IPT Saint Vincent: Gustavson fa la voce grossa, tre azzurri al final table

aaron gustavson
Aaron Gustavson

L’ex vincitore dell’EPT di Londra nel 2009 domina il Day 3 e vola al final table da chip leader. Minasi, Novara e Monello le speranze tricolori.

C’è la firma dell’americano Aaron Gustavson sul Day 3 dell’IPT Saint Vincent, prima tappa dell’8° stagione dell’Italian Poker Tour. Lo statunitense comincerà da chip leader nettissimo il final table di domani: con 1.683.000 chip ha quasi il doppio del suo più diretto inseguitore, il lituano Arturs Daugis.

Al 3° posto troviamo Raffaele Castro, player italiano residente in Svizzera che fin qui ha giocato un gran poker, molto solido ma capace anche di giocate estrose. Dietro di lui Paul Testud, transalpino esponente della vecchia scuola, ed Eric Joss – la cui curiosa storia racconteremo tra poco.

Tra il 6° e l’8° posto ci sono infine Delfino Novara, Alessandro Minasi e Marco Monello. Avrebbe potuto arrivare al final table anche Luca Pagano, se non fosse che il membro del Team Pro di PokerStars ha perso terreno sul finire di giornata, ed è stato eliminato al 9° posto quando ormai gli erano rimasti soli i classici ‘spiccioli per la merenda’.

Out come Pagano (5.500 euro per lui) due altri grandi protagonisti delle giornate precedenti, Giuliano Bendinelli (10° per 4.600 euro) e Aristidis Theodoridis (23° per 2.700 euro). Se però Bendinelli può imputare alla sorte avversa per la mancata occasione (era tra i big stack fino all’ultimo, ma ha perso diversi colpi in cui partiva da favorito), Theodoridis può solo incolpare il suo eccesso di aggressività, per aver scialacquato una fortuna.

final table
Il final table dell'IPT di Saint Vincent

Eric Joss, “one chip one chair”

Ma veniamo a quella che è la storia più interessante che ci ha regalato il Day 3 dell’IPT Saint Vincent. Sui bui da 6.000/12.000, lo svizzero Eric Joss era rimasto con circa 20.000 gettoni, praticamente poco più di un big blind.

Quella che sembrava semplicemente la prossima eliminazione annunciata, si è trasformata invece in un’incredibile cavalcata. Joss ha vinto qualcosa come sette showdown di fila, partendo spesso da sfavorito nella mano, e arrivando a moltiplicare il suo stack fino a ritrovarsi, in poco meno di un livello, a sfiorare il milione di chip!

Alla fine lo svizzero Eric Joss, come abbiamo detto, ha chiuso il Day 3 al 5° posto, con uno stack di 703.000 chip. Un risultato per lui impensabile, soltanto un paio d’ore abbondanti prima della chiusura delle buste.

Questa la composizione del final table dell’IPT Saint Vincent:

1)      Aaron Gustavson 1.683.000

2)      Arturs Daugis 907.000

3)      Raffaele Castro 816.000

4)      Paul Testud 786.000

5)      Eric Joss 703.000

6)      Delfino Novara 628.000

7)      Alessandro Minasi 612.000

8)      Marco Monello 397.000

E questo, infine, è il payout che attende i finalisti:

1)      €64.000

2)      €34.000

3)      €24.000

4)      €19.500

5)      €15.000

6)      €11.500

7)      €9.000

8)      €6.500

Ti preghiamo di ricontrollare i dati inseriti

Si è verificato un errore

Devi attendere 3 minuti prima di poter postare un nuovo commento

Non ci sono commenti

×

Sorry, this room is not available in your country.

Please try the best alternative which is available for your location:

Close and visit page