poker sentirà molto di più il nome di Balsiger, l'anno prossimo.

"Vorrei diventare un professionista", ha dichiarato. "Voglio giocare quanti più tornei possibile. Penso che i tornei siano molto divertenti".

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti